Segui il blog tramite email

lunedì 12 ottobre 2015

Ghosting

Avete mai sentito parlare di "Ghosting" ? E' un termine nuovo negli Stati Uniti al quale hanno dedicato vari articoli riviste come Psychology Today, il New York Times e l'Huffpost.
L'esempio piu' celebre e' quello di Sean Penn e Charlize Theron, una coppia felice e innamorata, fino a quando lei ha deciso di interrompere ogni contatto, senza alcuna spiegazione ,evitando di rispondere alle telefonate, email e messaggi del povero Sean.
You have been ghosted! si dice in questi casi. Sei stato tramutato in un fantasma, in un essere invisibile agli occhi di chi fino a ieri sembrava apprezzare la tua compagnia.
E' un fenomeno sempre piu' diffuso negli Usa e non si riferisce solo ai rapporti di coppia ma anche a quelli tra amici che magari si sono conosciuti da poco. Anche a me negli ultimi anni sono capitati un paio di episodi che si avvicinano al ghosting ma poiche' non si trattava di relazioni vere e proprie, dopo un paio di settimane ho smesso di farmi domande e sono andato avanti per la mia strada, anche se all'inizio, lo ammetto, c'e' stata una certa incredulita' e voglia di capire.
Piu' interessanti sono invece i casi di due mie amiche.
Una vive da poco a New York e pochi mesi fa ha conosciuto un ragazzo a un corso di Inglese. Hanno iniziato a studiare assieme e poi si sono frequentati anche dopo i corsi. Sono usciti assieme 4-5 volte. Passeggiate romantiche, domeniche a Central Park, serate al pub. Una sera finalmente lui l'ha baciata. Tutto sembrava andare per il meglio quando lui improvvisamente si e' volatilizzato, scomparso nel nulla. Le ha scritto poche righe su whatsapp per dirle che aveva dei problemi, doveva andare fuori citta' e non poteva vederla piu'. E poi niente, silenzio piu' assoluto. La mia amica e ha provato a contattarlo in tutti modi ma lui non rispondeva piu' ne' alle chiamate, ne' ai messaggi...anche se li visualizzava. Dopo un po' ha capito che aveva solo trovato una scusa per liberarsi di lei. Ma cosa aveva fatto per essere scaricata in quel modo, quando le cose sembravano andare cosi bene? Questo se lo chiede ancora.
Un'altra amica, che vive in un paesino del Sud Italia, ha frequentato un ragazzo per un paio di mesi. Anche a lei la storia stava andando benissimo quando ad un tratto lui e' scomparso nel nulla. O meglio l'ha lasciata con tre righe via sms senza dare troppe spiegazioni. Dopodiche' l'ha ignorata totalmente. Lei e' andata nella depressione piu' totale facendosi per mesi sempre le stesse domande. Cosa avro' fatto di cosi' grave per farlo scomparire in questo modo? Dove ho sbagliato? Perche' non mi vuol dire i motivi? Tu cosa ne pensi? Dammi un parere, perche' voi uomini vi comportate cosi'?
Ghosting spesso genera Stalking e infatti ha iniziato a seguire ogni suo movimento virtuale controllando incessantemente il suo profilo Fb. Spesso mi diceva che lui aveva messo dei mi miace o dei commenti alle foto di alcune ragazze e non capiva cosa avessero loro piu' di lei.
Poiche' abitano nello stesso paese, ha iniziato anche a seguirlo nella vita reale. Una volta lo segui'  con la macchina ma lui se ne accorse e accosto' mentre lei ando' oltre e lui le diede uno sguardo a dir poco contrariato. Dopodiche' le scrisse un messaggio furioso per dirle di non seguirlo piu' perche' tra loro era finita. Di nuovo senza spiegazioni. E la poverina che voleva solo delle spiegazioni era stata anche umiliata per essersi comportata da stalker.

Cosa spinge a scomparire nel nulla senza dare spiegazioni? Perche' e' piu' semplice.
Ogni giorno siamo bombardati da migliaia di stimoli e informazioni e la concentrazione si posa sulle cose solo per alcuni secondi; se una notizia non ci interessa gli occhi vanno subito oltre. E gli esseri umani non fanno eccezione. Per molti, gli altri sono solo dei profili, dei volti dietro uno schermetto, degli avatar dei videogiochi, dei giocattoli. Spieghereste mai a un giocattolo perche' lo abbandonate per afferrarne un altro?

E' vero, si perde facilmente l'interesse per il prossimo e la tecnologia aiuta chi non il coraggio di spiegare le proprie scelte.
Un tempo si prendeva il coraggio a due mani e si parlava faccia a faccia o almeno con la piu' classica delle telefonate. 
Poi siamo arrivati a Gli scrivo un'email.
Oppure Gli scrivo un messaggio.
O meglio ancora, Scompaio senza dare spiegazioni. Perche' a volte la miglior risposta e' il silenzio.
Paura di far soffrire la persona la cui compagnia non ci interessa piu'? Vigliaccheria? Forse, ma al Ghoster non interessa. Non c'e' tempo per farsi problemi. Nessuna spiegazione e avanti con il prossimo giocattolo.

E voi avete mai avuto esperienze a riguardo? Esiste il termine ghosting in Italia o ne e' stato coniato un altro?

7 commenti:

  1. credo che la tua metafora del "giocattolo" colga in pieno il senso del "ghosting". Io adoro gli stati uniti per diverse cose, ma mi rendo conto che anche gli aspetti negativi sono molteplici, e tra questi c'è l'intrinseca estensione del consumismo alle persone ed ai rapporti umani. In Italia forse questo fenomeno è ancora ridotto. Dove vivo io (in Germania) c'è qualcosa di simile che riguarda le coppie sposate. Il tasso di divorzi è molto alto, e la dinamica in molti casi è sempre la stessa: uno dei due ha un problema grave (molto spesso economico, come la perdita del lavoro), e l'altra persona divorzia di fretta e furia e tronca i rapporti, come se l'amore fosse un sentimento che si spegne istantaneamente nel momento in cui c'è una grossa difficoltà. Per la serie: "insieme nella buona e nella cattiva sorte" vale solo per la prima metà della frase.. credo sia una conseguenza delle società ipercapitalistiche.. (non a caso in Europa Germania e UK sono le nazioni che più velocemente importano il modello USA)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Arthur, si probabilmente e' un fenomeno piu' diffuso nelle societa' iper capitalistiche in cui tutto si consuma in grandi quantita', con entusiasmo che nasce e muore in tempi brevi e le persone che vengono considerate da molti, soprattutto dai piu' giovani, ne' piu' ne' meno che oggetti di consumo. Infatti dai racconti ascoltati (e vissuti) i ghoster a me sembrano persone poco mature, quasi dei bambini viziati che passano da una conoscenza all'altra come fossero giocattoli. Si stufano di un giocattolo e passano subito ad un altro. Forse alcuni di loro scompaiono totalmente per paura di ferire le persone con le quali fino al giorno prima hanno trascorso bei momenti perche' non sanno come trovare le parole, non vogliono ferire la persona con la quale non vogliono piu' avere a che fare. Anche se questo e' umano e comprensibile, (ma dimostra un po' di immaturita' e vigliaccheria), la cosa che stupisce e' la velocita' e il cinismo con il quale riescono a staccarsi totalmente dalle persone, da un giorno all'altro. Signs of the times...

      Elimina
    2. Ma Ghosting a parte, i rapporti umani sono davvero iper-superficiali? sto pensando seriamente di trasferirmi negli USA, (dovrei far un po' di acrobazie per ottenere il visto data la mia area di lavoro, ma non credo sia impossibile), e le tre cose che ancora mi frenano sono la violenza (legata alle armi, ma non solo), la sanità, e per l'appunto la paura di non riuscire a costruire una vita sociale. D'altro canto non è che sotto quest'ultimo punto di vista qui in germania si stia meglio...sotto questo punto di vista che racconti?

      Elimina
    3. Ciao Arthur, il mio post sul Ghosting era riferito agli Usa ma in realta' anche all'Italia perche' molte delle storie che ho sentito sono accadute anche in Italia e quindi non credo ci siano molte differenze tra i due Paesi. Per quanto riguarda i rapporti sociali in Usa devo dire che a me gli Americani piacciono molto perche' sono sempre gentili e cordiali. E' vero, non e' facile instaurare amicizie profonde e durature anche perche' come dice un mio parente qui sono tutti "zingari" e si spostano da un anno all'altro per lavoro o semplicemente per cambiare citta' o Stato. Quindi magari inizi anche a costruire una bella amicizia con qualcuno ma poi l'amico decide di andare a vivere a 1000 Km di distanza. Poi anche le uscite sono spesso programmate con molte settimane di anticipo. Difficile uscire ogni sabato sempre con lo stesso gruppo di persone. Chi lavora, chi ha da fare e alla fine ci si vede magari una volta al mese. Dipende anche da dove vivi. Io infatti vivo in una zona stupenda ma un po' isolata del Connecticut e sto pensando quindi di trasferirmi a New York dove le possibilita' di vivere una vita sociale piu' intensa sono piu' alte.

      Elimina
    4. grazie per la risposta. alla fine sono sempre più convinto nel trasferirmi, nonostante tutto!

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. A me è capitato, non proprio ghosting ma quasi.
    Conosco una tipa, bellissima, cominciamo a frequentarci, lei ricambiava quasi più di me, eravamo sempre "appiccicati", c'era una chimica incredibile, a me piaceva in maniera sconsiderata, adoravo tutto di lei.
    All'inizio fra l'altro fu lei a insistere per metterci assieme, anche se io non ne ero convintissimo visto una particolare situazione che lei aveva in famiglia.
    Ma poi alla fine ho ceduto, e mi sono innamorato come mai, poi a un certo punto un comportamento freddo..., mi ha mollato per telefono (dopo avermi detto che sono cose che non si fanno... n.d.r.) e poi basta, mi ha "cancellato", non volendomi più sentire vedere ecc..
    Io naturalmente sono caduto nello sconforto più totale, e mi sono fatto mille domande: dove ho sbagliato, se avevo detto qualcosa che non andava ecc..., tutte domande naturalmente senza una spiegazione da parte sua, senza una possibilità di confronto di persona.
    Io credo a questo punto che si tratti semplicemente di persone senza "palle", o meglio persone incapaci di affrontare un'altra persona per vergogna, perché non sanno come spiegare a "quell'altro" che prima si sono lanciate a capofitto facendoti innamorare perdutamente, e poi hanno cambiato idea.
    Questo comportamento è parzialmente accettabile quando si hanno quindici anni, ma non quando si è adulti.
    Sono persone a mio parere poco serie, in parte molto fredde e calcolatrici, persone egoiste incapaci di provare dei sentimenti veri e che di fatto sono socio-patiche.
    Alla fine uno se ne fa una ragione, resta l'amaro in bocca per aver creduto a chissà che o essere cascato nella trappola, nel mio piccolo all'inizio rifiutavo di uscire con questa persona, quasi come se il mio subconscio si stesse rendendo conto che c'era qualcosa di strano, insomma che c'era come si usa dire "del marcio in Danimarca".
    Il ghosting da l'idea di che razza di livello (in basso) abbia raggiunto la nostra società, e con che razza di persone abbiamo a che fare senza che ce ne rendiamo conto.
    La Theron ha dimostrato una pochezza d'animo epocale, e questo a mio parere renderà la sua vita sentimentale molto dura d'ora in poi, perché ovviamente chi entrerà in contatto con lei si aspetterà un trattamento simile e magari la eviterà o non se ne innamorerà seriamente.
    Chi di spada ferisce di spada perisce dice il proverbio... :)

    RispondiElimina