Segui il blog tramite email

giovedì 21 marzo 2013

Missione (quasi) compiuta

Ciao a tutti, vi starete chiedendo a che punto e' la mia mission impossible: riusciro' a tornare a vivere negli Stati Uniti? Chi mi segue da qualche mese si ricordera' che ora sono in Italia e sto aspettando notizie dalla compagnia italiana con sede a NY. La prima ottima notizia e' che i proprietari italiani hanno approvato il budget per la sede americana che include la voce della mia assunzione.
Attendevo con ansia questa notizia.  Quindi pochi giorni fa sono stato contattato dagli avvocati di fiducia della sede americana che mi faranno le pratiche per un Visto lavorativo.
Mi sarebbe piaciuto ottenere il Visa E ma realisticamente, come immaginavo, mi hanno spiegato che questo tipo di visto e' un po' "rischioso" perche' in base ai miei titoli di studio, alle esperienze lavorative passate e alla descrizione dei compiti e responsabilita' che avro' in azienda, questo tipo di Visa potrebbe essere non approvato perche' viene concesso a chi lavora in posizioni manageriali o esecutive e l'azienda dovrebbe "colorare" troppo la posizione lavorativa dichiarando cose non totalmente corrette e inoltre se l'azienda dichiara che andro' a lavorare come manager con funzioni e responsabilita' specifiche poi dovrebbe anche darmi uno stipendio adeguato a quella posizione, altrimenti il dipartimento del lavoro americano potrebbe creare seri problemi all'azienda. Quindi e' meglio fare tutto correttamente e alla luce del sole e procederemo con le pratiche per un Visto H1B della durata di tre anni. Questo tipo di visto e' rinnovabile per altri tre anni ma poiche' gia' in passato ne ho ottenuto uno con un'altra compagnia, questo sarebbe il secondo e ultimo H1B. Il capo della sede Usa ha detto che l'importante per ora e' riuscirmi a portare li' a lavorare per loro, poi nei tre anni cercheremo di estendere la mia permanenza per altre vie, magari cercando di passare ad un altro tipo di Visa. Potrei chiedere all'azienda se puo' sponsorizzarmi per la green card ma questo lo potro' fare solo dopo aver conquistato la loro fiducia, non ora. Certo che te la fanno proprio sudare una permanenza in Usa che sia diversa dai soliti tre mesi per turismo. Figuriamoci l'odissea che sara' la green card, ne so gia' qualcosa perche' iniziai le pratiche per la green card con l'azienda per cui lavorai in passato ma poi le interruppi per tornare a vivere in Italia. E' davvero un traguardo difficilissimo, molto lungo, dispendioso e quasi impossibile da raggiungere. Ma per ora mi va benissimo cosi'. Step by step.
Vi tengo aggiornati. Stay tuned!

6 commenti: