Segui il blog tramite email

giovedì 22 novembre 2012

100 delle cose che ho imparato in America

Ciao a tutti, dopo aver letto 50 delle cose che ho imparato in Italia di un'Americana a Roma mi e' venuta voglia di scrivere 100 delle cose che ho imparato in America:
  1. In America puoi pagare tutto con debit o credit card, anche un caffe'. 
  2. Se in un negozio paghi piu' di $100 in contanti potrebbero credere che tu sia uno spacciatore o un tipo losco. Perche' non paghi con le carte? Vuoi evitare che i tuoi movimenti vengano tracciati? Cosa hai da nascondere? Forse non hai una debit o credit card perche' la banca non te l'ha concessa? Cosa hai fatto di grave per non averne una?  
  3. Bere una birra al lavoro in pausa pranzo? Non vorrai essere considerato un alcolizzato! Bere sul lavoro e' immorale e pericoloso. Chissa' cosa pensano gli Americani quando vedono i nostri muratori accompagnare un panino con una bella Peroni camminando sulle impalcature.
  4. Una tetta al Superbowl fa scandalo, una tetta che allatta un bambino in metropolitana e' normale. E' l'intenzione della tetta a fare la differenza.
  5. Le macchine si fermano a far passare i pedoni! Ogni volta che succede mi sembra di stare in un film di Mary Poppins dove sono tutti gentili fino all'inverosimile.
  6. Basta che un albero cada sui cavi della corrente e puoi restare senza luce, acqua, riscaldamento, telefono anche per molti giorni. Ma perche' non mettono i cavi sotto terra?
  7. E' scientificamente provato che l'Hummer e' la macchina grande di chi ce l'ha piccolo.
  8. Hanno il coraggio di chiamare "pizza" una cosa curiosa dalla forma rotonda sulla quale mettono chili di formaggio e litri di olio. 
  9. Gli spaghetti, questi sconosciuti: ho visto piu' di un'americana lasciarli in ammollo in acqua per vari minuti dopo aver spento la fiamma, invece di scolare l'acqua subito. E vogliamo parlare di quando al ristorante te li servono come contorno? 
  10. Inventano malattie come l'ADD per cui se sei solo un po' sbadato devi curarti e comprare le pilloline. Le case farmaceutiche ringraziano e i suoi creativi pensano ad una nuova malattia da introdurre sul mercato.
  11. Se non in rari casi, come il corso di Public Speaking, all'universita' non esistono gli esami orali. Quasi tutto e' sotto forma di test a scelta multipla, forse anche per evitare i voti a simpatia e antipatia del professore. Questi test possono sembrare facili ma in base a come sono strutturate le domande possono diventare estremamente difficili! 
  12. Non esiste il fenomeno del fuori corso semplicemente perche' le universita' americane sono organizzate meglio.
  13. Il bidet? Mai visto uno. Forse e' considerato un oggetto peccaminoso. O forse e' considerato inutile, non lo so. In compenso gli Americani si fanno almeno una doccia al giorno.
  14. L'accappatoio viene usato solo a mo' di vestaglia da domenica mattina. Per asciugarsi dopo una doccia o un bagno, usano due grosse asciugamani. Che scomodita'. 
  15. Se qualcuno per strada ti chiede una sigaretta, poi vuole pagartela 25 centesimi per sdebitarsi.
  16. E' molto facile che un ragazzino venga in possesso di una pistola e se sclera la strage in una scuola e' un probabile evento tragico.
  17. E' facile capire che le persone con magliette a maniche corte anche di inverno sono Americani...cosi' come e' facile capire che quelle persone ben vestite e tutte imbacuccate con cappotti, sciarpe e cappelli di lana sono Italiani (Copriti se no ti ammali non e' una frase che gli Americani hanno sentito spesso durante la loro infanzia).
  18. In autostrada se vai un po' piano in macchina nessuno ti sfanala arrogantemente standoti attaccato a due metri di distanza e costringendoti ad accellerare o a gettarti subito sull'altra corsia per evitare la collisione.
  19. Attenzione a servire il coniglio con le patate ad una cena con degli Americani. Per loro il coniglio e' un dolce animale domestico come un cagnolino o un gattino. Potrebbero andarsene via disgustati.
  20. Sara' un caso, ma noi Italiani diciamo Io non ci credo mentre gli Americani dicono I don't buy it.
  21. Le donne americane non sanno fare il ragu' e forse per questo restano incantate anche solo a vedere dei cuochi mediocri che cucinano piatti mediocri ma lo fanno in modo spettacolare...mia madre e mia nonna usano meno effetti speciali e non raccontano troppe barzellette ma i loro piatti sono sicuramente migliori.
  22. In ufficio c'e' il casual friday: ogni venerdi' puoi quindi vedere il tuo capo non piu' in giacca e cravatta ma in bermuda e camicia hawaiana.
  23. Le file vengono rispettate. E prova a tagliarla. Le altre persone non stanno zitte e potrebbero anche chiamare la polizia.
  24. Per parlare dei loro bisogni corporali usano delle espressioni in codice: number 1 e number 2.
  25. Una bottiglia di Coca Cola costa meno di una bottiglia d'acqua.
  26. In molti fast food c'e' il free refill: ordini un panino e una Coca Cola e puoi riempirti il bicchiere quante volte vuoi. Penso allo stesso scenario a Napoli... la gente entrerebbe nei fast food con le damigiane.
  27. Puoi pensare di aver ordinato una bella pizza con pezzi di patate ma poi quando l'addenti c'e' qualcosa di strano, le patate sono dolci? Ah ecco perche', sono ananas!
  28. Il Parmesan non e' il Parmigiano. 
  29. Al lavoro ti concedono solo 5 giorni di malattia all'anno. E se ti ammali per 6 giorni? Non ho ancora capito che succede. Probabilmente non ti viene pagata la giornata ma forse darsi malati per oltre 5 giorni all'anno e' considerata una furberia da gente pigra.
  30. Pensano che tutti in Italia abbiano automobili piccole piccole per guidare agevolmente nelle strette e tortuose stradine di paese o di montagna.
  31. L'insalata puo' diventare piu' calorica di una bomba al cioccolato per via delle loro salsine ipercaloriche.
  32. Gli Americani hanno le mandibole geneticamente modificate per poter addentare i loro paninoni a quattro strati di hamburger.
  33. Il cappuccino lo bevono anche dopo pranzo o dopo cena. In effetti, perche' no?
  34. L’aria condizionata e' una religione. Caldissima d'inverno, freddissima d'estate. Pero' dopo un po' ci si abitua e si soffre da cani quando si torna in Italia e  cosi' quando inizi a lamentarti con tutti perche' non la usano ti dicono: ecco, e' arrivato l'Americano.
  35. A Thanksgiving il Presidente grazia un tacchino che non verra' ucciso e servito in tavola.
  36. Le religioni si vendono al supermercato in libro+DVD, non lontano da insalate e detersivi.
  37. I tifosi di squadre avversarie di baseball, football, hockey, basket vanno allo stadio con i loro figli e siedono uno accanto all'altro, non vengono divisi in settori e stranamente non sentono il bisogno di sfracassarsi di mazzate. Una partita e' uno spettacolo come andare al cinema, chi avrebbe istinti omicidi verso gli altri spettatori durante un film di Verdone o Benigni?
  38. Credono che un piatto chiamato Fettuccine Alfredo, note in qualsiasi ristorante americano, sia un tipico piatto italiano. Mai sentito in vita mia. 
  39. Tutti gli Italiani sono fan degli spaghetti con le polpette e mangiano spesso il "famoso" panino italiano con le polpette? Mah, mai mangiato uno in vita mia.
  40. Ci sono bandiere americane ovunque...ma stranamente anche se non ci sono i mondiali di calcio.
  41. Si puo' ordinare un hamburger, fare operazioni bancarie o imbucare delle lettere semplicemente restando comodamente seduti in macchina, abbassando il finestrino e allungando il braccio.
  42. Non si oblitera il biglietto prima di salire sul treno. Se il controllore passa ad ogni fermata e fa il proprio dovere perche' mai i passeggeri dovrebbero obliterare?
  43. Se un bambino ama giocare con la Playstation e non ha troppa voglia di fare i compiti e' bene  mandarlo dallo psicologo per capire quale e' il suo problema. Poi magari il fatto che va dallo psicologo puo' farlo complessare e allora solo a quel punto nasce il suo problema.
  44. Con Netflix puoi noleggiare qualsiasi film in Dvd che ti arriva per posta in soli due giorni. E non se ne perde mai uno.
  45. Puoi inviare una lettera da NY a San Francisco e arriva in  tre, quattro giorni al massimo, praticamente e' la stessa distanza dalla Svezia all'Italia. Pero' chissa' perche' in Italia una cartolina da Napoli a Roma puo' impiegarci settimane ad arrivare, sempre se non si perde.
  46. Da Starbucks puoi usare internet gratis e nessuno verra' a chiederti di ordinare qualcosa.
  47. Le piazze o le vie del passeggio non esistono. Magari si va al Mall. 
  48. I candidati alla Casa Bianca si sfidano a confronto sempre e comunque anche se uno dei due crede di essere in netto vantaggio. Lo scopo non e' solo vincere le elezioni ma rispettare gli elettori parlando del programma e facendo risaltare le differenze con l'altro candidato.
  49. Si possono sostenere dei colloqui di lavoro da Starbucks, con il capo di una importante multinazionale che prima di farti delle domande ti offre un cappuccino.
  50. Si puo' perdere la casa se bisogna operarsi e non si ha una buona assicurazione medica.
  51. Molte scuole sono dotate di metal detector.
  52. Qui dicono one cannoli, two cannolis. One panini, two paninis. Sono cose che fanno male al cuore ma purtroppo e' cosi'. E qualche giorno fa ci sono cascato anche io, ordinando ten cannolis, con la s alla fine! Chiedo scusa all'Italia e ai padri della lingua.
  53. Bravo viene usato anche per acclamare un'intera orchestra. Sti Americani fanno una confusione tra singolari e plurali di parole straniere...
  54. Nei negozi di abbigliamento come Macy's puoi provare tutto cio' che vuoi e poi lasciare tutto in camerino. Qualcuno li prendera', li pieghera' e li rimettera a posto. Sono pagati anche per questo, no?
  55. Ovunque vai (o quasi) troverai sempre parcheggio.
  56. La mancia nei ristoranti e' obbligatoria. Amici italiani in vacanza, non fate finta che non ve lo abbia detto e non fatemi fare brutte figure, please.
  57. Puoi avere 50 anni ed essere sotto le direttive di un manager che ne ha 25.
  58. Fare un complimento o raccontare una barzelletta piccante ad una collega puo' causarti dei problemi. Lo chiamano sexual harassment.
  59. Compri una birra in un supermercato e te la mettono in una bustina di carta marrone. Per nascondere il frutto del peccato? Retaggio del periodo proibizionista?
  60. Se le previsioni del tempo dicono che alle 2pm inizia a nevicare e all'1 e 50 non si vede un fiocco di neve, non uscite di casa. Fidatevi, alle 2pm iniziera' a nevicare. Le previsioni del tempo sono molto precise e le scuole chiudono in anticipo basandosi su di esse.
  61. I posti di blocco praticamente non esistono. Perche' i poliziotti dovrebbero sprecare tempo con controlli a campione quando possono usare le loro energie per occuparsi dei veri delinquenti?
  62. Se ti chiedono: How are you? in realta' non gliene frega niente come stai ma e' solo una frase per dire: ciao, ho notato la tua esistenza stamattina pero' non vorrai mica raccontarmi la storia della tua vita?
  63. Quando compri delle birre o delle bottiglie di soda (coca cola, pepsi, sprite e simili) paghi un tot per il contenuto e 5 o 10 centesimi per ogni bottiglia e poi se e quando vuoi, puoi portarle alle macchinette per il riciclo. Per ogni bottiglietta avrai indietro i tuoi 5 o 10 centesimi che hai anticipato. In sostanza ti spingono a riciclare.
  64. Giudicano la nostra TV scandalosa e di dubbia qualita' con tutte quelle ragazze seminude e non hanno proprio tutti i torti pero' loro hanno lo show di Jerry Springer in cui delle donne litigano e possono tirarsi per i capelli mentre il pubblico fa il tifo per una o per l'altra. Mi ricorda questa scena di Verdone...
  65. Per le date si usa prima il mese, poi il giorno e poi l'anno. So di Americani in Italia che hanno iniziato a fare delle scenate perche' pensavano che gli avessero venduto un prodotto scaduto. 1/11/2012 in Italia vuol dire 1 Novembre 2012, in America vuol dire 11 Gennaio 2012.
  66. Se sei un uomo, quando saluti una donna e' necessario un bacio sulla guancia. Quando saluti un uomo, niente baci, va bene una stretta di mano.
  67. Incredibile, i tassisti usano il tassametro! e non sono poi tanto cari come in Italia.
  68. Se c'e' una manifestazione di protesta, nessun manifestante tirera' sanpietrini ai poliziotti e vi sconsiglierei di farlo.
  69. Una protesta dura di solito poche ore con gente che ha dei cartelli con su scritto come come Honk if you want to stop the war. Niente cassonetti bruciati, auto o vetrine distrutte a caso. Suoni il clacson della tua macchina per dire che sei daccordo con la protesta e finisce li'.
  70. L'asciugatrice: che grande invenzione!
  71. Fansnap.com ti consente di visualizzare i posti ancora liberi per un concerto e mostrarti in base al tuo budget quali posti che puoi permetterti e la compagnia, tra le tante, che vende quei biglietti.
  72. Le donne non hanno idea di come parcheggiare i loro SUV.
  73. Esistono anche gli ospedali per gli animali. Possono essere assicurati anche loro? Devo informarmi.
  74. Il lavoro di baby sitter lo fanno anche i ragazzini.
  75. Il Thanksgiving e' piu' importante del Natale perche' e' la festa di tutti gli Americani, indipendentemente dalla loro religione.
  76. Ogni anno milioni di Americani guardano il SuperBowl (la finale di football dall'importanza pari a quella della finale dei mondiali di calcio) solo per i commercials, ovvero le pubblicita' che le aziende mandano in prima visione durante l'evento e che sono sempre molto divertenti o spettacolari.
  77. Se non tagli l'erba del tuo giardino, i vicini possono lamentarsi perche' una casa non curata nel quartiere puo' far scendere il valore anche delle case limitrofe.
  78. Dei negozi come CVS che hanno la caratteristica principale di avere una farmacia all'interno e vari prodotti per il benessere vendono anche sigarette (ma anche i prodotti per smettere di fumare). Si fa di tutto per il profitto.
  79. La patente e' piu' importante della carta di identita' ed e' il documento per eccellenza che ti chiedono ovunque per dimostrare la tua identita'.
  80. Se fanno uno starnuto ti dicono 'scuse me. Se fanno un rutto, non si scusano necessariamente. Lo starnuto puo' trasmetterti i germi, il rutto anche se e' un rumore fastidioso non ha effetti sugli altri. Pragmatismo americano.
  81. La cultura generale non interessa ma gli Americani preferiscono avere una conoscenza  approfondita in un campo particolare. Il generale non fa per loro.
  82. Ci sono negozi che vendono solo vitamine come Vitamine Shoppe e vanno anche bene.
  83. Se l'autobus scolastico e' fermo e sta facendo salire dei bambini, devi fermarti non solo se ti trovi dietro di esso nella stessa corsia ma anche se ti trovi nella corsia opposta.
  84. L'Italo-americano e' una lingua a se' divertentissima: la torta (cake) diventa la checca, i tubi (pipes) diventano le pippe, i gabinetti (cabinets), diventano i gabinetti. Frase italo-americana per eccellenza: Vado ad apparcare il carro. 
  85. Nelle case non esistono i balconi e le finestre, quasi sempre chiuse, non servono per affacciarsi. Che tristezza.
  86. Il giardino va curato, bisogna tagliare l'erba, togliere le foglie secche e tenerlo immacolato ma pochi poi se lo godono davvero. Al massimo un barbecue l'anno.
  87. Se vai in bicicletta o sui rollerblades devi metterti il casco. In moto non e' necessario. Devo ancora capirne la logica.
  88. Puoi contrattare il tuo stipendio con un potenziale datore di lavoro. In Italia lo stipendio che potrebbe offrirti un datore di lavoro e' scolpito sulla pietra e cercare di contrattare e' un comportamento ingrato. Ma come uno ti offre un posto di lavoro e vuoi anche contrattare lo stipendio? Stai zitto e accetta quei 500 euro al mese con il capo chino!
  89. I ragazzi possono bere alcolici solo al compimento di 21 anni. Ecco perche' si sbronzano di brutto di nascosto alle loro feste. Bersi una birra a 16 anni ha un fascino trasgressivo incredibile.
  90. A 18 anni i genitori mandano i ragazzi via di casa. E' ora di costruirsi il prorpio futuro e di rendersi indipendenti.
  91. I ragazzi possono prendere la patente a 16 anni, in alcuni stati a 15. Insomma dare da bere ai ragazzi di 20 anni non si puo', dare una macchina in mano ai bambini si.
  92. Appena nasce un bambino, molti genitori iniziano a mettere da parte i soldi per il college.
  93. Molti ragazzi chiedono prestiti alle banche per potersi pagare gli studi universitari. Forse per questo frequentano e non si lamentano se i professori prendono la presenza. Spendono fior di quattrini che devono restituire alle banche con gli interessi e dovrebbero anche non frequentare? Sarebbe assurdo. 
  94. Un buon modo per entrare in un ottimo college e' prendere voti alti all'high school e facendo attivita' extrascolastiche. Ecco perche' le mamme stressano i figli a fare questa o quella attivita' e a diventare iper competitivi. E poi alcuni ragazzi sclerano...fateli giocare a pallone felici per le strade.
  95. I ragazzi si laureano a 22 anni, iniziano subito a lavorare e a 30 anni magari hanno gia' casa loro...mentre noi siamo ancora bloccati all'universita' al quarto fuori corso.
  96. I ristoranti sono molto costosi, un piatto di pasta puo' costare anche 30 dollari, una bottiglia di vino che in Italia costa 15 euro, qui possono fartela pagare 50 dollari e piu'. Un'alternativa tra il fast food e il ristorante e' il Diner.
  97. Si possono avere idee politiche diametricalmente diverse ma nessuno arriva ad alzare la voce, a mandarti a quel paese o addirittura a toglierti l'amicizia perche' voti il partito sbagliato. E di politica, anche sul lavoro, ne parlano pochissimo. Non e' cosi' invasiva come lo e' in Italia in cui nei Tg si parla dei politici dalla prima all'ultima notizia, anche quelle di gossip.
  98. Il customer service e' una cosa fantastica. Puoi portare indietro un prodotto di cui non sei piu' tanto sicuro per qualsiasi motivo e te lo cambiano. Basta portare lo scontrino e non ti faranno un interrogatorio del terzo grado. E se l'oggetto e' difettoso non cercano di dare a te la colpa. Lo cambiano e avanti il prossimo cliente. Non possono mica rischiare che da quel giorno in poi diventi un cliente di un'azienda concorrente? Perche' in Italia non accade? Ah si, lo so, e' perche' i negozi vivono alla giornata e non esiste vera concorrenza.
  99. I comuni ragazzi americani non sapranno molto di storia, geografia, cinema di qualita', cultura generale ma provate e frequentare un corso di accounting con loro. Tu italiano sei al medioevo rispetto a tutto cio' che sanno di mutui, azioni, leasing e tutto cio' che ha a che fare con gli investimenti.
  100. Nel Paese della tecnologia e della modernita' esistono ancora comunita' interessanti come gli Amish che vivono lontani dalla civilizzazione e cercano di non farsene influenzare.

48 commenti:

  1. Bel post complimenti! In particolare il numero 5...anche a me fa impressione vedere le macchine che rallentano da lontano e si fermano quando io ancora sono sul marciapiede e quasi non ho mostrato volontà di attraversare :)

    RispondiElimina
  2. LA STORIA DI ALFREDO DI LELIO E DELLE SUE “FETTUCCINE ALL’ALFREDO” NOTE IN TUTTO IL MONDO
    Con riferimento al Vostro articolo, abbiamo il piacere di raccontarVi la storia di nostro nonno, creatore delle “fettuccine all’Alfredo”, piatto noto in tutto il mondo.
    Alfredo Di Lelio aprì il ristorante “Alfredo” nel 1914 in un locale nel centro di Roma, dopo aver lasciato il suo primo ristorante condotto con la madre Angelina a Piazza Rosa (piazza scomparsa nel 1910 a seguito della costruzione della Galleria Colonna/Sordi). In tale locale si diffuse la fama, prima a Roma e poi nel mondo, delle “fettuccine all’Alfredo”.
    Nel 1943, durante la guerra, Di Lelio cedette detto locale. Nel 1950 Alfredo Di Lelio decise di riaprire con il figlio Armando il suo ristorante a Piazza Augusto Imperatore n.30 “Il Vero Alfredo”, che è gestito oggi dal nipote Alfredo (lo stesso nome del nonno), con l’aiuto di sua sorella Ines (lo stesso nome della nonna, moglie di Alfredo Di Lelio, cui furono dedicate le fettuccine).
    Il locale di Piazza Augusto Imperatore è, quindi, quello che segue la tradizione familiare di Alfredo Di Lelio e delle sue note fettuccine (cfr. il sito di “Il Vero Alfredo” http://www.alfredo-roma.it/).
    Desideriamo precisare che altri ristoranti “Alfredo” a Roma non appartengono alla nostra tradizione familiare.
    Vi informiamo che il Ristorante “Il Vero Alfredo” è presente nell’Albo dei “Negozi Storici di Eccellenza – sezione Attività Storiche di Eccellenza” del Comune di Roma Capitale.

    Cordiali saluti
    Alfredo e Ines Di Lelio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutto molto bello e complimenti.

      Sorge però una domanda

      Come mai le fettuccine alfredo negli USA le trovi ovunque, mentre in Italia ci sono solo nel vostro quartiere?

      Elimina
  3. Grazie mille Ines. Sono onorato di aver ricevuto un vostro commento e faccio i complimenti alla tua famiglia. Ho fatto una ricerca su Wikipedia: http://en.wikipedia.org/wiki/Fettuccine_Alfredo e ho capito che in Italia il piatto esiste (Fettuccine burro e parmigiano) ma purtroppo e' poco conosciuto come fettuccine Alfredo, non so come mai. Comunque di nuovo complimenti! Quando posso passero' dal vostro ristorante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Ciao Luca, stavo leggendo con molta attenzione la tua esperienza negli States sul sito nyc-site e sono arrivato qui nel tuo blog! Che dire, hai veramente le "scatole cubiche", non demordi, sei un grande!
      Chi ti scrive è un "ragazzo" di 33 anni, stanco di vivere a Roma, in Italia, con la fissa da sempre degli States e del Canada...chissà che prima o poi non riuscirò nell'impresa anche io! Oddio, fosse per me partirei ora ma non ho laurea, ne chissà quanto denaro che mi possa permettere determinate cose.
      Insomma, è un pochino complicato! Ma non demordo, questo è certo! Ti volevo dire che le fettuccine esistono e come...Alfredo era un carissimo amico di mio padre nei giorni dell'adolescenza e molte volte mi ha raccontato di lui e delle famose fettuccine ;-)
      Hai contatto fb?
      Mi piacerebbe chiederti molte cose!

      Un saluto

      Simone

      Elimina
    3. Ciao Simone, scrivimi qui la tua email che ti contatto io.
      Per le fettuccine Alfredo, si in Italia ovviamente esistono le fettuccine ma quelle che vengono chiamate Fettuccine Alfredo non sono altro che fettuccine con burro e parmigiano e in Italia praticamente nessuno conosce il piatto fettuccine con burro e parmigiano come Fettuccine Alfredo.
      Ho trovato post interessanti a riguardo, come questo:
      http://www.nuok.it/rroma/rroma-fettuccine-alfredo-queste-sconosciute/

      Elimina
  4. Molto interessante, per una che fra meno di unmese ci ritorna...di qualcosa mi ero accorta anche io...ora ne so di più!

    RispondiElimina
  5. Le fettuccine Alfredo:

    confermo che non le conosce nessuno, almeno qui in Italia, io non le ho mai sentite o viste nei menù.
    Poi ci sono le eccezioni che confermano la regola, ma che gli americani conoscano qualcosa sulla culinaria, per di più piatti appartenenti ad altri paesi, beh mi spiace, ma è utopistico.
    E lo dico perché ho visto mia zia che è nata in Italia e che ci ha vissuto fino all'età di 28 anni, fare le polpette col contorno di spaghetti, eppure mia nonna le aveva insegnato da buona emiliana come si doveva cucinare.
    Macché, una volta negli States, seppur dopo 30 anni di permanenza lì, si era adeguata alla moda del cibo spazzatura riadattato per Homer Simpson (ops...).

    RispondiElimina
  6. Ah ah ah! Che ridere! Le nostre 70 cose ormai hanno fatto partire un trend!!! :)

    Sottoscrivo in pieno tutto eh! :)

    RispondiElimina
  7. E' vero! Dopo aver letto le 50 cose di un'americana a Roma, ho letto anche la vostra risposta delle 70 cose che avete imparato in America.
    Anzi per la gioia di tutti i miei cari lettori eccole qui: http://spremiacume.wordpress.com/2012/10/15/le-70-cose-che-noi-italiani-abbiamo-imparato-in-u-s-a/

    RispondiElimina
  8. molto divertente! eh si io sono una che in macchina uso molto i lampeggianti per farli muovere perche' vanno piano, ma tanto non lo capiscono e non si muovono! e mi accorgo anche, che leggendo sto diventando sempre piu americana! per esempio anche io faccio sempre sempre passare i pedoni perche ho imparato che hanno sempre ragione "no matter what" anche se hanno torto!!! caso strano il guidatore ha sempre torto!

    La no. 62 e' proprio vera, dire HOW ARE YOU ? e' come dire "i see you" ovvero non e' che ti chiedono come stai, e' per dire "ti ho visto, ho visto che ci sei ciao" e poi se invece ti intrattieni si inizia sempre a parlare del tempo "oh oggi e' freddo oggi e' caldo domani piove" per me e' snervante, sono quelle conversazioni vuote che non reggo. pero' e' cosi.....tanto per dire "abbiamo chiacchierato" !

    Per quanto riguarda le fettuccine Alfredo, si io che sono di Roma ovviamente conosco il mitico ristorante Alfredo,e sapevo che venivano da li, ma quando ero in Italia non lo conoscevo come piatto, l'ho conosciuto quando sono venuta qui in USA. A Roma noi diciamo "facciamoci una pasta burro e parmigiano" non diciamo "facciamoci una pasta alfredo". Ma il ristorante si e' un ristorante storico, credo abbia aperto pure qui a New York ma non ricordo bene...

    comunque grazie del post mi hai fatto proprio ridere!

    xoxo
    mili
    www.viverenwyork.blogspot.com

    RispondiElimina
  9. CIao sono Ezio di quattrovecchiinamerica ed oggi finalmente sono riuscito a leggere parte del tuo blgo. Complimenti, mi piace molto e molte cose che tu senti , sono molto simili ai miei sentimenti (sentimenti di una persona che e' tornata da un luogo civile e che ci vorrebbe tornare!). Vorrei inserire il tuo blgo nei miei blogroll, se sei da'ccordo ti inserisco.

    CIao Ezio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ezio, certamente mi fa piacere! Ho letto un po' il tuo bel blog tempo fa.
      Ricapitola un po': dove sei ora?

      Elimina
    2. Aspetta ti dò la 101esima

      In america non ti bocciano mai, semplicemente accumuli crediti ed alla fine del liceo in base ai tuoi crediti potrai optare per un College migliore o peggiore.

      Per essere bocciato al liceo devi combinarle veramente grosse!

      Elimina
  10. Al punto 45 non sono d'accordo

    NYC San francisco sono 4.500 kilometri

    svezia Italia sono 1.500 kilometri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, la mia tesi e' ancora piu' rafforzata allora. facciamo Russia Italia?

      Elimina
  11. 52 e 53

    Dai consoliamoci, in Italia ci sono genitori che hanno chiamato i loro figli Maicol

    RispondiElimina
  12. 73 ti rispondo io

    Esistono anche assicurazioni per animali domestici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti poi mi sono informato ed e' proprio come dici tu.

      Elimina
  13. 79
    Anche perchè in US la cartà di identità non esiste, e L'ID card è tutt'altra cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ID card = Identity Card. In che senso e' tutt'altra cosa? Io in effetti non ho mai fatto una ID card ma sono passato direttamente alla patente americana che assolve in sostanza le due funzioni: patente e carta di identita. Cmq non so esattamente a cosa serve l'ID. Forse e' una carta di identita' per chi non ha la patente. Fammi sapere se hai dettagli piu' precisi. Grazie.

      Elimina
    2. La Id card viene data a quelle persone straniere (in genere studenti) che stanno in US per un certo periodo, per evitare loro che continuino a girare col passaporto.

      Elimina
    3. La ID Card la possono fare anche gli americani, nel caso in cui non hai un altro documento con la fotografia (e molti sotto l'eta' legale per guidare usano di tutto, anche la tessera della biblioteca come documento con foto). Quindi in realta' di americani con ID Card ne trovi davvero pochi.
      La fanno spesso gli stranieir che sono li' con visti di studio per non girare con il passaporto e per poter fare una serie di cose: comprare una macchina, aprire un conto corrente, ecc ecc

      Elimina
  14. 91

    Ok simpatica affermazione, anche se poi nella realtà non è proprio così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia era una frase un po' estremizzata e provocatoria.

      Elimina
  15. 97
    Facile, non esiste la sinistra e non esiste la destra in US

    (Ricordo che quando votai nel lontano 1980 c'era in cabina elettorale ,rigorosamente eletronica, in fondo in un angolino qualche levetta dedicata al PEOPLE Party, ovvero quello che da noi dovrebbe essere il partito democratico)

    I Repubblicani ed i Democratici fondamentalmente vogliono e predicano le stesse cose, con i Repubblicani leggermente a favore della popolazione più abbiente, ed i Democratici a favore leggermente della popolazione più povera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, ho generalizzato perche' non si possono paragonare sistemi politici di Paesi differenti. Generalizzando molto trovo molto piu' simili alla sinistra italiana i democratici e alla destra italiana i repubblicani. Anche se in Italia al momento sembra proprio che destra e sinistra abbiano sempre lavorato assieme pur fingendo di odiarsi...

      Elimina
    2. Caro Amico mio se I Democratici americani assomigliassero anche pur vagamente alla sinistra italiana..penso proprio che gli Stati Uniti sarebbero falliti già da un bel pezzo (stesso discorso vale per Repubblicani=destra italiana).

      Stiamo cercando davvero confronti fra dei professionisti e dei dilettanti allo sbaraglio?

      Elimina
    3. Caro Davide, su questo ti do' pienamente ragione. Magari puo' interessarti questo post: http://tornoavivereinamerica.blogspot.it/2012/10/dibattito-politico-americano.html

      Elimina
  16. 98
    Vera la prima parte
    Sulla seconda (oggetto difettoso) non sono d'accordo.

    Te lo ritirano e ti rimborsano te lo sostituiscono e ancora un po' e si mettono pure a 90°, motivo? hanno pura delle denunce!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon punto di vista. Hai ragione, e' anche la paura delle denunce a far agire cosi'. Ho notato che la stessa paura delle denunce fa chiudere le scuole anche se e' prevista un po' di neve. Alcuni americani mi hanno confermato che spesso le scuole chiudono perche' hanno paura che se qualcuno cade in zone ghiacciate della scuola, potrebbero partire le denunce e allora preferiscono non rischiare.

      Elimina
    2. Comunque bel blog

      Il prossimo anno mi trasferisco per sempre negli USA con la mia famiglia.

      Magari da là troverò non 100 ma 1000 differenze.

      Un salutone

      Elimina
    3. Grazie, dove andrai a vivere? Di cosa ti occuperai? Magari ci si vede li'. Io mi trasferiro' a NY quasi sicuramente tra un paio di mesi come saprai se hai dato un'occhiata ai post della mia seconda avventura americana. Grazie per essere passato su questo blog.

      Elimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  18. Ho scoperto solo ora il tuo blog passando per quello di Donna con Fuso e leggendo questo post mi sto sganasciando. :) Da oggi hai un nuovo lettore!

    RispondiElimina
  19. @ Mattia Grazie mille! Ti troverai bene qui :) Benvenuto!

    RispondiElimina
  20. Aahahhaha bellissimo, tutto vero! Anch'io sono emigrato a new york un anno fa dopo avere avuto la fortuna di vincere la green card, magari ci teniamo in contatto e ci si vede per un caffe, a presto e complimenti per il blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emanuele, se mi dai la tua email ci organizziamo. Gia domani, sabato, faccio un giro a NYC.

      Elimina
    2. ce' un modo per inviartela privatamente tramite il blog?

      Elimina
    3. @ Emanuele puoi scriverla su un post. Ora imposto i post di modo che devo prima approvarli per essere pubblicati. Quindi il post con la tua email, lo leggo solo io e poi lo cancello senza pubblicarlo e poi ti contatto io.

      Elimina
  21. Io ne ho scritte 70 in risposta ad un'americana a Roma http://spremiacume.wordpress.com/2012/10/15/le-70-cose-che-noi-italiani-abbiamo-imparato-in-u-s-a/

    RispondiElimina
  22. Bellissimo post anche se su alcuni punti vorrei dissentire. Spesso dipende da dove ti trovi. Una cosa: noi critichiamo come loro pronunciano le nostre parole italiane, ma noi non siamo certo da meno!

    RispondiElimina
  23. Che bello vedere un punti di vista Italiano che vive in America. Io vengo dal NJ ma vivo in Italia da quasi 15 anni. Ormai mi sto " italianizzando" e sono d'accordo sulla maggiore parte dei punti che hai scritto (gentilezza quasi eccessiva,aria condizionata,ect...). L'unica cosa in cui non sono d'accordo e sul cibo. Ormai da qualche anno trovo che di mangia MOLTO meglio negli USA che in Italia. Il movimento " Foodie " ha xambiato tutto e' la buona cucina e' diventato quasi un ossessione. Il cibo e' piu varia e si mangia di tutto. Poi, per i ristoranti Italiani basta sapere dove andare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille. Pero' scusami davvero intendevi dire che si mangia meglio in Usa che in Italia? Boh, in Italia in qualsiasi trattoria di qualsiasi paesino sperduto secondo me si mangia molto meglio che nel migliore ristorante americano...non contando che in Italia puoi generalmente mangiare bene con poche decine di euro mentre in Usa solo per una bottiglia di vino che in Italia paghi 15-20 euro ti fanno pagare 50-60 dollari o molto piu'. Per il mangiare italiano in Usa e' tutta una macchietta, una brutta copia dell'Italia. Vedo spesso pizze con pollo, insalata o pasta sopra! La pizza italiana non e' cosi! Oppure ti servono gli spaghetti come contorno! Oppure le polpette o il pollo nello stesso piatto di spaghetti mezzi scotti. La cucina italiana in Usa lascia davvero molto a desiderare. Per quanto riguarda la scelta di ristoranti allora concordo. Qui puoi trovare ristoranti di decine di nazionalita' diverse nel giro di pochi metri quadrati. Continua a seguirmi e enjoy Italy!

      Elimina