Segui il blog tramite email

martedì 16 giugno 2015

La polizia e la mia luce dello stop

Qualche giorno ero in giro con la macchina per esplorare una piccola cittadina del Long Island in cui potrebbero trasferire i miei uffici tra qualche mese. In quel caso dovrei cercare un nuovo appartamento e abbandonare il mio caro Connecticut e quindi mi sono detto: andiamo un po' a vedere dove saranno gli uffici e se ci sono delle belle zone li' attorno in cui potrei cercare casa.
Dopo aver visto l'edificio dei nuovi uffici ho iniziato a girare per quella zona. Una macchina della polizia del paese veniva in direzione opposta, mi ha passato ma dopo pochi metri ha fatto un'inversione ad U e si e' messa dietro di me e dopo pochi secondi ha acceso le sirene e mi ha fatto accostare! Poiche' e' un paesino molto tranquillo e io con la targa del Connecticut sono lo straniero in town e la polizia cerca sempre di proteggere i propri cittadini da potenziali minacce "straniere" pensavo mi avra' fermato per un normale controllo. Porca miseria, ho poi pensato, mentre il poliziotto veniva verso il mio finestrino...ho una luce di uno stop di dietro che si e' fulminata e io non l'ho ancora cambiata...e infatti...il poliziotto mi chiede Driver's Licence, Insurance and Registration, e poi mi dice: Sai perche' ti ho fermato? Perche' hai una luce dello stop che non funziona.
E io fingendo di non sapere: Oh really? I didn't know.
Il poliziotto va nella sua macchina e torna dopo pochi minuti:
 - I have a bad news and a good news. The bad news is that you got a ticket. The good news is that if you change the light within 24 hours you don't have to pay the ticket.
E mi porge due moduli. Uno in cui ci sono tutti i dettagli della mia infrazione, targa, indirizzo...tranne la cifra della multa. E l'altro da compilare e poi mandare per posta ad uno degli uffici della Corte locale in cui discutono ed eventualmente cancellano le multe.
Cosi' ho ringraziato il poliziotto e sono tornato in Connecticut. Sono andato da Auto Zone e ho comprato la lampadina dello stop e ho chiesto gentilmente se potevano cambiarla loro. Me la ha cambiata un ragazzo di origini orientali e quando volevo dargli $5 dollari per ringraziarlo lui mi ha detto: no, no. e' un servizio gratuito. Avrebbe potuto benissimo intascarli perche' il suo manager era nel negozio ma e' stato onesto e ha avuto senzo etico. Cambiata la lampadina dovevo farmi certificare che fosse stata cambiata e non potevo certo farlo io. Doveva farlo un negozio di auto parts, un meccanico autorizzato o un poliziotto. Ho chiesto li da Auto Zone se potevano certificare e quindi mettere un timbro su quel modulo ma mi hanno detto che non erano autorizzati e quindi (che stress!) sono andato alla stazione di polizia e ho spiegato la situazione ad un poliziotto che era li comodamente seduto alla scrivania del suo ufficio. Inizialmente era un po' restio a venire a controllare che avessi gli stop funzionati. Diceva che dovevo andare in una stazione di polizia dello Stato di New York (!) perche' la multa l'avevo presa in quello Stato ma poi gli ho fatto notare che sia un meccanico autorizzato che qualsiasi poliziotto poteva certificare il tutto e quindi e' uscito fuori con me, mi ha fatto accendere la macchina e premere i freni e dopo essersi assicurato che era tutto funzionante ha compilato e firmato quel modulo e ci siamo salutati cordialmente.
Ora devo mandare questi moduli per posta e la multa dovrebbe venire cancellata. D'ora in poi staro' piu' attento anche a questi piccoli guasti della macchina. Con la polizia americana non si scherza. Sono pignoli e ti fanno perdere non poco tempo per rimediare ai tuoi errori ma devo dire che mi e' piaciuto l'atteggiamento generale o meglio l'idea di fondo. Per loro non e' importante farti una multa ma e' importante che tu corregga presto un tuo errore per il bene tuo e di chi sta su strada. Rimedi al tuo errore e dimostri di averlo fatto entro 24 ore? Bene, ti togliamo la multa. L'America mi piace anche per questo. Severita', pragmatismo, efficienza.

Lo sport in America e in Italia

Molti anni fa, quando ero ancora ragazzino, alcuni parenti mi portarono a vedere la partita Napoli-Roma al San Paolo. Trovammo i biglietti nel settore dei tifosi del Napoli ed essendo io un tifoso romanista, mi raccomandarono di stare ben attento a non esultare troppo per non tradire la mia fede giallorossa. Poiche’ la Roma vinse 3-1, fui costretto ad implodere tre grandi momenti di gioia anche se in realta’ al terzo goal alzai di istinto un braccio verso l’alto stringendo il pugno, senza urlare. Mi parve che un energumeno davanti se ne accorse e mi diede una strana occhiata… Se ne e’ accorto, se ne e’ accorto – pensavo- ora mi uccide! - ma per fortuna non accadde niente. Tra un goal e l’altro osservavo i tifosi; i napoletani facevano un caos infernale rivolgendo cori offensivi ai tifosi romanisti i quali non si facevano intimorire e rispondevano con altrettanto odio e volgarita’ dal loro settore che a me sembrava un’enorme gabbia. L’arbitro prendeva cori da entrambe le tifoserie. Arbitro cornuto! era il piu’ abusato ma ce n’erano altri piu’ offensivi che non riuscirei neanche a ripetere. 
Un’atmosfera bellicosa e un’esperienza che definirei ansiogena. 
Un paio di anni dopo mi trovavo negli Stati Uniti per un vacanza e alcuni parenti americani mi portarono a vedere una partita di baseball allo Yankee Stadium. Fuori dallo stadio dei tifosi erano intenti nel Tailgating ovvero la tradizione sempre piu’ diffusa tra gli Americani di mangiare e bere, in piedi, accanto alle proprie auto prima dell’inizio della partita. Alcuni avevano addirittura attrezzato dei barbecue e fraternizzavano con i tifosi avversari e piu’ avanti altre centinaia di tifosi si incanalavano verso le stesse entrate senza problemi e poi all’interno dello stadio non venivano divisi in settori ma erano seduti tranquillamente uno accanto all’altro. C'erano molte famiglie con padre, madre e bambini al seguito e l’atmosfera era molto serena anche se molti sembravano piu’ interessati ai loro hot dog e Budweiser salvo poi entusiasmarsi per un bel lancio o uno spettacolare home run. 
Non c’erano Ultras perche’ il tifo era “guidato dall’alto”, dall’organizzazione dello stadio. Le azioni salienti erano sottolineate da alcune musiche emanate delle enormi casse acustiche e i momenti di pausa erano riempiti dalle domande trasmesse dagli enormi maxi schermi sulla storia del baseball: Chi vinse le World Series nel 1988? Chi segno’ piu’ home run nel 1992?
Molti spettatori scommettevano qualche dollaro con il proprio vicino, poi la partita riprendeva e all’improvviso si sentiva un boato anche se non era successo niente in campo. Lo schermo aveva appena trasmesso la risposta corretta e il boato era di quelli che avevano esultato per aver vinto la scommessa con il proprio vicino. 
A volte volava qualche sfotto’ tra gruppi di tifosi avversari ma se qualcuno alzava troppo i toni e diventava minimamente volgare o offensivo, prontamente intervenivano gli steward dello stadio per accompagnare fuori gli esagitati.
Per gli Americani, insomma, lo sport e’ uno spettacolo, non una guerra. Una partita di baseball, hockey, football o basket non e’ ne’ piu’ ne’ meno che andare al cinema, e’ una forma di intrattenimento in cui tutti gli attori in campo contribuiscono a divertire lo spettatore.
Prendiamo un film come Non ci resta che piangere con Benigni e Troisi. Nessuno al cinema si sognerebbe di urlare Regista Cornuto! per una scena che poteva esser girata in modo diverso. 
E vi immaginate un gruppo di ragazzi che lancia un fumogeno contro altri ragazzi perche’ hanno scoperto che hanno riso di piu’ per una battuta di Troisi? Sono fan di Troisi, lanciamogli un fumogeno! E una altro che tira fuori il coltello per andare a dirne quattro a quell’altro che ha riso troppo per una battuta di Benigni? Sono fan di Benigni, adesso gli faccio vedere io! 
Fuor di metafora, scene come queste non si vedranno mai negli stadi americani anche se ancora non riesco a spiegarmi il perche’.  
Forse perche’ qui hanno uno sentimento di unita’ diverso dal nostro?
Forse perche’ le nostre regioni italiani sono state unite con lo sputo e continuano a persistere antiche rivalita’ tra regioni e citta’?  
Forse perche’ i valori dello sport e dell’educazione civica in America vengono insegnati nelle scuole fin da quando si e’ ragazzini? 
Non ho una risposta, ai lettori le proprie considerazioni. So solo che per quanto riguarda lo sport sono due mondi diversi.
E a noi italiani cosa resta di questi valori nelle tante domeniche di violenza negli stadi?  A noi, troppo spesso, di domenica…Non ci resta che piangere.