Segui il blog tramite email

martedì 17 luglio 2012

Efficienza a confronto: Italia e Usa

Oggi ho avuto la ri-conferma di quanto siano diversi Italia e Stati Uniti nel settore del lavoro, del rispetto verso il lavoratore e soprattutto nell'efficienza.
Un paio di mesi fa ho lavorato ad un progetto di traduzioni per una compagnia italiana. Si trattava di un lavoro esterno con contratto a progetto di una settimana.
Dopo aver terminato il progetto mi dissero che per l'assegno avrei dovuto aspettare "qualche giorno". E aspetta oggi, aspetta domani, l'assegno non arrivava mai alla mia cassetta delle poste. Finalmente, dopo oltre un mese, vengo contattato telefonicamente dall'azienda che mi dice che l'assegno e' pronto e posso andare a ritirarlo.
Ho poi lavorato ad un altro breve progetto freelance per la traduzione dei contenuti di un sito americano. Ieri ho terminato il progetto e l'azienda mi ha inviato l'assegno via Fed Ex Overnight, a loro spese.  L'assegno mi quindi e' arrivato dopo solo 24 ore dal completamento del progetto.
E non dovrebbe venirmi la voglia di ritornare in America?

5 commenti:

  1. Ciao seguo la tua vicenda "sileziosamente" da qualche mese, avendone vissuta una simile. Posso chiederti come trovi questi lavori da freelance?? Io a parte lavoretti sottopagati, progetti di traduzioni come si deve non ne trovo molti

    RispondiElimina
  2. Ciao Veritas44, puoi lasciare piu' commenti se ti va. Mi fa piacere.
    Non e' che abbia trovato tanti lavori freelance e sono comunque sottopagati di certo. Ne ho trovati solo un paio negli ultimi mesi.
    Per il resto passo le giornate mandando CV in USA ma magari scrivero' un aggiornamento a riguardo in futuro. Comunque ti consiglio di cercarli su craigslist.org o su siti come indeed.com o careerjet.com oppure di andare su google e digitare italian translator come parola chiave. Cerca cerca e qualcosa uscira', spero!

    RispondiElimina
  3. Grazie! Prima seguivo la tua vicenda sul forum di NYC-Site, io per ora negli States ci ho studiato e lavorato occasionalmente (J1 oppure per compagnie Italiane), e ora che ho finito l'università stavo seriamente considerando di trasferirmici, ma sono molto bloccato dall'iter burocratico, benchè abbia anche offerte di lavoro e diversi contatti anche molto stretti. Vediamo che succede in futuro, continuo a sperare nel DV Lottery

    RispondiElimina
  4. Lol, hai super-ragione. Anche mia mamma ha avuto problemi del genere! Comunque anche io mi chiamo Luca XD

    RispondiElimina
  5. Esiste solo un caso dove gli USA sono messi molto male in campo burocratico.

    Siamo in attesa da quasi 9 mesi di un visto immigrazione e la strada è ancora lunga.

    Ogni giorno è una continua presa in giro.

    RispondiElimina