Segui il blog tramite email

venerdì 31 gennaio 2014

Le pillole della discordia

Non si smette mai di imparare in America.
Da qualche giorno ho dei fastidiosi dolori allo stomaco, che per fortuna si stanno alleviando.
Oggi sono andato dal dottore, ho pagato $30 per la visita e mi ha prescritto delle pillole.
Devo premettere che anche se in passato ho vissuto per quasi 7 anni in Usa, sono stato dal dottore solo un paio di volte per una semplice influenza e non mi sono mai state prescritte delle medicine.
Oggi invece il dottore mi ha prescritto delle pillole e mi ha chiesto a quale farmacia le avrei ritirate e ha mandato la prescrizione direttamente via internet al CVS scelto da me (ce ne sono una decina in citta').
Quindi sono andato da CVS, ho ritirato le pillole e quando mi hanno detto il costo stavo per avere un infarto: $164!!! Pensavo di dover pagare $20, $30 al massimo ma non $164! Ho chiesto alla ragazza alla cassa se l'assicurazione avesse coperto quella spesa. Mi ha chiesto il nome dell'assicurazione e poi mi ha detto che non sapeva, che al momento non c'erano molte persone in farmacia per poter controllare, che potevo lasciare li' le pillole e ritornare oppure pagare e ritornare con lo scontrino. Insomma un discorso un po' confusionario soprattutto per me che ancora non conosco bene le procedure tra dottore, farmacia e assicurazione medica. Cosi' poiche' ne avevo bisogno, ho pagato con la mia credit card, ho preso le pillole e sono andato a casa pensando che probabilmente se CVS aveva gia' tutti i miei dati nel loro sistema quella era la cifra che avrei dovuto pagare e ottenere un rimborso sarebbe stato difficile. Pensavo che avrei potuto contattare la mia assicurazione per chiedere se davvero fosse quella la cifra da pagare out of my pocket e gia mi vedevo a fare telefonate e mandare fax e lettere allegando lo scontrino di CVS ma poi un amico mi ha detto che probabilmente in farmacia non avevano inserito i dati della mia assicurazione. Probabimente non li avevano ricevuti dal mio dottore e poco professionalmente non avevano avuto il tempo e la voglia per inserirli manualmente al momento del ritiro delle pillole. E cosi' mi sono fiondato di nuovo da CVS e ho parlato con un'altra ragazza in farmacia alla quale ho spiegato che poco prima mi avevano fatto pagare una cifra onestamente troppo alta per quelle pillole e che probabilmente non avevano inserito i dati della mia assicurazione. Le ho dato il tesserino dell'assicurazione, ha controllato due minuti sul suo computer e dopo aver inserito i miei dati mi ha detto: guess what? It's just $15.
E cosi' mi ha riaccreditato i $164 e mi ha fatto pagare solo $15. That's better now!
Credo che quindi il resto dei 164 li paghera' l'assicurazione: insomma io $15 e l'assicurazione $149. Non so, devo informarmi comunque che differenza tra avere e non avere l'assicurazione medica. Senza assicurazione qui e' un lusso anche ammalarsi!
Ad ogni modo una bella email di lamentala a CVS l'ho gia' scritta. Si sono comportati in modo poco professionale e a parte questo io ci provo sempre...di solito mi chiedono scusa con un coupon da $20 o piu'. Vi faro' sapere. Comunque l'importate e' sempre la salute e ora speriamo di stare meglio con queste pillole della discordia.

Nessun commento:

Posta un commento