Segui il blog tramite email

domenica 21 settembre 2014

Seconda visita dal dentista. Considerazioni sulle assicurazioni mediche.

Ciao a tutti, oggi vorrei raccontarvi la mia seconda visita da un dentista qui in USA. Se ricordate bene, tempo andai per la prima volta da un dentista americano, a New York, e l'esperienza non mi e' piaciuta molto. Pochi giorni fa sono andato da un dentista in Connecticut e devo dire che e' andata meglio, anche se...Vi racconto come e' andata.
Un sera fa mi si e' spezzato un pezzo di un molare che mi era stato scheggiato da un dentista in Italia la quale, dopo averglielo fatto notare, aveva minimizzato, ma questa e' un'altra storia. Ho dovuto cercare quindi un nuovo dentista che mi avrebbe potuto ricevere al piu' presto. Sono andato online sul sito della mia assicurazione dentistica (pagata totalmente dalla mia compagnia), ho consultato la lista dei dentisti nel network assicurativo della mia citta', ho guardato qualche website, e ho scelto quello che mi convinceva di piu' e ho prenotato l'appuntamento, online, per il giorno successivo. Niente male. Sono andato allo studio dentistico e sono stato accolto con molta gentilezza. La ragazza della reception mi ha fatto compilare alcuni moduli come e' consuetudine da ogni dottore: dati personali, medicine che si stanno prendendo al momento, problemi di salute in particolare, motivo per la visita di oggi.
L'atmosfera era molto rilassata e gentile con musica classica in sottofondo. Bella idea, fa andare via la tensione. Poi mi ha detto di non preoccuparmi perche' ha controllato con la mia assicurazione e la visita di oggi e' coperta dall'assicurazione. Frase rassicurante ma un po' vaga. In realta' ogni assicurazione ha regole differenti. Nel mio caso devo pagare sempre almeno $50 di deductible ovvero se la visita di controllo costa $150, io pago i primi $50 e l'assicurazione il resto. Pero' poi se il dentista deve intervenire c'e' tutto un tariffario molto dettagliato, un po' come i prezzi del menu' di un ristorante. Ad esempio per alcuni interventi come l'estrazione piu' difficile dei denti, la mia assicurazione paga l'80% e io il 20%, e per impianti e interventi piu' costosi, se ricordo bene, 50% l'assicurazione e 50% io. Bene, dopo avermi fatto i raggi il dentista, o piu' precisamente la dentista, una gentile signora di origini orientali, mi ha detto che avrebbe dovuto togliermi il dente del giudizio e il molare accanto. Me lo aspettavo, anzi ero stato proprio io a suggerirle di farlo, prima della visita. Mi ha fatto firmare un modulo in cui accettavo sostanzialmente di mettermi nelle sue mani e mi ha detto che mi consigliava anche di usare il bone grafting, non so il nome in italiano, ma e' una pasta che si mette sull'osso dei denti appena estratti. Ed e' una pasta costosa, sui $200 per dente. La sua assistente mi ha comunicato i costi e mi ha detto che l'assicurazione a volte non vuole pagarla ma lei e' brava e spesso riesce a "combattere" e a farla pagare totalmente all'assicurazione. A quel punto ho dato l'ok. La dentista e' stata davvero brava, mi ha anestetizzato la parte interessata ed e' stata un'ora a lavorare sui miei denti, ne ha estratti due, come previsto, e non erano estrazioni facili, poi ha applicato il bone grifting e mi ha dato alcuni punti di sutura sulle gengive. Sempre con musica classica di sottofondo, che ho gradito molto. Alla fine mi ha prescritto antibiotici e antidolorifici da prendere in farmacia e mi ha regalato un collutorio specifico. Mi ha presentato il conto, tramite la sua assisente, con tutti i dettagli e ho pagato il mio 20% , ovvero la bellezza di...200 dollari! Il totale: 1000 dollari. $200 io e $800 l'assicurazione. O meglio il dentista mandera' il conto degli $800 all'assicurazione specificando che io ho pagato i miei $200. L'assistente ci ha tenuto pero' a ricordarmi che l'assicurazione potrebbe non pagare tutti gli $800 e quindi (l'assicurazione) potrebbe mandare a me un conto da pagare.
Brevi considerazioni sul sistema delle asicurazioni americane che sto imparando a conoscere piu' da vicino.
Apprezzo il fatto che se hai un'emergenza riesci a farti curare il giorno dopo ma penso che $ 1,000  per raggi, estrazione di due denti e applicazione di un po' di pasta sull'osso sia una cifra esagerata. Magari sbaglio io, quanto si pagherebbe in Italia?
Ma la cosa che mi piace meno di questo sistema e' l'incertezza. Vai dal dentista o da qualsiasi dottore e spesso quando esci non sai ancora precisamente quanto dovrai pagare perche' l'assicurazione deve prima valutare e controvalutare e poi ti mandera' i dettagli a casa indicando quanto ha pagato e quanto eventualmente dovrai pagare tu. E possono sempre esserci delle sorprese perche' pare che ci siano sempre delle zone grigie che lasciano spazio ad "interpretazioni" da parte delle assicurazioni.
Insomma per ora aspetto e vi faro' sapere.
Altro dettaglio: per gli antibiotici ho speso solo $15 di tasca mia e il resto e' coperto dall'assicurazione (non so quanto). Per gli antidolorifici $22 tutti di tasca mia perche' non erano coperti dall'assicurazione. Anche su questo...incertezza. Non sai mai se alcune medicine sono coperte in parte, totalmente, o per niente da parte dell'assicurazione. Forse sono io a dovermi informare meglio su tutti questi aspetti fin nei minimi dettagli, come immagino facciano molti Americani.
Altra curiosita'. Quando il dottore ti prescrive delle medicine poi vai a prenderle in una qualsiasi farmacia, solitamente un CVS, ma il dottore non ti prescrive una marca di medicine in particolare, ti prescrive il tipo di medicina e il numero preciso di pillole. Poi in farmacia te le mettono in un barattolino "anonimo" con il nome della medicina ma senza il nome di una marca. Non ho capito bene se le preparano li' o se le prendono da boccette di marche specifiche che contengono molte pillole. In un certo modo non e' un male perche' non devi comprare un boccione di 50 pillole se a te ne servono solo 10. E si evita lo spreco di medicine che verrebbero gettate nella spazzatura dopo un certo periodo. Forse questo modo logico di ragionare e' nato anche a vantaggio e su richiesta delle assicurazioni che vogliono pagare solo il numero di pillole necessarie all'assicurato, non una quantita' superiore solo perche' magari vengono vendute in boccette da 30 o 50. Insomma e' per me un sistema ancora da approfondire e piuttosto diverso da quello italiano. Con pregi e difetti.
Voi cosa ne pensate? Qualcuno ha avuto esperienze con dei dentisti americani e in generale con il mondo sanitario e assicurativo? Fatemi sapere e alla prossima.
Stay healthy, stay foolish.

10 commenti:

  1. Prima di tutto: come ti senti? Non sarà stata una passeggiata farti estrarre due denti.
    Il problema grosso è questa incertezza, non sapere quanto pagherai. E possono essere cifre grosse, che non possiedi, che ti possono mandare in rovina.
    Per chi vive vicino alla frontiera esiste la migrazione sanitaria verso il Messico dove ci sono delle eccellenze nel privato che ti curano bene al costo di un ticket italiano. Non costa poco arrivare in Messico, ma meno delle migliaia di dollari che può costare un intervento in Usa.
    Io sono stato dal dentista in Messico, ottimo lavoro e prezzo stracciato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luciano, si tutto bene. La dentista e' stata brava e non ho sentito dolore, neanche dopo quando e' passato l'effetto dell'anestesia. In realta' grosse sorprese non possono arrivare in questo caso perche' comunque so che il totale e' 1000 dollari e io ho pagato il 20% e l'80% lo deve pagare l'assicurazione. Se non dovesse pagare l'80% potrei avere delle sorprese ma non dovrei pagare piu' di una certa cifra. Non possono certamente presentarmi un conto di 3mila dollari se il tutto e' costato 1000. Comunque in generale a me sembra che ci sia sempre questa incertezza perche' una volta che sei dal dentista o da uno specialista per un'emergenza, non puoi mai dire: aspetta un attimo, voglio sapere prima bene quanto paghera' l'assicurazione con certezza e poi decido. E quindi li' entri nell'incertezza. Ti fai curare, hai un'idea di quanto dovresti pagare tu e quanto l'assicurazione ma fino a che non ricevi la lettera dall'assicurazione in cui ti informa quanto ha pagato, non sei mai ok. Comunque nel mio caso pagare 200 dollari per l'estrazione di due denti non e' male. E' sapere che il tutto pero' costa 1000 dollari che mi lascia delle perplessita' sul sistema sanitario e i prezzi gonfiati di visite e interventi. Gli specialisti sparano dei prezzi altissimi. Se li paga un cliente senza assicurazione e' un salasso. Se li paga un cliente con l'assicurazione comunque l'assicurazione deve farsi carico di una spesa molto alta e si "difende" alzando i prezzi delle assicurazioni che ricadono sulle aziende che magari ti danno un certo stipendio perche' devono farsi carico anche di un'assicurazione sempre piu' costosa per te. Insomma un sistema ancora troppo strano per me.

      Elimina
  2. "Magari sbaglio io, quanto si pagherebbe in Italia?"
    Se sei disposto a metterti in liste d'attesa solitamente lunghe, puoi andare alla ASL o all'ospedale, dove pagheresti solo il ticket che ovviamente è irrisorio rispetto a 1000$.
    Se invece vai da un privato, ognuno può fare prezzi che vuole, quindi sta a te sceglierne uno che a tuo parere abbia un buon rapporto qualità/prezzo. Comunque considerando che 1000$ sono 800€, non è certo difficile trovare qualcuno che faccia pagare di meno.

    Per quanto riguarda l'incertezza delle assicurazioni… purtroppo, sotto questo aspetto, tutto il mondo è paese. Le assicurazioni campano proprio grazie a questi comportamenti, e fanno così con tutto (rimborsi auto ecc.) In bocca al lupo.

    RispondiElimina
  3. beh guarda qui, se hai tempo di leggere, roba da matti
    http://www.houstonchronicle.com/news/nation-world/nation/article/After-surgery-117-000-bill-from-doctor-he-never-5769822.php

    RispondiElimina
  4. Ciao! Ho appena aperto anch'io il mio blog per raccontare la mia esperienza americana. Concordo con tutte le stranezze dell'assicurazione sanitaria e i dentisti in Italia, soprattutto al nord, fanno pagare anche MOLTO di piu' di 1000 dollari, purtroppo :( Ormai sono arrivati ad avere tariffe spropositate ( e gia' prima erano cari).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto di più di 1000$ per 2 estrazioni?....scusa ma mi sa che sei stato truffato alla grande

      Elimina
    2. No Marina, è proprio per questo che troviamo assurdo il sistema americano. Guarda che anche se vai a farti dei raggi da un medico, la cifra da pagare è centinaia di dollari, mentre in Italia te la cavi magari con un quinto rispetto agli Usa. Se sei assicurato la tua assicurazione paga quasi tutto ma se c'è qualcosa che non è coperta devi pagarla tu. E' un sistema assurdo dove tutto è costosissimo e le assicurazioni cercano di pagare il meno possibile quando possono.

      Elimina
  5. Piu' o meno conoscevo gia' la vostra situazione ma ho trovato Interessantissimo questo post!
    Mi piace il fatto delle medicine contate per evitare sprechi. :)

    Un po' meno il non sapere QUANTO spenderai.
    Mi sembra incredibile!

    RispondiElimina
  6. Grande. Non sapere cosa andrai a spendere è un grosso problema no?

    Da studio dentistico di Reggio emilia

    RispondiElimina
  7. In Lombardia un'estrazione costa 80/100 euro

    RispondiElimina