Segui il blog tramite email

giovedì 21 marzo 2013

Ospedali italiani e rituali scaramantici

Ciao a tutti, sono ancora in Italia o meglio con un piede in Italia e uno negli Stati Uniti. 
Nel frattempo trascorro le giornate qui nel ridente Sud Italia e mi diverto ad assistere alle scene che mi offre la quotidianita'. Ospedale. Il chirurgo che pochi giorni fa aveva operato e poi dimesso mio padre, gli da appuntamento per un controllo al suo studio in ospedale per le 8 e 30. In sala ci sono un'altra decina di persone alle quali il dottore ha dato appuntamento allo stesso orario. Qualcuno di noi, forse quelli che sono stati in ospedali piu' efficienti, si chiede perche' mai non abbia dato appuntamenti con orari diversi. Ma siamo in Italia, non bisogna farsi troppe domande.
Si fanno le 8 e 40,  le 8 e 50 e del dottore non c'e' traccia. In sala d'attesa si inizia a mormorare e c'e' chi si lamenta ma sottovoce, per non farsi sentire da medici e infermieri che entrano ed escono dai reparti...le 9, le 9 e 15, le 9 e 30. E tutti aspettano ancora con pazienza. Un signore a un certo punto, combattendo contro i suoi sensi di colpa per cui e' sempre meglio non disturbare, si fa coraggio ferma un'infermiera e le chiede quasi con il capo chino:
- Mi scusi, c'e' il dottore oggi? Mi ha dato appuntamento per le 8 e 30.
E l'infermiera spazientita:
- E e va bene se ha dato un appuntamento per oggi vuol dire che viene!
E va via. 

Un'altra persona entra ed esce dalla sala d'attesa. Va al bar e torna, poi di nuovo al bar e torna. A un certo punto spiega a tutti gli altri che aspettano:
- Io faccio sempre cosi', perche' ogni volta che mi allontano dalla sala d'attesa, poi arriva il dottore.
Insomma ognuno ha i propri gesti scaramantici per far apparire il dottore, che infatti arriva...alle 10. E' piu' facile vincere al super enalotto che far materializzare un dottore puntuale.


P.S. Potrebbe divertirvi anche un'altro mio post a riguardo, per la serie inefficienza e furbizie italiane: Numerini

1 commento:

  1. Ah no, io sarei andata in escandescenze! Il mio tempo vale tanto quanto quello degli altri ed è l'unica cosa che nessuno mi può restituire, ci manca pure chi non vuole far la fila e mi fa perder tempo! Di furbi ce ne sono parecchi in questa Italietta ed io non vedo l'ora di andarmene anche per questo!

    RispondiElimina