Segui il blog tramite email

sabato 3 agosto 2013

Letto e dialetto da Bob's Furniture

Qualche giorno fa sono andato da Bob's Furniture per dare un'occhiata ai prezzi dei letti. All'entrata sono stato accolto da Gloria, una venditrice un po' anziana, che mi ha chiesto cosa stessi cercando e quando le ho detto che volevo solo avere un'idea dei prezzi dei letti i suoi occhi si sono illuminati perche', come mi ha spiegato in seguito, i letti sono la sua passione. Io avrei voluto fare un giro da solo ma ormai mi seguiva come un'ombra con le sue spiegazioni. Va bene dai, e' il suo lavoro, e come tutti i venditori, si sa, guadagna anche a commissione e quindi ho finto interesse per i dettagli  e le differenze tecniche tra un materasso e l'altro e mi sono prestato a testarli tutti. E cosi' eccomi li a stendermi prima su un materasso e poi su un altro. Prova questo, e ora senti questo altro...questo e' memory foam, questo e' per meta' duro, per l'altra e' piu' morbido, stenditi, stenditi pure come se dovessi dormire, aspetta a rialzarti, aspetta che il calore si trasferisca su di te, stai, stai almeno due minuti steso, rilassati e non pensare a niente.  Sinceramente grosse differenze tra un materasso di $500 e uno di $1000 non le ho provate, in compenso tra un materasso e l'altro stava per venirmi un gran sonno. In tutto questo la domanda fondamentale che mi sono posto e': perche' in Usa usano le box springs? In pratica in ogni letto americano che si rispetti il materasso viene messo sopra ad una struttura rigida, della stessa lunghezza e larghezza del materasso, chiamata box spring. A volte tra box spring e il materasso che viene messo sopra, il letto diventa cosi' alto che bisogna saltarci sopra, magari prendere una scaletta o attrezzare un trampolino. Gloria mi ha detto che vendono anche box-springs piu' basse e che se si ordina un letto Queen Size la box spring sarebbe molto grande e potrebbe non entrare in un ascensore o attraverso una porta, il materasso puo' piegarsi ma la box spring no, essendo rigida. La soluzione e' comprare una box spring divisa in due parti e poi metterle una accanto all'altra sotto al materasso. Buono a sapersi.
Comunque le ho detto che probabilmente sarei tornato per acquistare il letto dopo qualche settimana e pur rattristandosi un po' ha iniziato a raccontarmi del suo lavoro precedente e parlando e' uscito fuori che ha origini italiane perche' i suoi genitori provenivano dagli Abbruzzi. Le ho detto che anche io sono italiano e abbiamo scambiato qualche parola in italiano. Lei non lo parlava molto bene e mi ha confermato un aspetto curioso su come percepiscono l'Italiano corrente gli americani di origine italiana. Infatti mi ha detto che parlo un italiano diverso da quello che ha sempre ascoltato, e immaginava che questo fosse l'italiano corretto e correntemente parlato in Italia. Le e' capitato spesso di ascoltare  Italiani che vengono negli Stati Uniti per brevi vacanze ma e' molto diverso da quello che ha sempre ascoltato dai suoi genitori e dai loro amici emigrati in Usa tanti anni fa. E ci credo quello che conosce lei e' il dialetto! E infatti me lo ha confermato. E' curioso pero' che per questi americani di origini italiane l'italiano corretto abbia un che' di sbagliato, di stridente, alle loro orecchie. Comunque dopo questa interessante conversazione l'ho salutata e se tornero' li' chiedero' di lei, cosi' le faro' fare la vendita e guadagnare la sua meritata commissione. E ora torniamo a casa dove mi aspetta il letto gonfiabile.

5 commenti:

  1. ah che ridere mi hai fatto ripensare anche alla mia unica esperienza da bob's furniture in vita mia, quando sono entrata per vedere un materasso simmons. Anche io volevo il materasso Americano perche volevo quello bello alto, e mi piaceva la versione plush si quello da 1,200$ con lo strato di gel che ti assorbe il calore e le 1,600 molle insacchettate (non per vanita' ma perche' era un period che stavo proprio male di schiena e di collo!) Purtroppo pero' io ho tutti I mobili italiani per cui il materasso Americano queen non mi entra in profondita nel mio giroletto e ho dovuto dire addio al mio materasso dei sogni Americano ed acquistarne uno dall'Italia! ma anche a me veniva di dormire prova che ti riprovat tutti I modelli . I venditori erano molto aggressive inoltre anche io avrei dovuto acquistare se non il box spring una lastra di legno piatta perche' avendo le doghe in legno il materasso nuovo si sarebbe rovinato sul mio letto.Inoltre I prezzi di listino sono molto gonfiati tanto che se contratti ti scendono parecchio anche se fanno finta che devono sentire il manager e blah blah blah . Che esperienza!

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Agosto 2012
    Time square New york
    Io e mio figlio siamo in coda da GUMP aspettando un tavolo.
    Davanti noi in fila, ci sono 2 italiani (dalla parlata sembravano di Brescia)..
    Annoiati dall'attesa iniziamo a parlare con loro salutandoli e chidendo da dove venissero.
    Si girano e ci guardano come se avessero pestato una merda, al che con fare altezzoso ci rispondono in modo molto secco, come per dire "noi con gli italiani non vogliamo averci a che fare"

    Non è la prima volta che mi capita e capisco quindi l'imbecillità degli italiani all'estero.

    Come sempre l'italiano quando va all'estero si trasforma in un ignorante e presuntuoso!

    ...e pensare che se sei in USA dovresti essere lì per imparare qualcosa!

    Loro hanno inventato l'automobile e se c'e' un popolo educato e gentile sono proprio loro, sempre disposti ad aiutarti in ogni modo!

    La più antica democrazia del mondo ha sempre qualcosa da insegnare.

    RispondiElimina
  4. bè scusa non metto in dubbi che ti sia successo ma non mi sembra abbia senso generalizzare, può succedere di incontrare due cafoni deficienti!

    io personalmente quando all'estero ho incontrato italiani li ho sempre trovati gentilissimi con i connazionali, pronti ad aiutare, a dare dritte se necessario, ho sempre riscontrato che all'estero tra italiani si crea sempre molta più solidarietà rispetto a quanto non accada in patria.

    sinceramente che tu dica "Come sempre l'italiano quando va all'estero si trasforma in un ignorante e presuntuoso!" non mi piace molto, ignoranti e presuntuosi saranno i tizi che hai incontrato oppure saranno sicuramente alcune persone, io non penso di essere mai diventata per magia ignorante e presuntuosa nei periodi passati all'estero e non ricordo di avere avuto questa percezione degli altri italiani con cui ho avuto a che fare.

    RispondiElimina
  5. Complimenti per i tuoi post, li leggo sempre con piacere. Spero che alla fine lo hai comprato il letto :)

    RispondiElimina