Segui il blog tramite email

giovedì 25 aprile 2013

Il credit score americano

Se vivete negli Stati Uniti sentirete spesso parlare di credit score e credit history che servono a misurare la vostra affidabilita' come debitori. Il credit score e' un numero da 300 a 850 ed e' un vero e proprio voto che "prende forma" negli anni in base alla vostra storia di credito. Ed e' un punteggio che anche se si stabilizza puo' sempre oscillare in positivo o in negativo.
Per avere una storia di credito dovete aver contratto dei debiti, piccoli o grandi che siano. E quindi dovete avere, e usare, almeno una carta di credito. Anche comprare una macchina a rate o avere un mutuo per la casa costituiscono informazioni importanti per la storia di credito. Ma andiamo per gradi. Ogni pagamento tramite carta di credito viene registrato, ogni volta che pagate nei tempi il vostro credit score aumenta, ogni volta che pagate in ritardo diminuisce. Ci sono anche altri criteri che modificano il punteggio ma la puntualita' nei pagamenti e' il criterio fondamentale.
In base al punteggio verrete inseriti in una di queste fasce:
Bad
Not good
Good
Very good 
Great 
Appurato che per iniziare a costruirsi una storia di credito bisogna avere una carta di credito, vi chiederete: come si fa ad ottenere la prima carta di credito quando non si ha una storia di credito? Come fa l'istituto di credito ad essere sicuro che siete affidabili se siete da poco arrivati negli Stati Uniti? 
Ci sono alcuni metodi. Potreste fare domanda per una credit card con l'aiuto di un co-signer, ovvero un co-firmatario, magari un parente o un amico americano che abbia gia' una (buona) storia di credito e che garantisca per voi in caso non paghiate i vostri debiti.
Oppure potete rivolgervi ai department stores come Macy's, Kohl's, Circuit City che solitamente sono di manica larga e rischiando un po' potrebbero concedervi una carta di credito con un credito molto basso, solitamente sotto i $300. Anche se e' un credito basso non preoccupativi, e' un ottimo punto di partenza perche' ora potrete fare qualche acquisto, pagare nei tempi e dimostrare cosi' che siete debitori affidabili. Inizierete a crearvi una storia di credito e un credit score. Dopo qualche mese, se siete stati puntuali nei pagamenti, verrete "corteggiati" da molti istituti di credito che intaseranno la vostra cassetta della posta di credit cards. Bastera' una telefonata per attivarla e sarete cosi' i felici possessori di una seconda carta di credito. Continuate ad usarla e a pagare sempre puntualmente e vi verra' alzato il credito...e a quel punto verrete corteggiati ancora di piu'. Ricordatevi pero' dei vostri debiti, siete voi a dover agire pagando l'istituto di credito ogni mese. Potete inviare un assegno o un bonifico dal vostro conto bancario. Non vi vengono scalati i soldi in automatico, perche' la carta di credito non e' legata al vostro conto bancario ma ad un istituto differente. Dovete essere voi a ricordarvi e se ve lo dimenticate dovrete pagare degli interessi molto salati, anche il 20%.
Probabilmente questo sistema non piace molto agli Italiani che si sentono controllati, spiati, e che hanno il timore comprensibile di dimenticarsi di inviare un pagamento.
Pero' aspettate un momento.
Pochi giorni fa ho deciso di controllare per la prima volta il mio credit score.
Breve parentesi. Tre agenzie hanno in memoria tutti i dati di tutti i possessori di credit card: Experian, Equifax e TransUnion.
Ad ognuna di esse e' consentito richiedere un rapporto gratis all'anno. Bisogna inserire il proprio SSN cioe' l'equivalente americano del nostro codice fiscale, alcuni altri dati e si accedera' alla propria storia di credito aggiornata. Le tre agenzie forniscono un quadro preciso dell'affidabilita' ma non indicano il credit score, il punteggio vero e proprio.
Per ottenerlo ho dovuto pagare (circa $20) a MyFico.com.
Non solo ti spiano -direte voi- ma bisogna anche pagare per ottenere il proprio punteggio? In effetti...pero' ricordatevi che siamo in America dove tutto ha un prezzo e dove vige il concetto di meritocrazia. Mi spiego meglio. Dopo aver pagato i miei $20, oltre al mio credit score, 798, ho ottenuto un rapporto dettagliato con dei consigli molto utili e ad esempio ho scoperto che con il mio credit score se acquistassi una macchina a rate il concessionario non dovrebbe applicare un tasso di interessi superiore al 3.3 %. Quando acquistai la mia prima macchina americana, tanti anni fa, non avendo ancora una credit history il concessionario applico' un tasso del 9.9%!
Se il concessionario volesse applicare il 9.9% oggi potrei dirgli: guardi che il mio credit score e' 798 e dovrebbe applicarmi un tasso non superiore 3.3 %.
E lo stesso principio vale per un eventuale mutuo per la casa. Se comprassi casa oggi, dovrebbero applicare un tasso di interesse sul mutuo di gran lunga inferiore rispetto a qualche anno fa.
Insomma dimostrate di essere stati affidabili negli anni? Bene, meritate di avere dei vantaggi economici e tassi di interesse vantaggiosi. Meritocrazia, mi piace molto. In Italia si cerca ancora di fare le crociate contro le carte di credito a favore del contante. Chi usa il contante puo' evadere piu' facilmente, o comunque pur non evadendo si sente meno controllato. Le ragioni sono culturali e infatti ho notato una differenza fondamentale su come viene concepita la tracciabilita' del danaro in Italia e negli Usa.
Il sistema italiano controlla i movimenti tracciabili solo per punire (se evadi o fai operazioni poco chiare) e quindi siamo naturalmente ancora molto legati al contante. Il sistema americano controlla per punirti se evadi (e li' ti puniscono davvero, anche con il carcere) ma controllano anche per premiarti se dimostri di essere un buon debitore che paga i debiti nei tempi. Non potremmo cambiare atteggiamento e imparare qualcosa dagli Stati Uniti? (Ne ho parlato anche in questo post). Vi saluto riproponendovi questa interessante puntata di Report sul contante e i pagamenti tracciabili. Alla prossima.














28 commenti:

  1. Ciao, si e' vero quello che dici ma anche come hai detto tu se paghi una carta di credito in ritardo e' la fine, non solo gli interessi ti sbalzano al doppio se non al triplo, tipo 24-27% ma il credit score ti si abbassa di parecchio e poi diventa tutto difficile ottnere le cose. Comunque fresco fresco appena arrivato in posta un comunicato della mia carta di credito dove dice che mi ha cambiato l'agreement, e io basta che ricevo questo comunicato e' come se accettassi e se ho domande devo chiamare..cioe' non e' che ti chiedono se sei d'accordo o no. Comunque e' prorio in riferimento al credit report: io accetto che loro si informino sul mio credit report, facciano investigazioni su di me e sulla mia abilita' di pagare e di ottenere informazioni su di me da terze parti. E che useranno queste informazioni per ogni motivo(*&!) Inoltre daranno tutte le informazioni del mio conto bancario alle agenzie di credit report e gli diranno se io ho fatto qualche sgarro e che queste informazioni potrebbero avere un effetto negativo sul mio credit report. Non ti sembra un po eccessivo? Insomma privacy proprio inesistente! Ciao

    RispondiElimina
  2. Non sono d'accordo sul sistema usato..., è meritocratico per finta, io ho sempre pagato senza prendere nulla a rate (parlo qui in Italia), macchina compresa (e non è un'utilitaria, neppure per gli americani).
    Anche sull'uso del contante, il contante negli States va molto più che qui, il fatto che spesso non venga usato, è semplicemente dovuto al problema che gli americani prendono tutto a rate, pure il giornale se possibile, e così non hanno mai soldi "cash" da impiegare.
    Cambiando discorso, guardando gli annunci di lavoro negli States, mi trovo spesso a non poter rispondere perché c'è questa dicitura:

    "Must be authorized to work in the United States on a full-time basis for any employer."

    In pratica questi annunci ti tagliano automaticamente fuori??

    RispondiElimina
  3. @ Mili Coon Hai ragione, se non fai un pagamento poi gli interessi da pagare sono molto alti, anche oltre il 20%. Ovviamente gli istituti di credito devono guadagnare in qualche modo per mantenere le loro spese e quindi se paghi sempre puntualmente non paghi neanche un dollaro per il servizio che ti offrono ma appena "sgarri" e' li che fanno il loro guadagno. Per il concetto di privacy personalmente non lo vedo come un problema o una cosa fastidiosa, non sono preoccupato perche' ho la liberta' di non usare la carta di credito, di pagare con assegni o in contante quando e' possibile e non penso che agli impiegati degli istituti di credito siano interessati alle mie spese e ne parlino, anche perche' credo che i loro controlli siano automatici e gli impiegati non stanno li a parlare delle interessantissime mie abitudini come il fatto che faccio spesa da Stop N Shop invece che Costco. :)
    @ Machine Pistole In un certo senso hai ragione perche' il controsenso e' che se acquisti una macchina pagando tutto subito non credo che questo sia un dato rilevante per la storia di credito ma se paghi a rate e dimostri di pagare puntualmente il tuo credit history aumenta, infatti ci sono persone che pur potendo pagare tutto subito preferiscono pagare a rate cosi' possono far aumentare il loro credit score. E' un sistema strano pero' ti premia. Quando usavo la carta di credito in Usa, piu' la usavo e piu' avevo vantaggi, sconti e ogni tot mesi ricevevo in base al mio punteggio assegni da $25, $50, $75 e $100. Se avessi usato il contante per le mie spese non avrei avuto vantaggi.
    Perche' dici che negli States in contante va molto di piu'? Usano la carta per comprare anche il giornale e il caffe' proprio perche' non vogliono usare il contante, e' scomodo per loro avere contante nel portafogli. Anzi per loro l'uso del contante e' diventato qualcosa che ha una connotazione culturale...se lo usi per le piccole spese va benissimo ma gia' se vuoi pagare una spesa di piu' di $100 in contanti al negozio ti guardano in modo strano. Se tutti usano le credit o le debit card - pensano - perche' vuole pagare in contanti? Ha qualcosa da nascondere? Non ha neanche una debit card (cioe' il nostro bancomat)? Come mai non ha neanche una debit card? Nessuna banca gli ha fatto aprire un conto? E perche' non glielo ha fatto aprire, sara' un delinquente?
    Per la frase: "Must be authorized to work in the United States on a full-time basis for any employer." hai ragione. L'azienda la inserisce proprio per evitare che mandino il CV persone che poi devono essere sponsorizzate ed ottenere un permesso di lavoro dal dipartimento del lavoro e dall'immigrazione americana. Poiche' (e ne so qualcosa) queste pratiche possono essere respinte o comunque durano anche mesi, l'azienda non vuole problemi, non vuole perdere tempo. Magari ha bisogno di un impiegato subito e quindi mette subito le cose in chiaro facendo capire che puo' assumere solo chi puo' lavorare dall'oggi al domani senza bisogno di ricorrere a permessi e a lunghe e costose pratiche burocratiche per i visti. Pensa al mio caso, sono tornato in Italia a dicembre 2012 e sto ancora aspettando l'approvazione del mio visto che dovrebbe avvenire se tutto va bene a Giugno (beh in realta' hanno iniziato le pratiche verso Marzo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhhh... come immaginavo, è un filtro automatico per prevenire richieste di stranieri in cerca di lavoro.
      Quindi da tutte le inserzioni che vedo devo depennare quelle con questa dicitura, e considerando che anche quelle che non riportano quella dicitura potrebbero cmq farti difficoltà per lo stesso motivo, mi toccherebbe scartare un sacco di annunci.
      Ma possibile invece che chi viene qui in Italia anche da clandestino trova subito lavoro?

      Elimina
    2. Machine Pistole hai centrato il punto. In Italia facciamo entrare chiunque senza problemi. Poi poco conta se queste persone fanno concorrenza ai lavoratori italiani che devono emigrare all'estero.
      In Usa sono piu' severi e assumono stranieri solo se gli servono davvero e se hanno capacita' che si trovano difficilmente tra gli Americani. Insomma proteggono i loro cittadini altrimenti tutto il mondo si trasferirebbe in Usa e nascerebbero all'istante conflitti sociali tra Americani e stranieri.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Non saprei dirti. Certamente se vai in banca e vuoi depositare 50mila dollari in contanti innanzitutto potrebbero chiedersi da dove derivano tutti quei soldi in contanti.
      Se li trasferisci da una banca all'altra magari ti fanno meno problemi.
      Che io sappia solitamente una volta che apri un conto in una banca americana non e' la banca a darti una carta di credito. La banca ti da' solo una carta di debito, ovvero l'equivalente della nostra carta bancomat per cui puoi spendere solo i soldi che hai depositato in banca, non oltre. Per avere la carta di credito devi fare domanda ad altri istituti di credito che te la danno proprio in base alla tua credit history. Infatti quando hai una carta di credito ogni mese devi essere tu a ricordarti di pagare l'istituto di credito inviando il pagamento via assegno o elettronicamente. In sostanza usi i soldi che hai sul tuo conto corrente bancario per pagare l'istituto di credito che ti ha dato la carta di credito.

      Elimina
  4. Brutta bestia la privacy, per come la vedo io è solo un modo per garantire sicurezza e copertura a chi ha qualcosa da nascondere e ai criminali.
    Le autorità non sono libere di indagare sui sospettati.
    E non infossiamoci sul complottismo, nessun governo ci sta spiando o controlla quello che pinco pallino sta facendo, non frega a nessuno a meno che pinco pallino non sia un mafioso o trafficante di droga!
    L'unica utilità della privacy sarebbe quella di proteggerci dallo spam e dalle frodi, ma guarda caso è proprio quello che non fa, dato che ogni volta che si compra qualcosa online, che si firma un contratto coi servizi (acqua luce gas ecc..) che si manda un CV e simili, ci si trova a DOVER acconsentire il trattamento dei dati, ergo tutti ci possono usare e qui partono telefonate commerciali, lettere di associanzioni che vogliono soldi e così via.
    Proprio una vaccata all'italiana, la giustizia non ti può toccare, i criminali sì.
    PS:come conferma, ovviamente queto account (visto il nome..)non sono io :)
    ma, non perchè abbia paura che gli autori dei blog sappiano chi sia, ma per tutelarmi dai frequentatori "commerciali", ossia bot o persone che seguono i vari blog per segnarsi nominativi e mail da spammare!
    Ho già dovuto chiudere un account per il troppo spam e non voglio che si ripeta!


    Tornando in tema :)
    Mi piacciono molto questi post, spiegano aspetti della vita americana :)
    Avevo già sentito della credit history e mi è sempre sembrata una brutta bestia :) sembrava come dire "se non hai esperienza non lavori ma non puoi fare esperienza senza lavorare" un cane che si morde la coda.
    Ma mentre il discorso è valido per il lavoro (inutile fare 10 anni di call center, tanto l'esperienza per lavorare in banca non l'hai comunque) per il settore danaro la faccenda cambia grazie alle secured credit cards o alle department's store cards, si può costruire la propria storia creditizia "al di fuori" del settore bancario.
    Tutt'ora però mi viene un pochino da storcere il naso, perchè non ritengono validi i bancomat, loro vogliono proprio vedere come gestisci soldi non tuoi!
    E' anche vero comunque che tu sai quanti soldi hai nel conto e quindi sai quanto puoi spendere!
    A tal proposito mi vengono in mente quelli che pagano i debiti di una carta, con un'altra carta...

    E' comunque bello vedere la meritocrazia anche in questo frangente, se sei virtuoso meriti un premio, se sei un mani bucate o fai il fubino ti punisco.

    Sarebbe comunque una buona cosa avere l'accredito automatico dal conto a fine mese :) perchè per una ragione o per un'altra (incidente, malattia...), uno potrebbe non riuscire a pagare in tempo.

    PS:
    "Must be authorized to work in the United States on a full-time basis for any employer."

    Eh!Gli Usa non sono come l'Italia dove basta arrivare trovarsi un lavoro e poi farsi il permesso di soggiorno.
    Là il permesso lo devi già avere :) per questo è così difficile andarci, altrimenti saremmo tutti là :) :) :) io per primo :P

    RispondiElimina
  5. In realtà negli States pagano con carta di credito perché sono sempre in bolletta, ecco perché sono andati col sedere per aria quando c'è stata la crisi, perché comprano tutto a credito, e quindi nulla di quello che posseggono è loro, e questo non mi piace.
    In pratica hanno la mannaia della credit score e dei mutui/rate da pagare, che è un metodo coercitivo per obbligarti di fatto a usare la carta di credito e rendere la gente completamente schiava degli istituti di credito.
    E' come qui da noi, Monti (vagamente legato al sistema bancario, alla faccia del conflitto d'interessi) ha tentato e in alcuni casi (come il pagamento in contanti limitato) di metterci a 90 facendoci credere che era per il nostro bene, tracciabilità ecc...
    In pratica ti costringono a usare il sistema bancario, cosa devastante per l'economia, perché è proprio da quando le banche sono diventate così importanti che è iniziata, all'inizio serpeggiante, poi violentissima la vera crisi.
    Un esempio per tutti, l'Islanda, dove andavano solo di carta di credito.
    Io sono per la libertà, non vedo perché dobbiamo mantenere gli istituti di credito et similia, siamo già troppo tracciati, vedi internet, cellulare, ecc.. e poi devo rendere conto di come spendo i miei soldi?
    No, stiamo scherzando, che vadano a prendere i negozi cinesi sempre vuoti che in realtà (come i centri massaggi) sono "lavanderie" (ndr: lavaggio del denaro), e nessuno fa controlli se non sporadici e ben visibili con titoloni ad effetto sui giornali.
    Io tracciato, i delinquenti no.

    RispondiElimina
  6. In parte hai ragione sul fatto che sono sempre in bolletta. Pero' non capisco perche' dici della mannaia della credit score. Se sei puntuale nei pagamenti non hai problemi, anzi ti premiano. Nessuno ti obbliga ad usare le carte di credito. Puoi usare le debit card (bancomat) e spendere subito solo i soldi che hai in banca. Nessuno ti chiede di diventare "schiavo" degli istituti di credito anzi se li usi in modo corretto ne avrai solo vantaggi. Sei tu l'artefice del tuo destino in base alle tue scelte e ai tuoi comportamenti. Le banche ti offrono un servizio ma se vuoi puoi non usarle. Poi ovvio ci sono le speculazioni internazionali e quello e' un altro discorso. Tu dici: io tracciato, i delinquenti no. Ma io spero che io sia tracciato e i delinquenti anche invece di dire visto che non sono tracciati i delinquenti, meglio che nessuno venga tracciato. Tracciare i pagamenti di tutti consente proprio di prendere i delinquenti che altrimenti potrebbero evadere milioni e portarli in contanti in valigette in Svizzera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dissento... non è vero che io posso fare a meno degli istituti di credito, basta pensare che per esempio il datore di lavoro ti accredita lo stipendio solo sul cc, e in tutti i casi, negli States se non hai un conto corrente o una credit score, non ti affittano neppure la casa.
      Per cui sei obbligato di fatto a usarle, è il sistema che ti obbliga a farlo, e per le debit card, probabilmente da quest'anno, negli States verranno tassati maggiormente i singoli prelievi dagli atm, per obbligarti a usarle il meno possibile, in favore casualmente, dell cdc.
      E sulla tracciabilità:
      la legge italiana, dice chiaramente che i debiti vanno pagati al domicilio del creditore, e non specifica con quale tipo di moneta.
      Quindi io al lavoro, potrei anche obbligarli a pagarmi in contanti, perché già gli risparmio di venire, come dice la legge, a casa mia a portarmi il denaro.
      Se ci fosse più libertà nel far girare i soldi, ci sarebbe molto più business, e la gante lavorerebbe molto di più.
      Lo stato semplicemente intascherebbe più soldi visto che ci sarebbero molti più acquisti da parte della gente, e quindi un gettito "garantito e non aggirabile" di Iva che vai a pagare sui beni che acquisti molto più alto.
      Questo è abbastanza palese, in quanto proprio da quando hanno cominciato con questo regime di controllo assurdo, la gente non compra più nulla per paura di controlli, e le aziende chiudono.
      E' un dato di fatto.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  7. io penso che sia un po surreale avere solo il debit card o pagare con assegno, altrimenti non si spiega perche pure i grilli hanno la carta di credito ed e' proprio la carta di credito che ti fa costruire il credit score. E poi dove e' questo premio che dici tu? intendi i punti? beh ti danno 25$ di cashback quando spendi 2500$ su carta di credito, si 2,500$! oppure puoi comprare con i punti alcuni oggettistica sui loro siti pero' una cosa che costa per dire 100$ dollari ti chiedono 10,000 punti sul loro sito poi la prendi online e la paghi 50$ per cui dove sta il premio? mi sembrano i punti di quelle marche di latte italiane....
    se paghi un biglietto aereo con i punti prorata, per dire non hai abbastanza punti miglia allora compri una parte del biglietto con i punti pero poi il biglietto stesso non si puo cambiare non e' rimborsabile, se non lo usi perdi tutto e per di piu non ti contano nessuna miglia sulla tratta. Insomma io tutti questi vantaggi non li vedo, sono tutti gimnicks per farti spendere spendere spendere perche gli istituti che ti rilasciano queste carte di credito ovviamente guadagnano sugli interessi che devi pagare sul tuo debito per cui vogliono che spendi perche aumenta l'interesse. Ed e' vero che la gente spende molto di piu di quello che si puo permettere e poi alla fine si trova con migliaia di dollari da pagare. Un normale interesse e' al 12% - 14.5% per cui se hai un debito di spesa di 5000$ gli dovrai ridare 5,700$ e se non glieli dai ancora di piu e di piu e di piu. Poi per avere maggiori vantaggi con le carte di credito ovviamente non sono quelle che ti danno gratuitamente ma quelle che paghi 95$ all'anno o 145$ allora hai piu "vantaggi" ma per me vantaggi reali proprio non ce ne sono e' tutto orientato a farti spendere di piu in modo da essere loro debitore. Pensa questa, che e' divertente, una mia amica si doveva comprare la casa e aveva richiesto il mutuo e mentre doveva aspettare per essere approvata per i mesi antecedenti non doveva fare nessuna spesa perche se no la banca avrebbe visto che erano dei spendaccioni e gli avrebbero applicato un tasso di interesse sul mutuo piu alto, cosi lei per 6 mesi ha comprato poco e niente e subito dopo ha fatto acquisti regolarmente su carta... e' un sistema un po meccanico ma anche un po elementare che spesso non riscontra la realta. ma io vantaggi non ne vedo .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, io avevo una carta che innanzitutto mi dava sconti sulla benzina, mi pare fosse il 5%. Quindi se facevo la benzina e pagavo cash non avevo sconto, se usavo quella credit card avevo sconto. Gia' questo e' un vantaggio. Poi piu' usavo quella carta (ovunque, non c'erano negozi scelti da loro) e piu' accumulavo reward points che si convertivano in dollari. E a fine anno erano sempre un bel po di dollari che non avrei ricevuto se avessi pagato in contanti o con assegno o con debit card. Per me era vantaggioso usare la carta di credito invece che altri metodi che non mi avrebbero dato vantaggi, questo e' oggettivo. Ovvio che le carte di credito possono essere vantaggiose se paghi sempre in tempo i tuoi debiti. Altrimenti se vuoi spendere piu' di quello che puoi permetterti, se paghi sempre in ritardo, beh mi spiace ne paghi le conseguenze e devi pagare gli interessi. Ma se paghi sempre in tempo non paghi alcun interesse. Io vantaggi ce ne vedo se una persona e' oculata. Comunque ognuno e' libero di avere opinioni diverse su questi aspetti, ci mancherebbe. Grazie per il contributo interessante alla discussione!

      Elimina
    2. beh non so adesso mi sa che e' cambiato, perche ora ti fanno lo sconto se paghi cash, cosi loro non pagano il 3% di interesse e inoltre evitano le truffe,addirittura adesso quando paghi con la carta vogliono che digiti il tuo zip code. nuova regola.

      Elimina
    3. Allora vedro' cosa e' cambiato. Tra un paio di mesi saro' in Usa di nuovo (se mi approvano il Visa, entro poche settimane). Questa cosa del zip code non l'ho capita bene. Ogni tanto, se non ricordo male quando usavo debit o credit card, mi chiedevano anche il zip code. Forse era per confrontare cio' che gli dicevo a voce con cio' che avevano in memoria e per avere una mezza prova che la carta non era rubata? A volte, ma questo e' un altro aspetto quando andavo a portare indietro qualche prodotto e chiedere un rimborso mi chiedevano anche il zip code e qc altro dato. Perche'? Forse per vedere se sei una persona che abitualmente compra delle cose e poi le porta indietro dopo qc giorno?

      Elimina
    4. no vai alla pompa di benzina, vuoi pagare con la carta di credito e allora loro ti chiedono lo zip code che dovranno digitare, questo per evitare che tu stai usando una carta di credito rubata, perche ovvio che se e' tua tu sai lo zip code che e' associato alla carta se non e' tua no. E' per prevenire che si usino le carte di credito rubate/finte o identity theft almeno penso io! Comunque congratulazioni!!! allora ti hanno assunto? vedi la perseveranza paga sempre!

      Elimina
    5. comunque ora per controllare che la carta non e' rubata spesso a certi negozi specialmente di massa ti chiedono l'ID ovvero la patente....inoltre ultimamente non accettano piu tanto l'american express, ultimamente mi capita spesso, anche in questi negozi di wholesale dove fai la spesa, tipo costco per intenderci ma questo perche credo che abbia gli interessi piu alti di tutti.

      Elimina
    6. @ Mili si si mi hanno assunto e ora mi stanno facendo il Visa e appena e' approvato posso tornare in Usa, credo entro Luglio. Proprio oggi mi hanno confermato lo stipendio preciso che mi verra' dato. Magari scrivo un post per aggiornare tutti voi che mi avete seguito e mi seguirete ancora.

      Elimina
  8. Su alcune cose concordo, su altre dissento. In un certo senso e' anche vero che il sistema ti spinge ad avere un conto corrente pero' per me questo non costituisce una violenza o un problema ideologico, e' una cosa naturale come bere acqua. Non se ne puo' fare a meno e non credo che si sia mai potuto comprare una macchina o una casa pagando in contanti...occorrerebbero delle valigette piene di contanti con tutto il rischio che cio' comporta. :) La banca ti da' anche delle sicurezze no? Non e' necessariamente una associazione vampira a delinquere. Non ho capito cosa intendi per le debit card tassate. Se le usi per prelevare agli ATM, se usi la ATM della tua stessa banca non devi pagare neanche un dollaro per il prelievo. In Italia forse e' diverso con i prelievi con PostePay e PostaMat ora non ricordo.
    Per la legge italiana possono pagarti in contanti fino a 1000 euro, oltre i 1000 devono pagarti in modo tracciabile e quindi devi avere un conto corrente. Il discorso e' un po' lungo comunque se vedi il servizio di Report e' evidente che piu' c'e' contante, meno c'e' controllo e piu' c'e' evasione. E poiche' in Italia ci sono tanti furbetti evasori, piu' i disonesti evadono e piu' le tasse aumentano e le pagano sempre gli onesti. Piu' controlli, uso del danaro tracciabile per me vuol dire meno evasione e possibilita' di pagare tutti meno tasse. In Italia i soldi girano fin troppo e ad evadere sono milioni di Italiani proprio perche' sono poco controllati e usano molto, troppo, il contante. Guarda la puntata di Report, e' molto interessante. Ciao

    RispondiElimina
  9. La soluzione al problema è molto semplice, ci sono Stati che non fanno praticamente pagare le tasse e vivono da nababbi.
    Perché?
    Perché invitano gente con i soldi a spendere e investire, l'Italia invita a scappare, come d'altronde stai facendo tu.
    Se io voglio pagare con i contanti, perché non posso?
    E' lo Stato che deve dimostrare che io in qualche modo sono un delinquente, non devo essere io ad aiutare loro a dimostrare che sono pulito, sono pagati profumatamente per fare questo.
    E' come la privacy, ci sono persone (mentalmente disturbate) che sbandierando ai quattro venti "che non hanno nulla da nascondere" (come se agli altri fregasse molto di cosa fanno o non fanno), dicono di intercettare pure le telefonate, e quindi e-mail ecc... sono poi le stesse persone che contattate su FB ti chiedono come hai fatto a trovarle e che loro alla loro privacy ci tengono.
    E' pazzesco, la sanità mentale dell'occidentale europeo (escluso l'inglese, in parte) è andata alle cozze.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. @ Davide Non sono un super esperto ma per quanto ho capito, anche se hai 100 milioni di dollari devi cercare di avere una credit history solo se vuoi comprare qualcosa a credito. Se sei ricco e tutto cio' che compri lo paghi tutto subito (anche una casa) non hai problemi e teoricamente non hai neanche bisogno di fare debiti e avere una credit card, una credit history etc. Ma quando vorrai comprare qualcosa a rate, aprire un mutuo, prendere un appartamento in affitto (e quindi dovrai pagare mese per mese)chi ti fa credito, che di solito non e' la banca dove hai il conto, vuole avere qualche garanzia, vuole sapere che tu in passato hai sempre pagato i debiti nei tempi e poco conta se sei milionario o meno, che siano state rate piccole o piu' sostanziose, vuol capire quale e' la tua "pagella" di pagatore. Cio' che vogliono capire e' se tu sei affidabile perche' anche i milionari possono non pagare i loro debiti. Ma ti ripeto, come hai capito bene, se usi sempre la carta di debito ovvero la cifra pagata viene presa direttamente dal tuo conto bancario e non puoi mai spendere piu' di cio' che hai sul conto, non hai problemi.

    RispondiElimina
  12. Ciao,

    Il mio nome è Mr. Fred Peterson Io sono il proprietario di fredpetersonworldloan Offro prestiti a un tasso di interesse del 3%. se si ha realmente bisogno di un prestito è necessario compilare il modulo di richiesta preventivo di seguito prima di poter iniziare legalmente questa transazione. i tuoi dati sono al sicuro con noi, quindi non hai nulla di cui preoccuparsi.

    Se siete interessati, vi prego di contattarmi tramite il mio indirizzo di posta elettronica fredpetersonworldloan@yahoo.com.

    Cordiali Saluti

    fred

    RispondiElimina
  13. la mia esperienza è questa:
    quando sono arrivato in USA nel 2008 mi hanno detto che per costruire una buona credit history devi pagare tutto puntuale. Mi sono detto, allora è facile.
    Affitto pagato sempre puntuale, così come tutte le altre spese, due macchine comprate con un semplice assegno e tutto il resto pagato con la mia debit card, inoltre il conto sempre ampiamente in positivo.
    Un mese fa nel fare un nuovo contratto di fitto, mi dicono che non ho una credit history, e dopo una breve discussione mi dicono che è perchè non ho mai avuto una credit card.
    Allora mi informo per averne una, e la mia banca mi dice che se non ho credit history mi possono fare una secured credit card, mi spiegano che io carico i soldi che voglio utilizzare, ma per creare un buon credit score non li devo utilizzare tutti, anzi devo utilizzarne intorno al 10%, quindi se ci metto 5000 dollari (il massimo di questa carta) ne utilizzo 500. Già la cosa mi suona male!!! Ci penso qualche giorno e poi ritorno, questa volta ottengo maggiori dettagli, mi dice l'impiegato: di base è lo stesso funzionamento di una carta di credito normale, solo che tu presti i soldi a te stesso. Ok, dico, mi piace. ci sono costi? (siamo in america, tutto ha un costo). 29 dollari all'anno, me lo aspettavo. Ma poi mi dice, inoltre si paga il 23.24% di interesse sulle spese che effettui mensilmente, e mi fa anche l'esempio: se questo mese spendi 100 dollari, ti verranno addebitati 124 dollari. ah, allora se ho una normale carta di credito significa che mi prestano i soldi e io li restituisco con un interesse, mi sembra giusto. Qui io presto i soldi a me stesso ma l'interesso (usuraio direi) lo pago a loro!!!! ma qui siamo ben oltre il limite della pazzia! Questo paese vuole solo gente piena di debiti che si massacra per pagarli in tempo e spesso ne fa altri per pagare i precedenti.
    Saluti Davide

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Davide il segreto è utilizzare la carta di credito come vuoi anche al 100% ma un paio di giorni prima che chiudano i conti saldarne il 90% . in questo modo quando si chiuderà il periodo mensile risulterà che hai solo il 10% da pagare (e avrai un mese per pagare) . questo per avere un effetto positivo sul credit score. se invece utilizzi la carta di credito al massimo e fai risultare un saldo a chiusura periodo pari al massimo o anche superiore al 10-20% questo suonerà come un campanello di allarme alle tre società che si occupano del credit score.
      sebbene tu sia capace di pagare in tempo , "sembrerà" che tu sia sempre con l'acqua alla gola.


      Inoltre il famigerato interesse al 24% è APR ossia su base annua .
      Questo solo se paghi in ritardo .
      È un sistema questo del credit score che se lavori onestamente NON HAI NULLA da temere ma ti premia.
      In USA usa tanto il contante l'immigrato messicano (retaggio culturale) o chi ha introiti secondari a nero.
      Qui si usano debit/credit card anche per spese di un dollaro.
      E assegni come se piovesse visto che dopo averli versati (da casa facendo una foto all' assegno con lo smartphone) dopo 24 ore hai la valuta sul conto.

      Io dopo 30 giorni che mi è stato finalmente (dopo quasi un anno e mezzo che sto qui ) assegnato uno score ho 727 .

      Ripeto: è un sistema volto a premiare l'onestà.

      Se lo analizziamo con il retaggio culturale all'italiana allora si, ci viene da storcere il naso.

      Ma non è come sembra è solo un vantaggio per il consumatore ONESTO.

      Elimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina