Segui il blog tramite email

lunedì 17 giugno 2013

Tra una settimana sono in volo per gli States

Ciao a tutti, tra una settimana a quest'ora saro' in volo per New York! Stavo pensando di raccontarvi l'odissea con Trenitalia di qualche giorno fa: ritardi, cancellazioni, coincidenze perse, controllori poco gentili, impiegato dell'ufficio informazioni poco professionale, regole per ottenere un rimborso per il ritardo del treno poco chiare anzi molto ridicole. Insomma stavo pensando a un post dei miei per la serie "pessimismo e fastidio" in Italia ma poi ho pensato che non ne vale piu' la pena arrabbiarsi o perdere tempo a raccontare questi episodi, almeno non ora. Lasciamoci alle spalle la cara Italia per un po' e pensiamo alla partenza. Ho finalmente risolto il problema di dove andare a stare i primi giorni. Ho chiesto un po' in giro ad amici, ex colleghi, parenti e conoscenti, stavo guardando anche i prezzi di hotel economici e i prezzi delle stanze in famiglie ospitanti ma alla fine una mia zia si e' offerta di ospitarmi per qualche settimana fino a che non trovero' un appartamento non lontano dalla sede del mio ufficio. Un altro mio amico, gentilissimo, mi prestera' la sua auto per qualche settimana e sara' un grandissimo aiuto. Comprero' poi una macchina al piu' presto anzi sono ancora indeciso se comprarla o prendera in leasing. Mi sto informando. A proposito devo subito andare a rinnovare la patente americana, scaduta un anno fa. Poi devo anche comprare un laptop perche' il mio MacBook e' ufficialmente in coma e senza laptop non e' facile fare la ricerca degli appartamenti online. Per quanto riguarda il mio primo giorno di lavoro, appena approvato il work visa ho telefonato al capo che mi ha detto che posso iniziare appena mi sono sistemato, e' abbastanza flessibile perche' sa che ho bisogno di qualche giorno per trovare un appartamento ma credo che iniziare entro il 10 luglio potrebbe andare bene ad entrambi. Appena arrivo mi faccio vedere il ufficio per salutare tutti e per capire meglio le loro esigenze e concordare i dettagli. Insomma ho un milione di cose a cui pensare. Ma sono carico. Un respiro profondo e diamoci da fare. Quando il gioco si fa duro...i duri iniziano a fare la valigia.

10 commenti:

  1. Anche se non ci conosciamo, sarai nei miei pensieri........
    Buona fortuna amico e spero un giorno, non tanto remoto, di fare un post simile a questo.

    RispondiElimina
  2. e vaiiiiii Luca e facci sapere altro e di più...se riesci a trovare appartamenti economici ,fammi sapere sai la voglia di tornare che ho..ma no più da mia sorella... full immercion in NYC...Auguri Luca.. Buon viaggio!

    RispondiElimina
  3. Accidenti... mi hai ricordato quale sarà la cosa più impellente da fare quando andrò là...
    TROVARE UN APPARTAMENTO.
    In pratica, anche io potrei usufruire degli stessi tuoi "vantaggi" in termini di ospitalità, almeno per un paio di settimane... ma il problema è che, non sapendo bene l'inglese, o mi metto nelle mani dei miei parenti per trovare qualcosa e non farmi "bidonare" con l'appartamento, in termini per esempio di contratto poco chiaro, anticipi/caparre che poi magari non vengono restituiti perché le clausole non sono state ben capite (dal me in questo caso...), oppure fare tutto da solo per evitare di mettere in difficoltà chi mi ospita il quale ha una vita molto frenetica e poco tempo da dedicare al parente italiano che chiede di continuo una mano...
    Il problema della casa, sembra essere quello che meno si affronta, ho girato come un matto blog, siti, youtube, ecc... ma non si trovano veri consigli su dei punti cardine per cercare casa senza incappare in banali errori.
    Visto che poi si tratta di una spesa non indifferente, e che la casa è fondamentale per muoversi poi con serenità e concentrarsi sul da farsi, mi piacerebbe che magari tu, visto che la prima cosa che farai sarà proprio cercare casa a NY (o dintorni), postassi degli articoli a riguardo, fra l'altro sarebbero freschi e di prima mano, proprio perché stai cercando.
    Credo che sia un argomento di estremo interesse e veramente pratico, fra l'altro è la prima cosa da fare quando si arriva lì.
    Io non sono così fortunato da poter trattenermi per così tanto tempo a casa di parenti, un paio di settimane non di più ho idea, ma se arrivo con le idee ben chiare, posso sfruttarle al meglio e proporre poi quello che trovo negli annunci, al vaglio dei miei parenti, i quali eventualmente possono anche fare una telefonata di primo contatto per capire le cose fondamentali e poi io vado di persona a vedere l'appartamento.
    Credi che sia una buona idea??

    RispondiElimina
  4. Grazie a tutti. Machine Pistole certamente vi terro' aggiornati sulla mia ricerca appartamenti anche perche' dovro' stare attento anche io. In passato ho sempre vissuto in appartamenti che ho preso in affitto tramite conoscenze ma questa volte forse dovro' cercarlo nei modi tradizionali ovvero internet o agenzia. Ora il mio problema imminente da risolvere e' come andare dal JFK a casa di mia zia. Volevo noleggiare un auto al JFK ma la mia carta di credito americana e' scaduta. Si puo' usare la carta di debito ma vogliono vedere anche il biglietto di ritorno che io non ho ovviamente. Forse lo fanno perche' non essendo un cittadino americano del passaporto italiano se ne fanno poco e vedere un biglietto di ritorno li rassicura e sanno come rintracciarti in caso la macchina scompare. Mah, mi sa che dovro' prendere un bus.

    RispondiElimina
  5. X Torno a vivere in America

    Magari la domanda è banale... ma non hai una carta di credito italiana?
    Io ho quella della mia banca, in realtà se sei momentaneamente disoccupato, fanno fatica a dartela se non l'hai di già, però ad esempio ora American Express sta facendo molta pubblicità nei centri commerciali tentando di rifilarti la loro carta.
    Ho chiesto e per il primo anno è gratuita, non so però se te la danno in caso tu al momento non abbia entrate.
    Però sono talmente affamati di contratti che è possibile che te la concedano.
    Certo non hai molto tempo, ma potrebbe valere la pena tentare ugualmente.
    Io la prenderei (se me la danno, visto che anche io in questo momento ehmmm....) giusto per avere 2 carte diverse su due circuiti, possono fare sempre comodo, anche perché la debit card non vale per noleggiare le auto... almeno non credo.
    Prova cmq, io li devo driblare al centro commerciale, da tanto sono invadenti e tentano di dartela anche se non la vuoi.
    :)

    RispondiElimina
  6. Ciao Machine Pistole, in Italia ho il conto su BancoPosta e ho solo la carta PostePay e Postamat. Non ho mai aperto un conto in banca e non ho una carta di credito italiana. Potrei chiedere ora una carta di credito ad una banca ma so che se ne passano settimane per i loro controlli e poi non so se me la darebbero visto che al momento non ho entrate. Cmq alla Budget mi hanno dato risposte differenti, mi sa che gli impiegati incompetenti che danno risposte diverse non sono solo in Italia, a volte li trovi anche tra le compagnie americane... mi ha detto un impiegato che posso noleggiare un'auto con debit card ma serve anche il biglietto di ritorno in Italia. Un altro impiegato mi ha detto che posso usare la debit card senza biglietto di ritorno e mostrare passaporto italiano con il visto e patente italiana e non dovrebbero esserci problemi. Alla fine per non rischiare ho prenotato il posto in uno shuttle, ovvero uno di quegli autobus che fanno fermate in varie citta' da NY al Connecticut.

    RispondiElimina
  7. Fai bene a prendere lo Shuttle, in fin dei conti è meglio farsi portare a destinazione che guidare dopo un viaggio con jet lag e sbattimenti vari.
    Io l'ultima volta che sono andato, sono sbarcato con un mal di testa tale che una volta arrivato in Hotel, mi sono piazzato a letto con luci spente per 6 ore... non voglio pensare a cosa avrei fatto se avessi dovuto guidare in quelle condizioni...
    Autista please!!
    :)

    RispondiElimina
  8. A proposito... mi è venuto in mente... io avevo anche pensato di portarmi la macchina... chissà quanto costa, e che cosa comporta.
    Se uno deve stare lì anche per 3 mesi, potrebbe convenire rispetto al noleggio.
    Certo che bisognerebbe affidarsi a gente seria e competente, visto che se ti arriva là danneggiata, poi sono casini.
    Però non sarebbe una bruttissima idea.

    RispondiElimina
  9. @Machine Pistole, portarsi la macchina dall'Italia secondo me non e' una buona idea neanche se decidi di trasferirti in Usa a vita, per tre mesi poi e' ancora meno consigliabile. Prima di tutto devi portarla via nave e potrebbe costarti un migliaio di dollari per l'andata e altrettanto per il ritorno. Se non sbaglio devi svuotarla di benzina, olio etc e poi se te la bloccano al porto per controlli e pratiche varie potresti anche non riuscire ad utilizzarla per 3 mesi ma magari solo per 2-3 settimane. Secondo me non ne vale la pena.

    RispondiElimina
  10. @Torno

    Ahh.... non lo sapevo, allora lascio la mia amata macchina a casa... peccato, perché mi mancherà... in effetti non ci avevo pensato, ma se c'è uno sbattimento così, conviene proprio affittarla là, almeno non ti devi preoccupare di nulla.
    Grazie per le info, problema accantonato!

    RispondiElimina