Segui il blog tramite email

lunedì 11 gennaio 2016

Customer service: Amazon e Jus by Julie

Ciao a tutti, in questo blog vi ho descritto spesso il magico mondo del customer service americano e oggi vorrei farvi due altri esempi che mi sono capitati pochi giorni fa.

Amazon.com
Sono abbonato a Netflix, pago $8 al mese e ho accesso a migliaia di film. Spesso però su Netflix non trovo tutti i film che mi piacciono. Dovete sapere che sono un movie uff, ho gusti  un po' particolari direi, di nicchia, quel tipo di film che gli amici normali dicono: ma dai che film ti piacciono? E quelli più strambi mi dicono: wow che filone, un capolavoro!
E insomma li cerco e per fortuna li trovo su Amazon.com che ti consente di noleggiarli per pochi dollari e vederli in streaming, entro 24 ore dall'acquisto, su iPad o PC o TV.
Amazon.com ha il servizio Prime per cui si paga un tot all'anno e si possono vedere migliaia di film (come Netflix). Io non sono abbonato ad Amazon Prime, sono al momento nei 30 giorni di prova e sto pensando di abbandonare Netflix e abbonarmi ad Amazon Prima ma ho notato che Amazon usa una strategia diversa da Netflix. Sparo dei numeri a caso ora ma è per far capire il concetto...Netflix ha 10mila film e pagando l'abbonamento mensile si ha accesso a tutti e 10mila. Amazon ha molti più film, diciamo 30mila film ma pagando l'abbonamento mensile ti dà accesso solo ad alcuni di essi, diciamo 20mila film. Per gli altri 10mila bisogna comprarli individualmente, perché non sono parte del pacchetto mensile. Ieri volevo vedere un film fantastico: Where the Wild Things are ma questo film non fa parte di Amazon Prime quindi bisogna pagare $ 3.99 per vederlo entro 24 ore dall'acquisto. Ho scritto un'email ad Amazon dicendo che ho notato che hanno più film di Netflix e che al momento sono in Amazon Prime (trial for 30 days) e che abbandonerei Netflix e mi abbonerei volentieri al servizio mensile se solo usassero lo stesso metodo di Netflix, ovvero pagare un tot al mese ed hai accesso a tutti i loro film. 
Oggi mi hanno risposto ringraziandomi per il feedback e dicendomi che mi avevano appena accreditato $ 3.99 per poter vedere gratis il film Where the Wild Things are e aggiungendo che gli fa piacere il mio feedback perché pensano che questa dovrebbe essere la loro direzione futura  anche perché lo hanno già chiesto altri potenziali clienti. Bene stasera guardo questo film gratis e forse in futuro mi abbono ad Amazon Prime.

Jus by Julie 
Pochi giorni fa i famosi ho riordinato i famosi succhi Jus by Julie, 18 succhi per una breve dieta dimagrante-disintossicante. Ne ho parlato anche in questo post. Quando li ho ordinati ho indicato la data di consegna. Mi hanno scritto un'email quattro giorni fa per comunicarmi che non sarebbero riusciti a consegnare Giovedì e avrebbero consegnato Venderdì e per scusarsi per il ritardo (di un solo giorno) hanno allegato il codice per un coupon di $50 da poter utilizzare con il prossimo ordine. L'ordine era di $125 e per un piccolo ritardo mi hanno donato $50.  Più del 30%. Non male,ino?

Insomma, Il rispetto verso il cliente prima di tutto.
God bless the American customer service.

3 commenti:

  1. Ciao, in questi giorni sono qui anch´io (per lavoro a San Diego), e stamattina ho preso un paio di scarpe per mia moglie. Dopo un po´abbiamo cambiato idea, e dopo aver guardato lo scontrino sono andato a restituirle per prendere un altro paio che le piacevano di piú in un altro negozio. In Italia sarebbero partite subito occhiatacce per il cliente rompipalle o scuse per non rimborsarti. Qui non ho scorto nemmeno un cenno di disapprovazione. Total refund, sorrisi, "no problem bro, have a good day", e via. Piccolo off-topic sociale: di contro devo dire che la situazione degli homeless mi sembra sempre piú angosciante, (é la 4a volta che vengo dal 2012, ed ogni volta mi sembra peggio...).

    RispondiElimina
  2. Ero a New York e mi si era rotto uno dei due perni che reggono il cinghietto all'orologio. Entro in una gioelleria (enorme) tutta diamanti e anelli.
    Spiego, come posso, il problema e il tizio che mi seguiva chiama un boss, che mi dice "no problem!".
    Mi sostituisce i due cosetti e anche la piccola fibbia di metallo dove si infila il cinghietto.
    Chiedo quanto dovevo e quello mi dice "Nulla. Cosa vuole che sia per noi queste tre cosette. Così sono certo che se dovesse regalare un anello alla sua fidanzata si ricorderà di noi e verrà qui".
    L'anello, a Ny, non l'ho ancora comprato/regalato.
    Ma era il 1998 e ancora mi ricordo perfettamente della cosa.
    (E dove sia la gioielleria...)
    :-)

    d.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curioso di sapere quale sia la gioielleria. Comunque probabilmente qualsiasi gioielleria si sarebbe comportata allo stesso modo. Siamo in America, non in Italia.

      Elimina