Segui il blog tramite email

lunedì 18 febbraio 2013

Cercare lavoro negli Stati Uniti: permessi e burocrazia

Ciao a tutti, leggo spesso gli sfoghi, le arrabbiature e le delusioni di ragazzi italiani che stufi del nostro Paese dicono che un giorno prenderanno la decisione di andare a vivere e lavorare negli Stati Uniti. Pochi sanno che non e' cosi' facile. Quando davvero prenderanno la fatidica decisione di partire davvero, pensano che la decisione, arrivata dopo anni di valutazioni su pro e contro, costituisca gran parte della riuscita. Invece e' solo un dettaglio insignificante perche' non basta partire per riuscirci. Magari fosse cosi' facile! Ecco un interessante articolo sulla difficolta' di cercare lavoro negli Stati Uniti: Cercare lavoro negli Stati Uniti: permessi e burocrazia.

8 commenti:

  1. il link mi carica un video su come si cerca un appartamento a san francisco su craigslist....

    RispondiElimina
  2. Grazie per la segnalazione Mili! Ho corretto il link.

    RispondiElimina
  3. figurati il tuo blog mi piace, piu' che altro mi piace la tua tenacia. Ho letto su altri blog che alcuni italiani che stanno tentando di ottenere la carta verde hanno letto che il governo regolarizzera' milioni di immigrati clandestini (messicani e non) ed erano piuttosto giu' di morale perche non vedevano vicini il loro sogno, ma non e' proprio cosi' prima di tutto e' una proposta, e poi questo principio se verra' attuato verra' espletato in un ciclo di 8 anni dicono, e poi molti sono persone che vivono qui da anni che hanno figli qui che vivono e lavorano qui e contribuiscono all'economia, per esempio ci sono studenti di note universita piccoli geni con voti eccellenti che rappresentano l'america e portano alto il nome degli States...ed e' giusto che vengano acknowledge come si dice in italiano...riconosciuti. pero penso che non debbano perdere la speranza neanche gli italiani. Comunque io tutto sto sogno americano non lo capisco, ne conosco a bizzeffe di Italiani qui a New York e non mi pare che facciano chissa' quale vita idilliaca, certo sicuramente si vive meglio che nell'Italia di oggi, piu' leggi e piu' ordine e piu senso civico, ma non vedo queste vite da American dream. Forse solo uno il mio dottore che e' primario in un noto ospedale ma quella e' un'altra generazione mica la nostra....ciao!

    RispondiElimina
  4. Mili, ho letto anche io della proposta di Obama e spero che se a breve mi ritrasferiro' in Usa potro' un giorno essere considerato anche io come avente diritto alla green card. Non mi pare giusto che milioni di persone che sono entrate illegalmente debbano avere una sanatoria e ottenere la green card mentre altre migliaia di persone che sono entrate legalmente facendo tutta la trafila dei visti e contribuendo per anni all'economia americana non siano meritevoli di green card. Capisco quando dici che l'american dream non e' come quello di una volta. Nei miei quasi 7 anni in Usa me ne sono reso conto, non e' tutta rose e fiori la vita in Usa pero' poi essendo tornato a vivere in Italia dal 2010 ad oggi mi sono reso conto che qui la situazione e' davvero critica, se non cambiano le cose tra poco diventeremo tutti poveri e affamati e non scherzo, la situazione e' davvero drammatica. E' ovvio che in confronto alla situazione italiana gia' solo avere un buon lavoro e riuscire ad essere indipendenti, mantenersi senza farsi aiutare dai genitori, e' per molti italiani un grande successo. Gli Usa non saranno il Paradiso, l'american dream e' una cosa solo dei film o per pochi fortunati o persone di altissimo talento ma nonostante la loro forte crisi sono anni luce piu' avanti rispetto all'Italia di oggi.

    RispondiElimina
  5. In Italia... allora se fai il dipendente sei uno sfigato, ovvero o lo fai ad un certo livello, oppure rimarrai un emerito Fantozzi per tutta la vita.
    Cosa diversa se imbrocchi un mestiere assurdo, come per esempio addestratore di cani, si proprio addestratore di cani, avete capito bene, conosco chi si è appena comprato il Tuareg nuovo facendo quel lavoro.
    E proprio in un momento di crisi come questo, segno che chi lavora in settori da fighetti dove occorre spendere soldi per inutilità, non conosce momenti tristi.
    Per il resto a quel paese l'Italia, si arranca, se imbrocchi vivi bene, forse molto bene, altrimenti fai la fame.

    RispondiElimina
  6. Ma che bello, 10 commenti di un post spariti assieme al post stesso.
    Quindi la gente scrive, perde tempo per condividere informazioni utili, e poi il post viene cancellato???

    RispondiElimina
  7. Machine Pistole hai ragione me c'e' un motivo per cui li avevo tolti temporaneamente. Non ricordo se ho la tua email. Posso spiegarti meglio in privato. :)

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina