Segui il blog tramite email

lunedì 23 settembre 2013

Tagliare la fila in America

Qualche giorno fa, chiacchierando del piu' e del meno, un amico Americano mi ha detto che qui in Usa ci sono delle persone che "prendono in affitto" degli invalidi sulla sedia a rotelle, per poter andare alle giostre e passare avanti alle altre persone in fila. La notizia mi ha molto incuriosito, cosi' quando sono andato a casa l'ho cercata su internet. Eccola qua.
A me ha fatto sorridere e riflettere ancora una volta sulla differenza tra cultura americana ed italiana. Voglio dire, alla fin fine qui pagano per ottenere un "servizio". Anche quando sono immorali non riescono mai ad esserlo fino in fondo. In un certo senso conservano della moralita' anche nell'immoralita'.
Da italiano mi chiedo: perche' spendere soldi per pagare un disabile sulla sedia a rotelle quando si puo' benissimo fingere di essere disabile? Non ce la possono fare. Hanno ancora tanto da imparare...
E infatti mi e' tornato in mente l'episodio de I Mostri che riassume al meglio il nostro modo italico di imbrogliare...se bisogna farlo, meglio farlo bene, fino in fondo, no? Scena clou, delle giostre a 4:10:

25 commenti:

  1. MA IO GIREREI LA FRITTATA IN QUESTO SENSO: qui in America se non li paghi non ci pensano neanche ad andare a fare la fila , e' la gente stessa che si propone di fare la fila, e' diventato quasi un lavoro e non solo gente disabile ma gente sana che si fa pagare per andare a fare la fila per l'iphone, per i sample sale, per i cronuts, per i biglietti gratis al teatro di Central park per Shakespeare in the park o per farsi fare l'autografo dallo sportivo e cosi' via..... In Italia l'Italiano non si sognerebbe mai di andare a fare la fila per un altro ma che siamo pazzi? Qui gli americani amano le file, noi praticamente le odiamo. Prendi ad esempio Shake Shack il fast food che vende hamburger a Madison Square park. All'ora di pranzo vedi una fila pazzesca veramente lunga che devi attendere almeno 1 ora per un hamburger e li vedi li in fila in piedi a sprecare la loro ora di pausa per una cosa che potrebbero benissimo prendere in altri posti perche li letteralmente l'area e' circondata da migliaia di shop dove puoi avere qualsiasi cosa da mangiare. Ma ti pare normale? non e' che stiano vendendo l'elisir della vita eterna...ma un hamburger for God's sake. Comunque ti do ragione sul fatto dell'imbroglio che condanno con forza.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Davide si hai perfettamente ragione, ogni volta che parlo debbo sempre specificare che sto parlando di New York che e' una realta' a se ! non posso dire di altre citta' perche' ho sempre vissuto qui.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho capito la tua prima frase...intendevi scrivere "perche' si vergognano a farlo"? Non ho capito bene il collegamento che fai tra la furbizia e l'obbligo di lasciare la mancia. Per quanto riguarda la mancia ho scritto anche un post in passato: http://tornoavivereinamerica.blogspot.com/2012/08/la-mancia-nei-locali-americani.html
      La mancia e' un concetto strano in Usa, si chiama mancia ma fa praticamente parte del conto perche' i camerieri guadagnano pochissimo all'ora e il resto lo guadagnano in mancia. Di solito puoi lasciare dal 15% al 25% di mancia e so che se proprio un cameriere non e' stato bravo e il servizio ha lasciato molto a desiderare, c'e' chi lascia un centesimo di mancia per mostrare il suo disprezzo pero' vedi quel centesimo va lasciato perche' in Usa si lascia la mancia, sempre. In Italia invece c'e' il coperto obbligatorio. Ora gli Italiani devono mettersi in testa che non lasciare la mancia e' una grezzata pazzesca, percio' quando i camerieri sentono parlare in italiano spesso aggiungono la mancia nel conto perche' sanno che spesso gli Italiani vanno via senza lasciare mancia. Tu in Italia andresti via pagando 20 euro quando il conto e' 30 euro? Ecco non lasciare la mancia e' la stessa cosa. Quello sketch di Le Iene lo ho visto anche io, e' molto divertente.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. @ Machine Pistole, la mancia e' un concetto strano da capire per noi italiani. Io ancora non capisco la mancia che bisogna lasciare al tassista e a barbiere ma dorse (forse eh) questo modo di fare e' legato al concetto di meritocrazia per cui piu' lavori bene e piu' e' giusto che tu guadagni, un po come i rappresentanti che hanno un fisso al mese e il resto a commissione sulle vendite. Piu' vendite fanno, piu' sono bravi e piu' guadagnano. Cosi' con i camerieri, perche' la mancia va dal 15 al 25 per cento, solitamente. Ovvio con il tempo i proprietari dei locali se ne sono approfittati portando al minimo il salario base e lasciando fare il resto al cliente con le sue mance. Ma ora la mancia nei ristoranti americani e' una tradizione o meglio una regola. Se vuoi forse puoi anche andartene via senza pagarla (ma potrebbero inseguirti mentre vai via) pero' il fatto e' che tu non lasciandola fai il cafone che non si adatta alle regole e tradizioni altrui. Non sei tu singolo individuo straniero a poter dire a un intero popolo di usare le tue regole e di adattarsi a te. Sei tu che devi adattarti alle loro fino a quando la maggioranza degli americani quindi diciamo 151 milioni di persone non decidono di cambiare regole e tradizioni tu singola persona e per giunta pure straniero non puoi usare le tue regole.

      Elimina
    4. Il fatto della bustina per strada ha sempre incuriosito anche me e mi sembrava una cosa ipocrita. Ma poi mi hanno detto che bere alcolici per strada e' vietato quindi suppongo che chi ti da la bustina lo fa per non crearti problemi nel caso tu voglia bere per strada.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    6. Ecco appunto, con gli esempi tra camerieri francesi che prendono un fisso (e le mance a discrezione) e gli americani che prendono un fisso basso e le mance hai appena spiegato la differenza tra Paesi. In Usa devi meritarti le cose e quindi lavori con piu' impegno e entusiasmo. In altri Paesi o lavori bene o male, sempre lo stesso stipendio prendi e quindi puoi anche permetterti di lavorare male a danno dei clienti.

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Evidentemente hai qualche problema di gestione della rabbia o ti senti perseguitato, perché io proprio non ho mai fatto trasparire dai miei post che non amo l'America, anzi la adoro, ho detto che il motivo per cui i canadesi non vi hanno lasciato la mancia è chiaro, e sebbene tu non abbia partecipato a questo atto da bulli, non l'hai neppure condannato apertamente.
      In ogni caso, tanto per chiuderla qui, perché ogni volta che scrivo un post senza minimamente citarti, subito devo vedere una risposta rissosa, biliosa e piccata apparire sulla pagina, vorrei ricordarti che stai facendo una figura senza precedenti, la quale dimostra che evidentemente pur di dire la tua, le spari talmente grosse da far ridere il mio gatto.
      Siete in shutdown e ancora parli?
      Per fortuna che sono stato qualche giorno fa, sennò le persone con cui sono andato non avrebbero visto la Statua della Libertà.

      Prendila con filosofia Gallo, domani quando vai in giro troverai qualche ufficio statale chiuso, che scalogna... io invece no, tutto aperto...

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  6. Si ma vogliamo paragonare il "giusto" stipendio fissso che danno ai camerieri in Italia con l'"ingiusto" stipendio fisso bassissimo + mance basate sul merito (o sulla rregola non scritta) che danno ai camerieri in Usa? Penso che i camerieri americani guadagnino almeno il doppio di quelli italiani. E' vero che se lavori male in Italia trovano il modo di licenziarti facilmente, come in Usa in cui vai a casa da un minute all'altro se fai errori grossolani...ma dall'altra parte la meritocrazia non esiste in Italia. Se lavori bene sempre tanto guadagni, l'aumento e' una parola sconosciuta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  7. in effetti ora in Italia siamo governati da una MASSA DI INCOMPETENTI nel vero senso della parola pero'!!! ovvero non hanno nessuna competenza delle mansioni che devono svolgere. Ma non siamo stati sempre cosi, ora siamo purtroppo nel baratro piu infinito che ci sia , penso non ci sia neanche un girone di Dante per descriverlo, anzi si li racchiuder tutti ! Adoro il mio paese ma se le cose non cambiano veramente non lo so. Ho amici Italiani qui che si rifiutano assolutamente pure di aprire il giornale, hanno chiuso tutti i ponti con l'Italia e non la vogliono neanche vedere in cartolina, altri invece seguono tutti i talk show e mi dicono che lo fanno cosi si tirano sul morale e pensano "come siamo stati fortunati a venire qui" . Io che dire io sono allibita con tutte le cose che si sentono e poi ma come fai a vedere quei talk show dove mettono UN POLITICO A DISCUTERE CON UN GIORNALISTA INVECE CHE UN ALTRO POLITICO, DOVE IL GIORNALISTA VIENE DEFINITO UN ESPONENTE DI UNA O L'ALTRA PARTE E DOVE UN GIORNALISTA SIEDE SULLA STESSA LINEA DEL POLITICO . MA IL GIORNALISTA NON GLI DOVREBBE FARE LE DOMANDE E IN BASE ALLE RISPOSTE CHE IL POLITICO GLI DA, INDAGARE PER SCOPRIRE SE LE RISPOSTE HANNO UN FONDAMENTO O NO????

    Oddio forse mi sono allargata e non centra niente con l'argomento...scusate lo sfogo...ma penso che l'Italia e' ora che CAMBI E PRESTO!!!

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. ahhh nooo ragazzi non paragoniamo il governo Italiano con quello Americano perche' non c'e' battaglia. E parliamo di shut down? qui non si ferma mai niente praticamente. Questi politici Italiani invece sono piu i giorni che non lavorano che quelli che lavorano, il venerdi praticamente e' per loro un giorno fantasma, se ci sono i ponti non ne parliamo si fanno tutti, poi in estate per carita'. Questi politici che si fanno fare i voti dai compagni, le foto di parlamentari che votavano a 5 mani per 5 altri colleghi assenti, chi gioca a ruzzle, le femmine che stanno li come gallinacce tutte intorno a sapete voi chi per farsi notare e per farsi dire "ah come sono brava" , gente cha ha le finte lauree, li scoprono c'e' un piccolo polverone che dura due minuti e poi pouff come per magia sono li di nuovo a fare le cose loro. Gente che ruba i soldi dei partiti e stanno a casa (milioni di euro non bizzeccole), gente che affitta i nonnetti ai centri anziani per fare numero ai comizi!!!!!! E poi condannati, indagati, affiliati a mafie, chi viene scoperto ad abbordare i transessuali di notte, chi viene scoperto con i transessuali (non giudico il gusto ma il modo vista la posizione politica visto che dovrebbero dare un esempio di decoro) pure di giorno! insomma uno schifo, cosa non c'e' nel parlamento italiano... ecco cosa gli manca IL SENSO CIVICO E IL DECORO. Qui almeno ci mettono la faccia e se sbagliano NON SI METTONO A NEGARE PURE IL PALESE, MA AMMETTONO LO SBAGLIO E SI SCUSANO. Oppure non si mettono a dire "eh no ma lo fanno tutti era una cosa normale" ma scherziamo? POI CERTO anche qui sperano che la gente si dimentica e PENSANO DI POTER DIVENTARE SINDACI O SI METTONO A FARE GLI ANCHOR MEN IN TV ma qui i giornalisti non dimenticano facilmente. Ecco i giornalisti italiani li stimo ancora meno dei politici Italiani.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina