Segui il blog tramite email

sabato 8 settembre 2012

Il contante e gli Italiani

In questi giorni su facebook si sta infiammando la polemica sulla puntata di Report andata in onda alcuni mesi fa e intitolata Contanti saluti al nero (clicca qui per la puntata integrale).
La tesi di Report e' che noi Italiani siamo troppo legati al contante e questo consente milioni di microevasioni che costituiscono una cifra spaventosa e un grandissimo buco per le casse dello Stato che per sopperire a tale perdita si vede costretta ad aumentare le tasse. Se nessuno evadesse, le tasse potrebbero essere abbassate e quindi dovrebbe essere nell'interesse di tutti cercare di cambiare abitudini. La soluzione al problema dell'evasione e' molto semplice e a portata di mano: usare le carte di debito e credito il piu' possibile per rendere tracciabili tutti i pagamenti.
Quando vivevo negli Stati Uniti utilizzavo moltissimo debit e credit card anche per pagare solo un caffe' da Dunkin' Donuts. L'uso delle carte negli Stati Uniti e' talmente diffuso che se vuoi pagare una spesa di oltre $100 con delle banconote ti guardano in modo molto strano, come se fossi uno spacciatore una persona che ha qualcosa da nascondere. Perche' non paga con la carta? - pensa il commerciante - Ha paura di essere tracciato? O magari non ha piu' una carta di credito perche' si e' dimostrato un pessimo pagatore in passato?
Inoltre l'uso delle carte e' considerato una comodita' irrinunciabile da parte dagli Americani anche perche' ne viene incentivato l'uso con offerte piu' svariate. 
Vi porto il mio esempio. Ero titolare di una carta di credito Visa della BP e ogni volta che facevo benzina da loro utilizzando la mia carta, avevo diritto a uno sconto (del 5% se non ricordo male). Inoltre piu' facevo acquisti con questa carta e piu' accumulavo punti che poi potevano essere convertiti in assegni di $25, $50, $75, $100. Quindi mi conveniva sempre pagare con carta invece che contanti. Molto spesso in ufficio quando dovevamo fare spese per qualche centinaio di dollari (magari per acquistare un nuovo PC o una nuova scrivania) il mio manager gentilmente mi consentiva di usare la mia carta di credito e poi il giorno dopo l'ufficio contabilita' mi avrebbe rimborsato. In quel modo avrei acquisito nuovi punti che si sarebbero tramutati in dollari.
Non so bene come funzionino le carte di debito e credito in Italia e probabilmente non ne incentivano l'uso come negli Stati Uniti ma sono rimasto molto colpito dai commenti molto critici e a volte offensivi e volgari verso la redazione di Report. Certamente alcune obiezioni sensate possono essere fatte, magari sollevando il problema delle banche che richiedono commissioni molto alte ai commercianti per l'uso del POS ma i commenti sulla pagina facebook di Report sono stati tutti di tutt'altro tenore:
- E' una proposta assurda perche' con l'uso delle carte si avvantaggiano le banche.
- E' uno stato di polizia! Saremo tutti controllati! E' arrivato il Grande Fratello di Orwell!
- Vergognatevi di questa proposta che favorisce solo i banchieri e politici.
- Report, servo dello Stato e delle banche!
- Gli anziani non le sanno usare, non ricorderebbero il pin, e' una proposta ridicola.
- I veri evasori non sono le piccole aziende.
- Combattere l'evasione dei commercianti non risolve i problemi.
- Cosa c'entra se non ti danno lo scontrino con l'evasione fiscale? Non e' quella la vera evasione.
- Se poi le banche chiudono o bloccano tutto saremo per sempre loro schiavi. 
Potrei andare avanti cosi' a riportarvi molti altri commenti dal tono piu' apocalittico ma il coro italico e' quasi unanime: limitare l'uso del contante e' una proposta ridicola che viene fatta solo per fare un favore alle banche maledette e comunque ci sono evasori piu' grandi da perseguire.
Personalmente immaginavo che l'uso delle carte per scoraggiare l'uso del contante e quindi contrastare con efficacia l'evasione di massa sarebbe stata accolta se non proprio con entusiasmo almeno con un certo interesse perche' se siamo uniti, cambiando poche abitudini, potremmo davvero sconfiggere questo fenomeno e pagare di conseguenza tutti meno tasse.
Invece anche dalle interviste del servizio di Report e' risultato evidente che gli Italiani si sentono uniti solo contro lo Stato e non contro gli evasori e addirittura..."evadere e' legittima difesa" come dice un signore a inizio puntata. Temo che se restiamo restiamo aggrappati a questa vecchia mentalita' in Italia le cose non miglioreranno mai. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate dopo che avrete visto la puntata e letto i commenti sulla pagina facebook di Report.

1 commento:

  1. Avevo visto un commento di un mio amico sulla sua pagina Facebook, ma non avevo capito che c'entasse Report o altro. Appena ho tempo mi guardo la puntata. Sembra anche a me che ci sia molta ignoranza e arretratezza.

    RispondiElimina