Segui il blog tramite email

lunedì 14 gennaio 2013

Giornate di attesa

Cari amici, ci siamo quasi. Le vacanze sono finite ed ora attendo la decisione dell'azienda americana che mi ha tenuto in prova a NY a novembre. Se la sede italiana approva il budget per la sede americana, tornero' a vivere in America gia' in primavera. Devo aspettare la fine di gennaio per avere una risposta e da qualche giorno la tensione sta iniziando a salire. Non riesco nemmeno ad immaginare cosa potrei fare nel caso mi dicessero che purtroppo non possono assumermi. Cosa farei in questa Italia che sta sprofondando come il Titanic?
Gli amici italiani che hanno la fortuna di avere un lavoro piu' o meno stabile hanno molti problemi: chi ha un lavoro dipendente ha uno stipendio molto basso e ha il sentore che l'azienda potrebbe chiudere da un giorno all'altro, chi ha un lavoro autonomo deve inseguire per mesi i clienti che non pagano. Sono tutti tesi, preoccupati, depressi. scoraggiati. Se non venissi assunto dall'azienda americana probabilmente non resterei in Italia e andrei comunque all'estero, magari in Australia. I politici sono in piena campagna elettorale ed offrono uno spettacolo a dir poco imbarazzante. Promettono tutto e il contrario di tutto...meglio stendere un velo pietoso.
Per il resto la vita in un paesino del sud e' piacevole solo in alcuni periodi, in estate o nel periodo natalizio in cui si sta in famiglia e si vedono gli amici piu' spesso. Ma poi, passate le feste ognuno torna alla propria vita tra le mura domestiche o tra quelle dei loro uffici e quindi dal lunedi' al venerdi' ho molto tempo da far passare e per fortuna ho un po' di hobby altrimenti la vita di paese rischia di ibernarti il cervello e cosi' mi dedico alla chitarra, a fare puzzle, leggere libri, guardare serie TV americane (ho scoperto Breaking Bad, bellissima serie TV). A volte mi annoio e mi manca la dinamicita' che si respira in Usa dove ogni giorno puo' avere in serbo per te qualcosa di nuovo ma insomma, fine gennaio e' vicino e spero di ricevere presto una buona notizia.

3 commenti:

  1. in bocca a lupo! ti auguro che la buona notizia arrivi presto!

    RispondiElimina
  2. Sto tifando per te e incrocio le dita....facci sapere...
    Sono tornata in Italia, ma la mia vita qui è diversa...sono in pensione..io ci sono potuta andare..e ho preso la palla al balzo appena si è presentata l'opportunità... mi sento una privilegiata...con una pensione da insegnante decente per una come me che non ha il mutuo da pagare...e non ha avuto figli...e vivo da single...privilegiata che viaggia quando può.
    Un abbraccio Luca di buon augurio.

    RispondiElimina
  3. ti ammiro molto, non so quanti hanni tu abbia , ma la tenacita' e la speranza ce l'hai e ti invidio la POSITIVITA' nonostante tutto che a me a volte manca!

    RispondiElimina