Segui il blog tramite email

martedì 15 gennaio 2013

Gli States si riavvicinano?!

Ciao amici, poco fa ho ricevuto un'email che ho tanto atteso da Novembre. Vi avevo detto che stava iniziando a salire la tensione perche' tutto taceva da quando sono tornato in Italia? Bene, il capo dell'azienda americana che mi ha tenuto in prova a Novembre si e' fatto vivo oggi scrivendomi che tra un paio di settimane presentera' il budget alla sede centrale italiana e quindi ai proprietari e mi ha chiesto di inviargli i dati che ho a portata di mano e le info che dovrebbe presentare l'azienda per farmi le pratiche per un visto di lavoro. Insomma bisogna attendere febbraio ma l'email e' un segnale piu' che positivo, e' quasi come a dire: l'approvazione della sede italiana e' formale e ci sara' e quindi iniziaci a dire cosa dobbiamo fare per farti le pratiche cosi' ci portiamo avanti. Che faccio stappo una bottiglia?
Stay tuned for more updates.

10 commenti:

  1. scrivi che documenti servono per poter lavorare\ottenere il visto e come te li sei procurati.
    poichè leggendo la tua prima avventura ho notato che tu per ottenere il tuo visto ti sei iscritto ad un college, mentre per chi vuole partire da zero e non sa da dove cominciare non c'è molto...
    ps. apprezzo molto questo blog in quanto mi da speranza che ognuno di noi possa farcela a vivere il proprio sogno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo, ogni caso e' diverso. Se leggi la "mia seconda avventura americana" dal link in alto a destra su questo blog vedrai che per questa seconda avventura la strategia che ho attuato e' stata diversa: non potevo iscrivermi al college di nuovo e sono andato in Usa per 3 mesi (da turista) e ho trovato lavoro...anche se aspetto febbraio prima di brindare. Quando trovi lavoro e un'azienda disposta a sponsorizzarti per un visto, ci sono vari tipi di visto da considerare, ad esempio J1, H1B o E ma devi rivolgerti a un avvocato esperto di immigration che ti sapra' dire quale e' il visto migliore per te e piu' facile da ottenere e preparera' le carte chiedendo alla compagnia di inviargli determinati documenti. Online trovi tutte le info sui diversi tipi di visti di lavoro.

      Elimina
    2. Wow!!!! Stappa e brinda...te lo meriti Luca!

      Elimina
  2. No Luca :) non stappare niente fino a quando non sei atterrato negli states (Grattati profondamente)!! Dai che manca poco!!

    RispondiElimina
  3. Infatti per scaramanzia non ho stappato niente. Stappero' solo quando avro' il visa sul passaporto, anzi dopo aver passato il controllo e le domande all'aereoporto.

    RispondiElimina
  4. Mi sono perso: ma (facendo le corna...) cosa faresti in pratica?

    d.

    RispondiElimina
  5. che si sia fatto vivo lui mi sembra proprio positivo !

    RispondiElimina
  6. In bocca al lupo!!! Avevo letto nel 2012 le tue "avventure" fino alla tua ricerca di lavoro sul mercato italiano..e già allora non comprendevo bene la tua scelta di lasciare l'America. Sono contenta di ritrovarti con queste ottime notizie..

    Come hai selezionato le aziende che hai contattato ? In base a quali criteri?

    RispondiElimina
  7. Rozalya ho inviato il Resume ad aziende italiane con sede a NY, NJ e CT perche' se l'azienda e' italiana o ha rapporti con l'Italia e' piu' facile che possano giustificare e ottenere per me un visto di lavoro. A giorni avro' la risposta definitiva.

    RispondiElimina