Segui il blog tramite email

mercoledì 22 febbraio 2017

Le video-interviste: Claudio il Texano

Ciao a tutti, chi si trasferisce in America solitamente sceglie di vivere a New York, Los Angeles, Miami o Chicago o comunque in uno degli stati della East o della West Coast. E' meno probabile trovare un italiano in uno stato più interno ma ce ne è uno che vive in Texas ed è molto seguito su YouTube: Claudio...il Texano.
Conosco Claudio da molto tempo, se non ricordo male iniziò a seguirmi sul blog anni fa e poi ci scambiammo alcune email. Mi diede delucidazioni su visti e green card e ricordo bene che qualche anno fu talmente gentile da registrare un video, che mi mandò per email, per spiegarmi meglio alcuni dettagli sul procedimento per la green card poiché lui la ha ottenuto seguendo lo stesso percorso, tramite sponsorizzazione di lavoro, ma molti anni prima di me.
Mi piace seguirlo perché racconta la vita vera, spesso dura e faticosa che solitamente vive una persona normale in uno stato come il Texas. Non se la passa male ma la sua vita è sicuramente diversa da quella che potrebbero immaginare gli Italiani che sognano gli States: molto lontana dal glamour e dalle luci scintillanti di New York o Los Angeles. Claudio fa il camionista e alza polvere ogni giorno con il suo camion macinando chilometri tra paesaggi aridi e desertici. E' un gran lavoratore che fa tutto per la moglie e il figlio e sogna un giorno di vederlo iscritto ad una ottima università americana.  E' un tipo umile e tenace che ha capito bene che in Usa nessuno ti regala niente, la vita non è tutta rose e fiori ma con un pò di sacrificio in questo Paese puoi ancora prenderti molte soddisfazioni e vivere una vita serena, con poche preoccupazioni.  Godetevi l'intervista e grazie Claudio!


3 commenti:

  1. Dovrebbe fare la controfigura di Eros Ramazzotti! ;-)

    RispondiElimina
  2. Di questo video mi ha colpito molto la conclusione "a sorpresa": «Tornerò sicuramente in Italia — o comunque in Europa». Certo, quasi sicuramente si riferiva a quando andrà in pensione, ma, considerando che sta in America da tanto tempo, sarei curioso di sentire più nel dettaglio le motivazioni. Concordo anche con il successivo saluto all'ottimo blog Torno a vivere in America, "che ha posizioni molto equilibrate", eh eh… chi segue il blog da anni capisce subito a cosa si riferisce ��

    RispondiElimina
  3. Grazie a te per avermi intervistato ! La tua prefazione calza a pennello .

    RispondiElimina