Segui il blog tramite email

giovedì 26 maggio 2016

Welcome to the United States

"Welcome to the United States of America.
This is to notify that your application for permanent resident has been approved. It is with great pleasure that we welcome you to permanent resident status in the United States."
Qualche giorno fa ho ricevuto la Welcome Letter da parte dell'USCIS. E' stato sicuramente un momento emozionante aprire questa lettera che rappresenta il raggiungimento di un traguardo che tanti anni fa sembrava impossibile.
Pochi giorni dopo mi è arrivata a casa un'altra lettera dall'USCIS contenente una guida per i nuovi immigrati (ovvero per i permanent residents) con alcune info su diritti e doveri e...la tanto agognata green card. E' una carta plastificata di colore bianco e verde con la Statua della Libertà sullo sfondo e tanti sistemi avanzatissimi anti contraffazione. Addirittura dietro ci sono anche le foto di tutti i presidenti ma per vederle bene bisogna prendere una lente di ingrandimento. Anche l'apertura di questa lettera è stato emozionante anche se la gioia per questo traguardo è stato diviso in più momenti. E ora trascorrerò il resto della mia vita con lei.
Come ci si sente con la green card in tasca? Come prima ma con un maggiore senso di libertà.Sono curioso di capire se ora mi si potrebbero aprire nuove porte. Teoricamente potrei anche cambiare lavoro e andare a vivere in un altro stato anche se momentaneamente mi trovo abbastanza bene con la mia condizione attuale. Potrei comprare un piccolo appartamento ma è un passo da fare dopo aver valutato molte cose. Per la cittadinanza invece posso fare domanda solo tra 5 anni. La prenderò? Perché no.

sabato 14 maggio 2016

Green Card

Erano settimane ormai che andavo regolarmente sul sito dell'USCIS per controllare l'ultimo step per la approvazione finale della green card. Inserivo il mio case number, cliccavo su Check my status ma niente...la schermata riportava sempre lo stesso messaggio Case was received. Avrò inserito il mio case number 15-20 volte al giorno ma la schermata non si sbloccava mai: Case was received.  Mi sono convinto che era necessario avere pazienza, probabilmente è ancora troppo presto - mi dicevo - e dovrò aspettare per molte settimane, forse mesi. Addirittura l'avvocato di immigration mi disse tempo fa che ha avuto un caso di un assistito che ha dovuto aspettare per alcuni anni prima dell'approvazione finale. Non è frequente ma, se c'è un intoppo, può capitare. E così ho iniziato a cliccare sul sito qualche volta in meno al giorno, ok ok, non venti volte al giorno ma comunque una decina si.  Doveva pur sbloccarsi quel Case was received prima o poi! E così pochi giorni fa, dopo il milionesimo inserimento del case number qualcosa è cambiato...gli occhi hanno visto qualcosa di diverso, una sagoma leggermente diversa, li ho aperti meglio, ho messo a fuoco e...CASE WAS APPROVED! Sono rimasto immobile a fissare lo schermo per qualche minuto. Poi sono tornato in me, ho raccolto le idee e ho realizzato: Hanno approvato la mia green card!!!
Ero in ufficio e avrei dato la notizia ai colleghi solo più tardi perché alcuni erano in riunione. Nel frattempo guardavo lo schermo con gli occhi lucidi. Allora è fatta, ce l'ho fatta davvero! Dopo tutti questi anni di sacrifici. E pensare che solo pochi anni fa avevo rinunciato al sogno americano per tornare in Italia. L'America ha deciso. Mi ha accolto a braccia aperte la prima volta e mi ha riaccolto a braccia aperte anche la seconda nonostante le avessi voltato le spalle per tornare in Italia quando pensavo che restare qui a vita fosse un sogno irraggiungibile. E' stata paziente, mi ha voluto bene, mi ha fatto penare ma alla fine ha deciso: ora puoi essere uno di noi. You are one of us.
E ora bisogna solo celebrare. Vi ringrazio tutti per avermi seguito sin dal primo giorno in cui decisi di raccontare il tentativo di tornare a vivere qui, trovare un lavoro, uno sponsor, ottenere un visto e poi magari chissà la green card...la mia Mission Impossible. All'epoca non avrei mai creduto di potercela fare ma poi strada facendo ho iniziato a cambiare idea perché nothing is impossible if you really want it. Mi avete portato fortuna e vi ringrazio. God bless you and God bless America! Il cielo oggi è sempre più...Verde.