Segui il blog tramite email

sabato 21 novembre 2015

Visita medica per la green card

Qualche settimana fa ho fatto l'Immigration Physical ovvero la visita medica per la Green Card. Prima di raccontarvela vorrei fare un breve riepilogo dei passi piu' importanti anche per far capire quando sia lungo e complesso tutto il processo per diventare un Permanent Resident.

Il primo e probabilmente il piu' importante e' ottenere l'approvazione da parte del Dipartimento del Lavoro.  La compagnia che vuole sponsorizzare uno straniero deve dimostrare che ha una posizione aperta per la quale ha sondato il terreno prima "tra gli americani". Quindi per alcune settimane deve mettere annunci su internet o su giornali nazionali (come il NY Times) e quando arrivano i Resume (CV) deve analizzarli bene e se li scarta deve mandare una lettera ad ogni candidato per ringraziare e comunicare che purtroppo non e' adatto alla posizione. La compagnia deve fare delle copie di queste lettere per poi argomentare bene al Dipartimento del Lavoro perche' quei candidati americani non andavano bene (pochi anni di esperienza, studi universitari non proprio adatti alla posizione, conoscenza di una sola lingua quando ne servirebbero due etc etc). E e' solo allora che la compagnia, viste quelle circostanze particolari, "chiede il permesso" al Dipartimento del Lavoro di assumere un cittadino non-Americano che gli sembra adatto alla posizione.

Dopo l'approvazione, che non e' scontata, si puo' proseguire con i passi successivi. La compagnia deve ora dimostrare o meglio dichiarare per iscritto che lo straniero sponsorizzato non verra' sottopagato. C'e' una lista di salari minimi per ogni posizione lavorativa e ogni area degli Usa per cui la compagnia dichiara che non dara' uno stipendio piu' basso. Questo e' per evitare che la compagnia assuma stranieri solo per una questione economica. Gli Stati Uniti dicono: vuoi assumere un non-americano perche' ti sembra piu' adatto alla posizione? Bene, non puoi dargli meno di questo salario. Altrimenti la tua assunzione sarebbe solo di comodo e svantaggerebbe i lavoratori americani.

E si arriva quindi alla visita medica. Mi e' stata data una lista di studi medici nella mia citta' legata all'Immigration, ne ho scelto uno e ho fissato l'appuntamento.
Lo studio era molto particolare con varie decorazioni di Halloweem sulle pareti. Un'atmosfera  familiare e serena. Una dottoressa mi ha misurato peso, altezza, pressione e mi ha fatto compilare alcuni moduli tra cui c'erano domande come: Fumi? Hai problemi di alcool? Allergie particolari? Problemi psicologici particolari?
Poi un dottore mi ha fatto al visita vera e propria. La prima parte per analizzare le mie facolta' psico-motorie. Alza la gamba destra, alza la gamba sinistra. Toccati la spalla sinistra con l'orecchio sinistro, ora la destra con l'orecchio destro,  spingimi verso di te, ora lontano da te, tira fuori la lingua, dentro la lingua, guarda in su, guarda in giu. Mi veniva un po' da ridere, ma mi sono trattenuto.
Poi nella seconda parte mi ha iniettato di tutto...vaccinazione per l'influenza e per la varicella, antitetanica, puntura sul braccio per la tubercolosi per la quale sono dovuto tornare dopo due giorni a far vedere il braccio. E poi mi ha fatto un prelievo del sangue per analizzare, a quanto ho capito, il sistema immunitario e la sifilide. E la visita e' finita li'.
Una volta arrivati i risultati delle analisi il dottore mi ha telefonato, mi ha detto che era tutto ok e mi ha fatto tornare per firmare i vari moduli con i risultati. Il rituale prevede tre moduli da firmare: la mia copia, quella che del dottore e quella da mandare all'immigration in busta sigillata. Il dottore ha firmato con me come testimone, poi ha fatto firmare a me con lui come testimone. Ha messo una copia in una busta gialla, l'ha sigillata con scotch trasparente e ha scritto su la sua firma in lungo in modo che risulterebbe evidente se qualcuno aprisse la busta per cambiare qualcosa. E l'Immigration invaliderebbe il tutto.

Ho inviato la busta sigillata al mio immigration lawyer il quale ha inviato altri moduli da compilare e firmare a me e al mio capo. Compilati e firmati, li abbiamo mandati indietro all'avvocato.
Si tratta degli ultimi moduli per chiedere al Department of Homeland Security di farmi un adjustment of Status e farmi quindi (e finalmente) diventare un Permanent Resident.
L'avvocato ha inviato quindi tutto questo al DHS: l'approvazione del Dipartimento del Lavoro, la busta sigillata con i risultati della visita medica e vari altri moduli. Il DHS analizzera i moduli e fara' i vari controlli di rito sulla mia fedina penale dopo di che' dovrebbe dare l'approvazione alla mia Green Card! Ricevero' prima una comunicazione via lettera e dopo due settimane mi verra' inviata la Green Card vera e propria, il famoso pezzo di carta, il cartellino verde...il passaporto per la liberta'!

Un processo molto lungo ma sono quasi alla fine. Ormai si tratta solo di aspettare.
I'll keep you posted!

9 commenti:

  1. congrats! dai tuoi post si capisce che é stato un processo lungo e anche stancante a tratti, spero di riuscire a fare lo stesso nei prossimi mesi!

    Saluti da Brema

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In bocca al lupo! Ma quindi vieni in USA?

      Elimina
    2. Eh vediamo. Credo cominceró a muovermi per la burocrazia nei prossimi 3-4 mesi. Spero di riuscire a fare il salto entro la seconda metá del 2016. Il problema é che io lavoro nel settore protetto dal regolamento ITAR per cui ci vanno abbastanza cauti..

      Elimina
  2. Niente radiografia ai polmoni ?
    A me la fecero .
    Ti fanno anche l'esame per l'HIV anche se non te lo dicono ( parola di un infermiere al Varelli di Napoli che e' l'ospedale preposto alle visite per la Green Card in Italia ) .

    Ancora tanti tanti auguri e dopo 5 anni di residenza potrai applicare per la cittadinanza USA se vorrai .

    Ciao e tante buone cose .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No niente radiografia, mi ha fatto fare respiri profondi etc ma niente radiografia. Non sapevo dell'HIV, beh tutto ok comunque. Credo che una volta presa la GC andro' fino alla cittadinanza tra 5 anni o poco piu'.

      Elimina
    2. Claudio, sei sicuro che facciano il test HIV come dici tu? Io lo spero, insomma...hanno detto che dal 2013 l'avevano tolta dagli esami...mi confermi che la fanno ancora nel 2016/2017?

      Elimina
  3. E se alla visita medica non si risulta sani? Ti buttano giú dalla rupe di Sparta?

    RispondiElimina
  4. Buon per te!
    Anche io vorrei trasferirmi in USA ed iniziare il mio percorso verso la GC.
    Sto provando da qualche mese dall'Italia a mandare il resume a diverse aziende ma poche risposte per ora...quelli che mi hanno risposto mi hanno chiesto se ho il working visa, ed alla mia risposta negativa sono scappati a gambe levate!
    Considerando che ho quasi 37 anni e 15 anni di esperienza nel mio settore (informatica), difficilmente potrò utilizzare la carta dello student visa per avere intanto più tempo a disposizione. Continuerò a provarci ma la vedo dura se sono così "nazionalisti"...accetto ovviamente qualunque consiglio :)

    RispondiElimina