Segui il blog tramite email

sabato 9 gennaio 2016

Ricapitolando...le tappe per la Green Card

Vorrei ricapitolare le tappe fondamentali per ottenere la green card tramite sponsorizzazione di lavoro. Una breve premessa è d'obbligo perché continuo a ricevere email in cui noto una certa confusione e chi scrive non ha chiara la differenza tra Visto e Green Card e inoltre pensa che sia facilissimo richiedere sia uno che l'altra.
Il Work Visa è il permesso di lavoro per un numero limitato di anni. Ci sono vari tipi di Work Visa e la loro approvazione non è automatica (come per la green card anche per i Work Visa ci si rivolge a un avvocato esperto di pratiche di immigrazione) e la cosa importante da capire è che non sono rinnovabili all'infinito. Ad esempio per il visto H1B, quello più richiesto, concedono di lavorare per 3 anni ed è rinnovabile solo una volta, per altri 3 anni. Alla scadenza del secondo visto...bisogna tornare in Italia.
Ottenere un visto può costare 4-5mila dollari, la cifra dipende dall'avvocato di immigrazione al quale vi affidate.
Quindi anche se in teoria si può tentare di passare da un visto di lavoro all'altro (non è facile) rinnovare il visto ogni tot anni a un certo punto questa non è la soluzione migliore perché si resta nell'instabilità perenne senza contare che a un certo punto potranno decidere che devi tornare indietro senza discutere.
Quindi conviene fare domanda per la green card e ottenere quindi il permesso di residenza a vita. E' un processo lungo e costoso per l'azienda che deve essere davvero convinta di voler instaurare un rapporto duraturo con te, straniero. Perché sprecare tempo e denaro quando potrebbe benissimo assumere un americano? Devi cercare di mostrarti essenziale per l'azienda e quindi cercare lavoro in compagnie alle quali possano davvero servire le tue caratteristiche perché non le trovano negli Americani.  A quel punto la green card sarà un vantaggio sia per la compagnia che per te, straniero.
Per completare il quadro è bene sapere che si può liberamente lasciare la compagnia che ti sponsorizza, una volta ottenuta la green card anche se per una questione di rispetto e riconoscenza verso la compagnia quasi tutti cercano di restare almeno qualche mese o anno prima di guardarsi  attorno per delle nuove opportunità.

Ecco le tappe fondamentali:

1. La compagnia che ti sponsorizza deve spendere una cifra tra i 10 e i 15mila dollari tra feed da pagare alle autorità americane e quelle da pagare all'imigration attorney che si occuperà delle  varie pratiche.

2. La compagnia deve mettere annunci per un certo numero di settimane per la posizione lavorativa su quotidiani come il NY Times, online, per radio, sulla bacheca all'interno dei propri uffici. In poche parole deve cercare per quella posizione aperta prima tra gli Americani.

3. Quando arrivano i Resume (CV) dei potenziali candidati, la compagnia deve analizzarli con attenzione. E se nessun candidato americano va bene per la posizione, deve inviare una lettera o un'email giustificando il non interesse.

4. La compagnia che a questo punto può dimostrare che ha cercato prima tra potenziali candidati americani, ma che nessuno era davvero adatto alla posizione, chiede al Dipartimento del Lavoro se puo' assumere te, lo straniero, il non-Americano. 

5. Il Dipartimento del Lavoro può dare l'ok, può negare la domanda sostenendo che è impossibile che per quella posizione la compagnia non abbia trovato un buon candidato americano, può chiedere ulteriori dettagli e documentazione.

6. Se il Dipartimento del Lavoro approva, la compagnia deve inviare vari documenti per indicare la propria solidità finanziaria e, molto importante, deve dichiarare che tu, straniero che vuole sponsorizzare con un lavoro permanente, non verrai sottopagato. Il Dipartimento del Lavoro ha una lista per ogni tipo di lavoro con il relativo stipendio minimo in base allo Stato e quindi in sostanza è come se dicesse alla compagnia: cercate un programmatore, un traduttore, un ingegnere straniero? Bene non potete dargli meno di questo stipendio perché è lo stesso che avreste dato a un americano, è il salario minino per questa posizione, in questo anno e in questo Stato. Così si evita che la compagnia assuma uno straniero solo per sottopagarlo, a discapito di un americano.

7. Vieni convocato per la visita medica in uno dei tanti studi medici associati con l'Immigrazione.

8  Una volta ottenuta i risultati li mandi al tuo immigrati lawyer che li manda il invia con altri documenti al Department of Homeland Security.

9 Se tutto va bene ricevi una lettera dal Deparment of Homeland Security in cui ti indicano luogo, giorno e ora in cui devi andare a farti prendere le impronte digitali che verranno inviate all'FBI che dopo un accurato controllo sulla fedina penale, manderà i risultati, al Deparment of Homeland Security e/o all'Immigration. Dovrei controllare.

10 A questo punto potrebbero chiederti di andare a fare un colloquio ma solitamente il colloquio è obbligatorio per chi richiede la green card tramite matrimonio. Per chi viene sponsorizzato da una compagnia solitamente non c'e' colloquio e quindi dopo le impronte si deve solo aspettare. La tanto attesa carta verde, il lasciapassare per poter restare legalmente a vita in questo Paese arriverà per posta. Ancora non so come reagirò quel fatidico giorno che incrociando le dita dovrebbe arrivare presto.

13 commenti:

  1. e già solo arrivare prima del primo passo, ad avere un h1b è di una difficoltà spaventosa...

    RispondiElimina
  2. Ciao , al punto 1 dipende . Per me la ditta che mi ha sponsorizzato ha speso nulla perche' pagavo io e ho speso in tutto 170 dollari ad inserzione e circa 3000 dollari di avvocato .
    Tutto il processo e' costato 7000 dollari compresi tre visti I-551 per me , mia moglie e mio figlio ( Gli I-551 sono gli Immigrant Visa che diventano Green Card nel momento che approdi sul territorio USA , poi la green card vera e propria arrivera' nella cassetta della posta in circa 3..4 mesi ) .

    Scusa gli apostrofi al posto degli accenti ma sai , la tastiera anglosassone...

    Dovresti specificare che il tuo caso e' in realta' un adjustment of status di chi e' gia' presente nel territorio americano .

    Per chi come me e' stato sponsorizzato dagli USA mentre risiedevo fisicamente in italia , e' stato differente .

    Nel mio caso e' identico sino al punto 6 ( tranne i 10.000 dollari a carico dell'azienda )

    Poi viene approvata la Petizione e viene assegnato un priority date che e' la data in cui la tua petizione e' stata approvata dal USCIS

    Ogni mese escono i bollettini Visa Bulletin sul sito dell'USCIS e devi controllare a che punto sta la siuazione .

    Per esempio la mia priority date era aprile 2005 e nel 2011 stavano ancora processando le petizioni del 2004 .
    Poi le cose hanno accelerato un pochino e finalmente a febbraio 2012 hanno processato il mio caso e dato l'OK .

    Da li a poco e' arrivata la lettera del consolato americano con l'elenco di documenti da produrre e la data dell'appuntamento per le visite mediche e il colloquio finale .
    Il tutto si svolge in due giorni presso il consolato USA di Napoli .
    Le visite si fanno all'ospedale Varelli in una sezione apposita adibita solamente ai servizi medici per il consolato USA .

    Il giorno seguente colloquio finale con il console e il pomeriggio si torna a ritirare il passaporto con l'immigrant visa I551 !!!

    Da quel momento hai sei mesi di tempo per entrare nel territorio USA altrimento scade .

    Dal momento che entri nel territorio USA il visto diventa Green Card a tutti gli effetti e successivamente riceverai la green card formato "credit card" nella cassetta delle lettere all'indirizzo che dichiarerai al "porto" di entrata ( io entrai a LAX ) .

    A me ci sono voluti 7 anni dal momento dell'approvazione della Petizione al momento della apposizione del visto sul passaporto ma ultimamente ho visto che per la mia stessa categoria di lavoratore ( skilled worker ) ci vogliono pochi mesi .
    In quei 7 anni non potevo venire a visitare gli USA come turista in quanto ero in attesa della Green Card e c'e' una regoletta che dice che se hai una petizione approvata a tuo favore non puoi ottenere un visto turistico ( e questo si applica anche all'ESTA ) .
    Il principio e' che il visto turistico o ESTA si concede a chi assicura che tornera' in italia e che ha , li chiamano strong ties , forti legami con la patria .
    Questo contrasta con chi invece ha fatto richiesta di green card che invece VUOLE lasciare l'Italia per andare a vivere in USA .

    In definitiva le autorita' dell'immigrazione hanno timore che , causa l'eccessivo tempo di attesa , uno prenda il visto turistico e venga in USA a fare il clandestino .
    In realta' io ho sempre pensato il contrario ossia uno che ha gia' la petizione approvata non e' che stupidamente rovina tutto venendo come turista e poi rimanendo come clandestino !
    Pero' quelle sono le regole e anche il mio avvocato mi disse che non potevo venire in USA nemmeno come turista finche' non avessi ottenuto la Green Card .

    E vabbe'...

    Nel mio caso l'attesa fu' cosi' lunga perche' causa crisi economica del 2008 i flussi migratori erano stati rallentati di molto dal Governo USA .

    Va be' questo e' quanto . Ancora tanti auguri per la tua futura Green Card .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così come se sei sul territorio USA e hai in corso la pratica, non puoi uscire a meno di non richiedere la Advance Parole e comunque non puoi star fuori più di 6 mesi.

      Elimina
    2. Ciao Renata, si l'avvocato ha fatto domanda per l'Advanced Parole. Ho controllato sul sito USCIS e al momento stanno producendo una carta (credo sia quella del permesso di lavoro permanente) e poi approveranno e mi manderanno la GC vera e propria. Certo con la GC non puoi stare fuori dagli USA oltre 6 mesi altrimenti la perdi, ma se io staro' piu' di 15 giorni sara' gia' tanto. Comunque dopo aver preso la GC tra 5 anni faro' domanda per la cittadinanza.

      Elimina
    3. Ciao Claudio,
      attualmente ho ricevuto una proposta di lavoro a Denver. L'azienda che me l'ha fatto si occupa di vendite di mobili italiani di alta gamma e sta aprendo un nuovo store in quella città (ne hanno già in altre città e hanno la sede a Miami). Hanno interesse ad avere una persona che parli italiano e che sia del settore quindi mi hanno contattato. Tuttavia sono a zero per quanto riguarda le pratiche burocratiche. Quanto tempo ci è voluto per ottenere il visto I-551? Anche io ho moglie + e un figlio (e a settembre un secondo in arrivo), mi sai dire se, con quel tipo di visto, mia moglie potrà volendo lavorare una volta là? Grazie mille

      Elimina
    4. Quale è l'azienda? Cosa è il visto I-551? H1b intendi?

      Elimina
  3. Grazie mille Claudio per gli ulteriori dettagli che hai elencato.
    Hai ragione ma per non scendere in tecnicismi legali non ho descritto la Priority Date.
    Per quanto mi riguarda è vero tecnicamente il mio è una green card che passa per l'adjustment of status perché mi trovo già all'interno degli Usa a lavorare legalmente con un visto di lavoro. Sono in realtà stupito per quanto velocemente stanno procedendo le mie pratiche. Devo controllare ma credo che abbiamo iniziato tutto meno di due anni fa. In passato i tempi erano più lenti e nelle mie stesse condizioni sarebbero potuti passare anche 5-6 anni per ottenere la green card, dico bene? Ormai ci siamo quasi, tra qualche giorno mi prendono le impronte e poi devo solo aspettare. A quanto ho capito mi invieranno prima una carta temporanea che sarebbe una specie di permesso di lavoro permanente più il permesso di poter entrare e uscire dagli Usa. E poi dopo qualche altra settimana dovrebbe arrivare per posta la carta verde vera e propria. Finger crossed...sempre più vicino alla meta!
    Ciao e salutami il Texas!

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  5. Ciao, quanto tempo e' passato dal momento che hai ottenuto il visto H1B fino ad oggi che hai quasi ricevuto la green card?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La green card non l'ho ancora ricevuta. Di visti H1B ne ho fatti due. Ogni caso e' diverso. Per la green card tramite lavoro possono passare anche 4-5 anni dall'iniio delle pratiche. A me stanno procedendo in tempi record, meno di due anni, ma questi tempi si allungano e si accorciano in base alle politiche di immigrazione, credo.

      Elimina
  6. grazie della risposta. che tipo di categoria sei? eb2 o eb3?

    RispondiElimina