Segui il blog tramite email

venerdì 20 settembre 2013

I'll never watch a movie that's older than me!

Oggi in pausa pranzo parlavamo di torture (non mi ricordo come ci siamo arrivati) e il discorso e' arrivato ai film violenti. Cosi' ho chiesto a due miei colleghi americani:
- Have you ever watched Clockwork Orange? sicuro di poter iniziare una piacevole conversazione sulle scene memorabili di quel famoso film di Stanley Kubrick.
- Clock what? - mi fa un collega.
- The movie by Stanley Kubrick! - rispondo.
Sguardi dubbiosi da parte di entrambi i miei colleghi.
Sguardo rassegnato da parte mia:
 - I can't believe you have never watched that movie
Cosi' lo cerco su Wikipedia e gli faccio vedere la locandina e la descrizione.
Dopo aver letto le prime righe sul film uno dei due sgrana gli occhi e dice:
- 1971? That's an old movie!!! There no way I'll watch a movie that's older than me!
Tra parentesi la frase del mio collega mi ha fatto tornare in mente un episodio simile con una mia zia italo-americana. Quando le dissi che mi sarebbe piaciuto ri-vedere La vita e' bella di Benigni mi rispose: ma e' vecchio! E' uscito al cinema tanti anni fa.
Ma gli americani (medi) sono fatti cosi', a loro interessa solo cio' che e' nuovo, appena uscito, l'ultimo modello. Tutto cio' che ha piu' di cinque anni e' vecchio, inutile, ammuffuto, roba da intellettuali. E nel caso dei film se ha troppi dialoghi, troppa psicologia e poca azione, diventa noioso. A loro basta guardare l'ultimo film di un supereroe, un Iron Man, ad esempio, insomma un film con  tante esplosioni, bombe a mano e tricche tracche. Kubrick, Lynch, Scorsese o tutti gli altri grandi registi americani...sono intellettuali per gli Europei.

13 commenti:

  1. Brutta cosa il consumismo. E' questa mentalità che impone di comprare e buttare continuamente, ed è un male. Io quando compro qualcosa che non sia precisamente un bene di consumo (cibo, benzina e simili) cerco quel che dura. Spendo di più e voglio che mi resti per tanto tempo. Non mi andrebbe di cambiare il salotto di casa, per esempio. Quando potrò comprarne uno, sarà un acquisto per la vita. E credo che questi siano valori da esportare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luciano...sempre in tema consumismo, apparenza e superficialita' con un altro college si parlava di cellulari. E' un tema quasi fisso tra i miei colleghi, quale e' migliore, quale e' piu' bello etc etc Io che ho un cellulare del precambriano in confronto ai loro ho detto che avrei bisogno di un cell nuovo, perche' il mio non funziona molto bene ma non ho bisogno di un cell troppo cool e costoso tipo iPhone e simili. E il college scherzando: se compri un cell bello e costoso puoi conquistare una ragazza perche' cosi' puo' pensare che hai soldi per regalargliene uno simile.
      Ok si scherzava ma anche dalle battute puo' trasparire la mentalita' dell'ambiente in cui ha vissuto. Apparenza, sfoggio di ricchezza fine a se stessa e un po' di superficialita'.

      Elimina
    2. Io questi discorsi li ho sentiti fare in Italia. E quelli che lo facevano non scherzavano per niente. Anzi, la mentalità che ho trovato in quella città, nell'ambiente in cui mi sono mosso, era proprio questa

      Elimina
  2. Si in effetti anche l'Italia non e' immune da questa mentalita' di "Show off", ostentare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Italia fa ancora più schifo, vedi gente col telefono sempre nuovo, comprano le macchine in leasing per poterla cambiare ogni anno, si vestono solo firmato, vanno a fare gli aperitivi per farsi vedere.

      I "migliori" in tutto ciò sono sempre stati i meridionali, ma ora stanno venendo surclassati dai nuovi padroni dell'ItaGlia, slavi e africani.
      C'è il lavavetri al semaforo col samsung ultimo modello, il romeno appena arrivato, col BMW nuovo e "taggato" Adidas dalla testa ai piedi, il magrebino sbarcato ieri, è già tutto firmato a ballare in discoteca...
      Per non parlare poi degli anarco-insurrezionalisti che vanno alle manifestazioni che sembrano vestiti da straccioni ma se ci guardi bene hanno almeno 800€ di vestiario e lo smartphone ultimo modello...

      I più svegli sanno da dove provenga tutto ciò, ma la maggioranza dei pecoroni muoiono d'invidia e vogliono anche loro essere così!
      Un altro motivo per cui il paese sta inesorabilmente affondando!

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Machine Pistole Non capisco quando dici "ho visto personaggi improbabili su Lexus o Hummer che visto le facce non potevano certo permettersi le vetture in questione". Come fai a capire dalla faccia delle persone quale macchina possono permettersi? Qui e' l'America e chiunque se lavora sodo e ci sa fare puo' diventare il "ricco della porta accanto" e non li riconosci perche' qui non si vestono da fighetti e sono meno snob, insomma persone benestanti e ricche sono ovunque ma sono meno riconoscibili che in Italia dove secondo me ostentano di piu'. Per le Adidas qui in CT le trovi in ogni negozio, decine di modelli. Per gli iPhone credo che come sia nata la religione di chi li ama, ora stia nascendo anche la religione di chi li odia...un po per invidia, quando la volpe non riesce ad arrivare all'uva dice che non e' buona. Comunque alla fine non seguo molto i discorsi sulle mode. Io dico sempre vivi e lascia vivere. Ognuno fa cio' che gli pare e segue che le mode che vuole.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. E vabe' se le Adidas non si trovano a NY pazienza no? Ogni posto vende cio' che e' piu' richiesto. Se qui seguono di piu' la moda delle Nike, ce ne faremo una ragione. Io ho visto tante persone con le Adidas qui ma alla fine non mi interessa ne' di una moda ne' di un'altra anzi a dire la verita' non faccio neanche caso a cio' che indossa con piu' frequenza la gente. Per l'iPhone e i cellulari stessa cosa. Non ho mai comprato ne un iPhone, ne' un Galaxy e simili, non seguo la moda dei telefonini e mi da noia quando le persone parlano per ore e ore di cellulari, di quale sia migliore o piu' bello. Ci sono tante cose piu' interessanti di cui si puo' parlare e la gente spreca le ore a parlare di cellulari? Saro' rimasto all'antica su alcune mode ma proprio non le capisco...

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Comunque da episodi come questi mi pare di capire che gli Americani siano poco ancorati al passato ma questo e' anche un loro punto di forza. Invece di voltare la testa verso un glorioso passato (come facciamo noi) e vivere "di rendita", sono sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo. E questo fa bene all'economia.

    RispondiElimina
  6. Ciao, mi viene un po da ridere a leggere i commenti perche anche un mio amico mi dice sempre che gli americani sono "pecoroni" ovvero inizia uno e poi tutti a seguire e un po mi fa ridere sta cosa perche un po e vero specialmente quando si parla di moda, aspetto fisico esteriore potrei fare un milione di esempi perche di moda me ne intendo ma non sto qui a dilungarvi. Ma alla fine nelle grandi citta e' un po cosi si tende a sentirsi parte della stessa citta anche in questo modo mentre poi seduti vicini in metro si e' lontani anni luce. Comunque vorrei spezzare una lancia a favore dell iphone che sebbene cosi odiato , qui e praticamente essenziale ci si fa il business in modo veloce addirittura ho gia visto alcuni negozi che hanno tolto le casse e passano gli scontrini con l ipad e le applications credetemi anche io avrei fatto a meno di comprarlo ma ho dovuto perche ci posso lavorare ovunque ho tutto quello che mi serve!

    Inoltre mi viene da sorridere quando criticate un po quelli che prendono le macchine in leasing perche io sono una di loro ma permettetemi di darvi la mia esperienza . Allora quando venni qui comprai una macchina usata che dopo un po di anni di glorioso utilizzo comincio a darmi problemi . Allora la portai da un meccanico ad astoria che diverse volte mi diede dei conti esorbitanti e sta macchina si rompeva sempre, un tizio un po strano secondo me il meccanico lo faceva a tempo perso visto che poi ne ho perso le tracce e da un giorno all altro l shop era chiuso. Poi la portai da un meccanico in NJ consigliato da altri e pure la professionalita di questo lasciava dubitare perche sta macchina aveva sempre problemi, ma la ciliegina sulla torta avvenne un giorno quando bucai e portai la macchina al primo meccanico per riparare il buco . Insomma questo meccanico era un cinese non parlava inglese, entro in macchina mise la prima e per entrare nel garage del suo shop di meccanico , letteralmente 3 metri di strada, ando a crashare su un pezzo di ferro e mi squarcio' la gomma buona! Beh da quel momento mi misi le mani nei capelli e dissi a me stessa MAI PIU! ora sono 10 anni che faccio il lease e sono felicissima, tutto e coperto, qualsiasi problema in strada ho il servizio rimorchio gratis, la manutenzione e gratis qualsiasi difetto la porto direttamente al dealer officiale che ha il servizio meccanico interno specializzato e anche il balancing e compreso. Finalmente non ho piu broblemi e sinceramente sono strafelice e non mi interessa essere il proprietario di un veicolo! Avere a che fare con i meccanici qui e stato un incubo.

    RispondiElimina