Segui il blog tramite email

venerdì 24 maggio 2013

Stati Uniti arrivo!!!

Ragazzi, ormai e' sicuro. Poco fa mi ha telefonato il CEO dagli States per comunicarmi che l'immigration ha approvato il mio visto! Quindi...Missione Compiuta! Torno a vivere in America!
Attendevo con ansia questa notizia ormai da molti mesi. Il prossimo passo e' andare ad un consolato americano in Italia, portare alcuni documenti che mi inviera' l'avvocato da NY e sostenere un breve colloquio dopodiche' stamperanno il visto sul passaporto e potro' finalmente partire. Grazie a tutti per il supporto! Vi terro' aggiornati e comunque state certi che continuero' a scrivere per il blog. Come diceva qualcuno: e non finisce qui. E adesso fuochi d'artificio, come fosse il 4th of July.

29 commenti:

  1. Grande! sono felice che sia riuscito a realizzare il tuo sogno. In bocca a lupo per la tua nuova vita!

    RispondiElimina
  2. Complimenti!!!! e che bello che hai documentato tutta la storia qui!

    RispondiElimina
  3. NE SONO FELICE! Non ti conosco di persona ma, seguendoti da un po', mi sono affezionata a te ed ho apprezzato la tua buona volontà, perciò ho anche pregato un po' per questo esito felice...
    Mila

    RispondiElimina
  4. complimenti!!!mi raccomando continua ad aggiornarci :-)

    RispondiElimina
  5. Complimenti, sono contentissimo per te :)

    RispondiElimina
  6. Siamo molto felici ad accoglierti ancora negli Stati Uniti per continuare il tuo sogno americano.

    RispondiElimina
  7. Sei pronto?
    Io non dormirei alla notte per l'eccitazione.
    Non oso pensare al momento in cui te lo hanno comunicato... ora nuovi scenari... cambi vita!

    Ps
    Non ti scordare di noi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ps.

      Sono contento anche perché vuole dire che non è proprio impossibile andarci... mi da la carica questa notizia!

      Elimina
  8. e' bellissimo vedere l'entusiasmo e sicuramente ci hai insegnato a non mollare mai, almeno a me hai dato una lezione di vita, lo dico veramente! se vuoi veramente una cosa e fai di tutto per riuscire alla fine ci riesci no? e allora si brinda finalmente!

    RispondiElimina
  9. bravo....wow! sono felicissima per te....se torno in America ti contatto.... in bocca al lupo per la nuova vita!e non dimenticare di aggiornarci! ciao grande Luca!!!

    RispondiElimina
  10. Grande soddisfazione! Non hai mollato e ci sei riuscito....in bocca al lupo e tienici aggiornati.

    RispondiElimina
  11. Grandeeeeeeeeeeeeeeee sei stato bravissimo!
    Attendiamo allora le news prossime :) :) :)

    RispondiElimina
  12. Finalmente ti togli dalle paxxe questo paese di EMME :)

    Grande! Ora mi raccomando.... non fare più la cazzata di tornare! ehehehehe

    Vai e spacca! Ma non abbandonare il blog, da qui diventa ancora più interessante con gli usi e costumi e curiosità made in USA :)

    RispondiElimina
  13. Si parla di mettere un balzello sulle sigarette elettroniche.
    Che io non uso, non mi interessa in realtà, ma l'andazzo non è cambiato, anziché abbassare le tasse, specie sul lavoro, cosa fanno?
    Mettono ancora tasse.
    Siamo proprio in trappola in questo paese.

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Grazie a tutti anche se devo ancora andare al Consolato americano per il colloquio (che dovrebbe essere formale). Li mi stamperanno il Visto sul passaporto e potro' partire, credo tra qualche settimana.

    RispondiElimina
  16. Grandissimo Luca, adesso puoi stappare quello che vuoi! Continua a scrivere mi raccomando :) CONGRATULAZIONI, GODITI IL TUO SOGNO :)

    RispondiElimina
  17. Grande Luca! Sono contentissimo per te! :)

    RispondiElimina
  18. Ciao e complimenti!!! scusa se commento nel post sbagliato , ma ho appena letto alcuni post del tuo blog e .... Vorrei farti qualche domanda sui community college! Principalmente vorrei capire i requisiti di ammissione , per quanto riguarda l'istruzione, poi se richiedono esami in piu' come il SAT o se tutto varia da una scuola all'altra? Perche' io ho 24 anni ed anni fa ho lasciato la scuola proprio all'ultimo, ho frequentato la 5 liceo scientifico ma non sono stata ammessa all'esame, ora pero' sono in Australia e ho conseguito il GED americano in una sede qui, vale qualcosa per l'ammissione o devo avere per forza il diploma italiano? Ovviamente preparo anche IELTS / TOEFL sperando di ottenere un buon punteggio.. Anch'io come te ho gia' avuto una prima esperienza in America (di lavoro nel 2011-2012) e non mi dispiacerebbe avere l'opportunita' di studiare li'... Sono rigidi per quanto riguarda gli studenti internazionali? Let me know thanksss!!! La mia mail : gaiaoz@ymail.com

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  20. scusa il ritardo,ma, congratulazioni!!!! mi credi se ti dico che mi sono venuti i brividi quando ho letto il titolo del post?? che bello sono stra felice per te,seguendoti da un po' anche su un altro forum,so quanto ci tenessi a realizzare questo sogno,ed ora ce l'hai fatta!!!!! mi raccomando pero' non ci abbandonare!!!! Ti auguro di cuore il meglio di ogni cosa!!! Sam

    RispondiElimina
  21. Grazie a tutti, proprio oggi ho fissato l'appuntamento per il colloquio al consolato e se tutto va bene tra una settimana avro' il visto stampato sul passaporto e potro' partire entro fine mese!

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  23. CONGRATULAZIONI!!!!
    anche io ho fatto piu' o meno lo stesso percorso...anche se per me e' la prima volta. mi sono lanciata all'avventura a New York, ho trovato un'azienda che ha deciso di sponsorizzarmi. Sono dovuta tornare in Italia a marzo perche' erano finiti i 6 mesi. Poi ho atteso 2 mesi in preda all'ansia (lo sai che c'e' stata anche una lotteria per eliminare 50.000 petition in eccesso?abbiamo avuto pure fortuna!)e poi finalmente mi e' arrivata la fatidica approvazione!!!

    Ora devo aspettare il 1 ottobre per cominciare a lavorare,perche' quella e' la data di validita' di partenza del visto H1B. e non posso trasferirmi in USA piu' di 10 giorni prima di quella data. Non e' così anche per te?

    Visto che tu l'hai gia' fatto....come e' il colloquio al consolato per questo visto? Che domande fanno? Dici che potrebbero farmi paranoie sul fatto che sono stata 6 mesi a NY e come ho fatto a mettermi in contatto con questa azienda e come mai hanno scelto me? In teoria nell'application erano gia' informati che avevo gia' un visto B2 con il quale sono entrata negli states, quindi se me l'hanno approvato vuol dire che l'hanno gia' preso in considerazione e non e' un problema, almeno spero :) Per te come e' stato la scorsa volta?

    PS: da quello che so io il visto H1B dura 3 anni ed e' rinnovabile per altri 3, poi devi stare fuori dagli USA almeno un anno per riapplicarti di nuovo per un H1B...quindi sei sicuro che tra 3 anni non potrai rinnovarlo? secondo me si :)

    ci sentiamo
    Ciao!!




    RispondiElimina
  24. Ciao Silvia! Congratulazioni anche a te! Dove andrai a lavorare?
    Ho capito la tua situazione. Questo e' il tuo primo H1B e quindi tu hai fatto la domanda entro il 1 aprile, ti e' stata approvata e puoi iniziare a lavorare solo ad Ottobre. Questa e' la procedura standard per il primo visto H1B. E anche quando lo ho fatto io hanno dovuto scartare per sorteggio circa 50mila domande perche' ne erano arrivate troppe quell'anno e i posti sono fissi ad un certo numero. Ma tu hai usato un avvocato per le pratiche vero? Hai gia' fatto il colloquio e hai il visto stampato sul passaporto o dovrai ancora farlo?
    Comunque come sai il visto h1b e' rinnovabile un'altra volta, quindi allo scadere del visto puoi rinnovarlo (anche cambiando compagnia) per altri 3 anni. Il massimo consentito sotto h1b e' infatti 6 anni.
    Nel mio caso io ho ottenuto gia un H1B per tre anni in passato e poi sono tornato in Italia. Questo e' il mio secondo H1B e quando fai il secondo H1B non c'e' la procedura standard di fare la domanda ad Aprile e di poter iniziare non prima di Ottobre. I tempi per il secondo H1B sono piu' veloci a quanto ho capito io, infatti a me lo hanno gia' dato e le pratiche le hanno inziate verso marzo 2013. In realta' la compagnia ha anche pagato in piu' per il premium processing (circa 1200 dollari in piu' oltre alle spese normali per ottenere una risposta in 2 settimane dall'USCIS).
    Come e' stato il colloquio del mio primo H1B? Poche domande, ho consegnato i moduli, mi hanno chiesto qualche dettaglio del lavoro che avrei svolto e sono stati cordiali. Ovviamente se ti chiedono se hai intenzione poi di restare a vita in Usa devi sempre dire di no, che tu vai li per questi 3 anni per l'opportunita' di lavoro ma poi la tua intenzione e' sempre tornare a vivere in Italia. Non parlare mai di carta verde, anche se poi potrai fare le pratiche per la carta verde al colloquio devi far capire che tu non vuoi andare a vivere in Usa per sempre. Se ti chiedono come hai conosciuto la compagnia...non so, chiedi al tuo avvocato che ti ha preparato le pratiche o alla compagnia cosa e' meglio dire. Puoi dire che hai mandato CV dall'Italia e ti hanno fatto colloquio via skype etc. e/o che dopo un colloquio via skype sei andata li per turismo e li hai conosciuti anche di persona? Boh non so bene cosa consigliarti ma secondo me non ti faranno problemi. Io cmq quando presi il mio promo H1B ero gia' coperto dal periodo di un anno concessomi dopo la laurea biennale al college in Usa. Quindi io ho prima avuto uno student visa per 2 anni poi mi e' stato concesso di lavorare per 1 anno per una compagnia (sotto OPT=optional practical training) teoricamente per mettere in pratica cio' che avevo imparato al college. E durante OPT ho fatto la domanda per il mio primo H1B. E cosi' sono stato ininterrottamente in Usa per quasi 7 anni. Poi sono tornato in Italia per 2 anni e ora torno in Usa con il mio secondo h1b. Prossimo passo magari sara' la green card ma vederemo cosa dice la compagnia. Step by step con molta umilta' e impegno perche' li in Usa nessuno ti regala niente. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a New York in un'azienda di moda. Si ho usato un avvocato..anzi veramente l'azienda ne ha procurato uno per me.

      In realta' ho conosciuto questa azienda per circostanze molto fortunate, visto che la mia coinquilina lavorava per loro e una sera ha avuto la bella idea di invitarmi a cena dal suo presidente :) quindi magari la verita' e' la versione migliore, chiedero' comunque all'avvocato che sicuramente mi preparera' per quello che devo dire.
      Si io ho fatto la procedura standard il 1 Aprile, anche a me hanno pagato il premium processing quindi ho ricevuto l'approvazione in poco tempo. Comincio a lavorare il 1 ottobre, potro' trasferirmi dal 21 settembre e il colloquio lo potrò fare a partire dal 1 luglio.
      Solo che gia' fremo per trovare una camera dove stare il primo mese, l'anno scorso la cercavo a Luglio per Settembre e gia' mi era rimasta poca scelta...quindi in realta' vorrei prenotarla adesso! solo che fino a che non ho quel visto sul passaporto non mi sento al 100% sicura...ma io sono un po' paranoica e scaramantica di natura... :) ma alla fine credo che la fermo, non posso aspettare fine luglio

      Che dire..vale la pena di aspettare pero'. Si e' vero che in USA non ti regalano niente, ma noi siamo la prova che tutto l'impegno che ci mettiamo viene ripagato...che anche se e' davvero difficile ottenere un visto, non e' poi una missione impossibile. Bisogna non arrendersi di fronte alle tantissime difficolta' e numerose porte in faccia. Il primo periodo ho avuto veramente paura che era stato tutto inutile, poi a un certo punto si sono create una serie di coincidenze e circostanze assurde che mi hanno portato fin qui'. Sembrava proprio il destino che ripagava i miei sforzi...a New York sono diventata molto fatalista ehehe.

      PS: sono molto contenta di apprendere da te che l'azienda deve dichiarare di non pagarmi meno dello stipendio meno..eheheh. Loro sono un po' tirchi quindi sicuro pensavano di potermi pagare molto meno..e non credo che si vogliano inguaiare facendo dichiarazioni false. Queste cose ancora non me le hanno dette perche' ,conoscendoli, giungeremo ad un accordo il giorno prima di cominciare a lavorare. Ma visto che al colloquio potrebbero chiedere quanto mi pagheranno e io non posso dire "boooh"o una cifra che non corrisponde alla loro, l'avvocato deve per forza dirmi la cifra che hanno dichiarato :)

      grazie mille per le info,e di nuovo complimenti! non vedo l'ora di partire anche io!
      keep in touch!
      Ma anche tu sei a New York?

      ciao

      Elimina
  25. Ciao Silvia, si anche io saro' a New York. Per lo stipendio in pratica non possono pagarti meno di quanto pagherebbero un americano per quella posizione. Quindi se ti assumono chesso' come coordinatore delle vendite non possono darti al di sotto di una certa cifra. Ovviamente se vogliono possono dichiarare al dipartimento del lavoro che andrai a fare un lavoro di minore responsabilita' di quello che andrai realmente a svolgere e cosi' potranno pagarti meno MA piu' mentono e piu' rischiano e poi piu' "abbassano" la tua importanza e piu' sara' difficile ottenere un visto perche' l'immigration puo' dire tipo chesso': ok, vuoi assumere uno straniero per fare le pulizie? Possono farlo anche gli Americani e quindi non ti approvo il visto. Quindi alla fine piu' o meno la compagnia dira' la verita' e ti paghera' il giusto, almeno spero! Non capisco l'esigenza di fare il premium processing per te se cmq non potreai lavorare prima di Ottobre. Cmq guarda che non sono molte le compagnie che pagano loro le pratiche di visti e il premium processing. So di compagnie che si fanno dare soldi sottobanco in contanti dalla persona assunta e poi loro inviano gli assegni facendo risultare che le spese di visti le pagano loro (come deve essere). Magari ci si vede a NY allora. Se vuoi puoi darmi la tua email (poi se vuoi cancello subito il post con la tua email).

    RispondiElimina
  26. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  27. Hey! una mia amica mi ha appena fatto scoprire il tuo blog e me lo sto leggendo (o meglio divorando) dall'inizio come fosse un romanzo, di quelli avvincenti eh!
    Amo gli Stati Uniti da sempre, sempre, sempre e spero con tutto il mio cuore di poter realizzare il grande sogno di andare a viverci. Non sarà semplice, lo so, ma sono più che determinata.

    So che è un po' tardi, ma congratulazioni per il ritorno negli States, sono davvero contenta per te!!
    A presto!!

    RispondiElimina