Segui il blog tramite email

domenica 2 marzo 2014

Vantaggi di usare una credit card in America


Pochi giorni fa ho ricevuto un buono di circa $150 da American Express - Costco.
Ve ne avevo accennato gia' in passato ma per chi si fosse perso le "puntate" precedenti...Qui in America, l'uso delle credit card e' molto diffuso prima di tutto perche' e' molto utile allo Stato per tracciare i pagamenti e combattere gli evasori e poi per chi le utilizza perche' puo' crearsi una storia di credito, un credit score, e ottenere qualche altro ultile vantaggio. Quando sono tornato qui in America qualche mese fa avevo bisogno di una nuova credit card soprattutto per tenere traccia di tutte le mie spese mensili e capire in particolare quanto spendo per cibo, benzina, abbigliamento e svago. E poi, perche' no, per mantenere alto o migliorare il mio credit score e ottenere qualche vantaggio rispetto all'uso del contante. Cosi' dopo aver fatto qualche ricerca online ho letto che una tra le centinaia di carte di credito una delle migliori e piu' adatta a me e' l'American Express associata al mega-store Costco. Ne ho richiesta una e mi e' arrivata per posta dopo pochi giorni.
Da quel giorno l'ho usata per quasi ogni mia spesa, anche per un semplice caffe' al bar.
Questa credit card offre i seguenti cash back:
3% cash back at U.S. gas stations and on gasoline at Costco (up to $ 4,000 in purchases, then 1%)
2% cash back at U.S. restaurants
2% cash back on eligible travel purchases
1% cash back on other purchases including at Costco
E cosi' ad ogni spesa ho accumulato dollari di cash back e pochi giorni fa mi e' stato inviato il buono annuale da spendere (solo) da Costco. Poiche' li' vendono praticamente di tutto, non avro' problemi a spenderlo.
Vedendo questa trasmissione di Report che ripropongo ancora una volta su questo blog ho notato che in Italia invece siamo ancora troppo legati al contante:


Mi sono piu' volte chiesto il perche' e provo a dare delle spiegazioni o meglio delle opinioni personali. Magari sbaglio ma probabilmente in Italia molti sono ancora troppo legati al contante perche':
 - Hanno diffidenza verso il nuovo e le tecnologie moderne.
Mi riferisco soprattuto agli anziani che sono abituati a vedere e toccare con mano le banconote degli euro e hanno paura di perdere la carta di credito. Pero' mi chiedo: non hanno paura di uscire dalla posta e tornare a casa con i soldi della pensione in tasca?
 - I datori di lavoro possono pagare i dipendenti in nero ed evadere le tasse. Emblematica la risposta della ragazza all'inizio della puntata di Report. Alla domanda: come ti pagano? Lei risponde: NORMALE, a nero.
- I professionisti possono farsi pagare in contanti ed evadere le tasse.
Quante volte avete sentito dirvi da un idraulico, un elettricista, un dentista: con o senza fattura?
Sono $100 con la fattura o $80 senza fattura.
- Hanno una certa ideologia distopica da 1984 Orwelliano.
Ho sentito piu' volte frasi come: eh si ma poi se usiamo le carte di credito verremo controllati e spiati. Ma controllati da chi e per quali ragioni? Pensano davvero che ci sia un luogo segreto in qualche caverna sotterranea in cui centinaia di uomini spia stanno a controllare se oggi hanno comprato due Kg di mele invece che tre come la settimana scorsa? Cosa hanno da nascondere?
- Hanno paura della clonazione delle carte.
In realta' la clonazione avviene per lo 0.017 dei casi e in quel caso si viene rimborsati.
Se in altri Stati non hanno questa paura perche' dobbiamo averla noi Italiani? Siamo forse meno coraggiosi? Evidentemente si'.
Ma probabilmente tutte queste opinioni sbiadiscono se consideriamo l'aspetto fondamentale della differenza tra America e Italia:
In America incentivano l'uso delle carte di credito, in Italia no.
Almeno cosi' mi pare. Correggetemi se sbaglio.
Quanto si paga in Italia all'anno per avere una carta di credito?
Quali vantaggi vengono offerti a chi le utilizza?
Quanto fanno pagare al commerciante che le accetta?
Qui in Usa chi ha una credit card non deve pagare neanche un dollaro per il servizio. Ovviamente se si paga in ritardo, gli interessi sono altissimi ma si ha un minimo di attenzione e magari si setta il pagamento in automatico non ci sono problemi. Ovvio se a fine mese non si hanno i soldi per pagare i propri debiti e' un altro discorso.
Ora che ci penso forse e' questo che allontana molte persone dall'utilizzo delle credit card in Italia.
Magari contano, giustamente, sullo stipendio mensile per pagare il debito mensile con le credit card ma non si sa mai che il datore di lavoro decida di pagare lo stipendio in ritardo di qualche settimana perche' non ci sono soldi. Sarebbe da arresto ma sorvoliamo.
Ad ogni modo le ragioni per cui si e' troppo legati al contante in Italia sono molteplici.
La differenza piu' curiosa pero' e' che il principio Italiano e' sempre punire e sanzionare, quello Americano e' premiare. Anche nella proposta di Report che pure e' molto al passo con i tempi e a favore e dei pagamenti tracciabili e' presente questa mentalita' perche' sostanzialmente propone di penalizzare chi utilizza il contante e non di premiare chi usa le carte come fanno in Usa.
Non lo so, so solo che se avessi usato il contante ora avrei $0 e invece avendo usato la carta di credito ora ho tra le mani un simpatico buono da $150.
Per i veri motivi per cui in Italia siamo ancora troppo legati al contante aspetto le vostre risposte.
Alla prossima.

32 commenti:

  1. ciao, io sono un italiano in Francia, e anche io una volta arrivato qui ho trovato il magico mondo delle carte di credito, qui sono utilizzate sempre, nella maggior parte dei negozi il minimo è 1 euro (tranne Lidl che è 5 euro, e i tabacchini che è 14), i negozianti non hanno tasse sopra i pagamenti in CB (Come vengono chiamate qui) e se un negoziante si rifiuta in teoria si può chiamare anche la Polizia, credo che anche qui sia fatto per controllare meglio i flussi dei soldi e capire non cosa si acquisti ma se si spende quanto si guadagna o di più, tra l'altro macchinette anche per i biglietti sono ovunque e tutti hanno una carta di credito a partire dai 18 anni, l'unica cosa che qui hanno iniziato ad usare meno in certe situazioni è l'uso degli assegni.
    In Italia mia sorella ha 1 negozio, comprai 1 cosa da lei, volevo pagare con carta e lei mi rispose: Ma sei pazzo? Dopo devo anche farti lo scontrino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo mi hai fatto ridere pero' mi confermi anche tu la differenza di mentalita' tra Italia e fuori-Italia.

      Elimina
  2. Distinguerei tra carta di credito e bancomat (o carta di debito). Con la carta di credito si dilaziona il pagamento, col bancomat si addebita immediatamente l'importo sul proprio conto, solo se i soldi ci sono già.
    Il bancomat l'ho sempre usato molto, quasi sempre, ma spesso i piccoli esercizi non sono attrezzati e accettano soli contanti, e per me che ne ho sempre in tasca il minimo è un problema.
    Per quanto riguarda l'uso delle carte di credito, io ho sempre usato solo una carta prepagata, per gli acquisti online.
    Non ho una carta di credito per alcuni motivi:
    1. Il costo. Queste carte hanno un canone fisso e si pagano interessi sui pagamenti.
    2. I rischi di frodi varie. A parte la clonazione, che è il male minore, bisogna essere prudenti con gli acquisti online.
    3. Il buon senso di non fare il passo più lungo della gamba. Se devo indebitarmi per comprare qualcosa di cui ho assolutamente bisogno lo faccio, ma l'uso smodato del credito fa perdere di vista i conti.
    Per quanto riguarda l'italiano medio, credo che ci sia più che altro pigrizia e mancanza assoluta di voglia di innovazione. Anche al supermercato tanti pagano in contanti, e in questo caso non c'è evasione fiscale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahem, parlando di pigrizia, mi riferisco soprattutto al bancomat, che molti non usano mai.

      Elimina
    2. Ma... sul punto 1 e 2 non sono molto d'accordo... ci sono carte di credito che non hanno costi (io ne ho una), ed inoltre puoi scegliere di pagare il saldo in unica soluzione a fine mese senza un euro di interessi.
      Per i rischi, con un pó di accortenze il rischio è prossimo allo 0, anche se, ad onor del vero causa anche la poca cultura dell'uso delle carte di credito qui in Italia quasi mai ti chiedono un documento di identità, tutto a favore dei truffaldini, ricordo invece negli Usa era il 2006 e MAI ho pagato senza che mi chiedessero un documento...

      Elimina
    3. @ Luciano Quanto si paga di canone fosso per avere una carta di credito in Italia? Qui non si paga niente. Per gli interessi invece sono molto salati, sul 20%, solo se non si paga in tempo.
      Se a fine mese paghi il tuo debito non paghi un centesimo di interesse.
      Qui piu' che in Italia tutto acquistano tutto online pero' pochissimi hanno paura delle carte clonate anche perche' quando avviene l'istituto di credito se non erro ti rimborsa. Almeno per le debit card e' cosi', per le credit card non sono sicuro. Tempo fa persi la debit card e qualcuno riusci' a spendere $700 dollari nonostante l'avessi bloccata dopo pochissimo tempo. La banca mi diede $700 indietro, dopo pochi giorni di indagini (non riuscirono a capire chi avesse fatto quelle spese).
      E' vero che avere carte di credito puo' far fare il passo piu' lungo della gamba, la differenza e' che in Usa sono meno prudenti e piu' impulsivi, diciamo cosi', sono un po' bambini in confronto alla mentalita' un po' "anziana" e prudente europea e piu' specificamente italiana.

      Elimina
    4. Hai ragione Marco, anzi in Usa se usi la carta di credito in un negozio e fai una spesa di qualche centinaio di dollari solitamente ti chiedono anche la driver's licence (che per loro e' come la carta di identita') o il passaporto se capiscono che sei straniero.

      Elimina
    5. Probabilmente Marco ha ragione ed esistono carte di credito gratis. Io ho visto che c'era un canone e che c'erano degli interessi leggiucchiando tempo fa. Non sono interessato in generale alla carta di credito per i motivi che ho detto prima. Non mi indebito se non ne ho assolutamente bisogno, per principio. Anzi, in realtà non mi sono mai indebitato ed ho anche l'abitudine di pagare i conti con molto anticipo.

      Elimina
    6. Anche io Luciano (vedi la mia risposta ad Anna). Non mi indebito se non ne ho bisogno ma io so sempre se sul conto ho chesso' 3, 4mila dollari e quindi e' ovvio che non spendero' mai piu' della cifra che ho sul conto, sarei un pazzo. Vado a fare la spesa oggi e spendo $50, poi magari faccio benzina e ne spendo altri $50, poi il giorno seguente vado sul mio account online e saldo il debito di $100 con la carta di credito che li preleva in automatico dal mio conto in banca. Non aspetto di far accumulare un grosso debito. Non devo aspettare fine mese per saldare il debito. Posso pagare i miei debiti piu' volte al mese e mi trovo bene cosi' perche' e' tutto molto facile e accumulo punti e quindi dollari che non avrei mai ottenuto pagando cash o con debit card.

      Elimina
  3. io non ho la carta di credito (a parte la prepagata che uso su internet) né mi interessa averla perché pago tutto con bancomat nei negozi e con la prepagata online. non ne avverto il bisogno e soprattutto mi sento molto più a mio agio a spendere soldi che ho effettivamente in quel momento sul conto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, in effetti se in Italia usare una credit card porta piu' svantaggi che vantaggi non ha molto senso utilizzarla. Infatti mi pare di capire che se in Italia si usa un credit card non si hanno punti, buoni o euro indietro dopo aver speso un tot. Neanche a me piace fare debiti e spendere soldi che non ho sul conto. Infatti io faccio cosi'...uso la carta di credito che e' associata al mio conto in banca in cui so sempre quanto ho. Uso la carta di credito per ogni mia spesa ma non aspetto fine mese per pagare il debito con la carta di credito. Ogni quattro,cinque giorni vado online sul mio account della credit card e vedo quanto ho speso fino a quel momento, di solito sono 200-300 dollari e saldo il debito con un clic. La carta di credito li preleva dal mio conto in banca e quindi dopo poche ore il debito con la credit card e' 0 e sul mio conto bancario ho la cifra reale al netto dei debiti. E faccio cosi' ogni quattro, cinque giorni cosi' in pratica non ho mai debiti per piu' di pochi giorni e so sempre quanto ho davvero sul mio conto bancario. Perche' faccio cosi' e' semplice, usare la carta di credito mi fa accumulare soldi, usare la debit card invece no. E inoltre pagare sempre in tempo i debiti con la credit card mi fa aumentare il punteggio del credit score utilissimo poi per avere interessi bassi quando si compra una macchina o una casa etc. Anzi ora mi viene una curiosita'...in Italia quando si compra una macchina o una casa quali garanzie si possono dare se pochi usano le carte di credito e quindi e' difficile dimostrare che si e' debitori affidabili che negli anni hanno saldato sempre in tempo i propri debiti? Just curious perche' non ho mai fatto spese a rate in Italia.

      Elimina
    2. di solito in italia per cose "piccole" tipo finanziamenti per una moto o cosa ne so, qualche mobilio per la casa, ti chiedono la busta paga e basta.

      per il mutuo ti chiedono la busta paga ma spesso non basta (penso dipenda molto anche dal tuo reddito in relazione all'importo che chiedi alla banca), vogliono altre garanzie, tipo una persona che garantisce per te (esempio classico il genitore con la pensione, ovvio non la pensione minima), oppure suppongo che se tu hai altri immobili tu possa ipotecare quelli per usarli come garanzia.

      chiaramente se nell'ambito di un finanziamento, anche solo un banale finanziamento per le rate di una tv, ritardi nel pagamento, finisci nell'elenco dei cattivi pagatori, lì non so bene cosa succede ma mi pare che tu ci rimanga per tot anni e a quel punto penso che sia molto difficile per te accedere a qualche tipo di credito.

      questo anche non lo so direttamente ma attraverso testimonianze di altri, comunque più o meno funziona così: contratto di lavoro / busta paga + controllo che tu non sia nella lista dei cattivi pagatori + eventuali altre garanzie se l'importo è alto / il tuo reddito è basso.

      Elimina
  4. Naturalmente dipende da quale istituto di credito si parla, nel mio caso ho una carta di credito con funzione anche bancomat e non ho nessun canone fisso (perchè trattasi della prima carta di credito richiesta all’apertura del conto) e non pago nessun interesse avendo scelto di pagare a saldo in un unica soluzione. Per la carta di credito non posso superare però il plafond mensile di euro 4000,00 ed ho una commissione sui prelievi ATM di euro 2,90. Se decidessi di optare per un rimborso delle spese a rate (OPZIONE REVOLVING CARTA): il tasso di interesse sarebbe fisso Tan 13,90%. Esempio: prelievi e acquisti di 1.600 euro - Totale interessi 179,90 euro - Spese invio carta e PIN 1,90 euro - Rimborso totale di 1.781,80 euro in 18 mesi. TAEG: 15%. Importo rata 100 euro.
    In ogni caso ci sono altre carte di credito che si possono richiedere con una spesa mensile a partire da euro 20,00.
    A me personalmente piacerebbe utilizzare quasi sempre sia la carta di credito che il bancomat ma incontro spesso difficoltà soprattutto al centro/sud e le mie opinioni concordano con le tue!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow esistono carte di credito per cui ti fanno pagare $20 al mese per averla? $240 l'anno? E ti credo che nessuno le usa. Qui non si paga neanche un dollaro l'anno per avere una credit card e come ho scritto non solo non si paga per averla ma piu' la usi e piu' soldi ti daranno indietro per le tue spese.

      Elimina
  5. Ciao, in effetti qui le carte non si utilizzano molto, sebbene io utilizzi il bancomat pure per prendere le patatine al supermercato.
    I motivi sono semplici, almeno per me:
    prima di tutto ci sono le commissioni, poi il fatto che la cifra mi venga addebitata il mese dopo mi mette in ansia perché mi sembra che mi faccia spendere di più di quello che in realtà ho, e poi perché alla fine la carta di credito l'ho fatta più che altro per l'estero, ma ogni anno mi pelano un bel po' di euro per "mantenerla" viva.
    Tieni conto che qui il fisco è poi un "tantino" diverso da quello americano, ti faccio un esempio:
    qui sei tu che devi dimostrare che non evadi il fisco, non il fisco a dimostrare che evadi.
    Ultimamente un paio di amici sono stati fermati più volte alla guida delle loro vetture (un Porsche Cayenne e una Corvette) dalla Guardia di Finanza, per controllare se potevano permettersi tali macchine.
    In ambedue i casi sono stati trattenuti più di mezz'ora, tanto che dopo il secondo "fermo", constatando che erano in regola con le tasse, gli hanno fatto un "lasciapassare", in maniera che le volte future in cui venivano fermati, potevano esibire il "lasciapassare" e cavarsela in pochi minuti.
    Un'altra persona che conosco è stato messa sotto osservazione con relativa convocazione, perché a detta del fisco conduceva un tenore di vita superiore ai suoi guadagni, in pratica era iscritto in una palestra abbastanza prestigiosa e si recava all'estero 4 volte all'anno, più ristoranti e acquisti di elettronica abbastanza frequenti.
    E' dovuto andare all'Agenzia delle Entrate a spiegare che lavora ma vive in casa, per cui nonostante il guadagno non sia elevato, non avendo spese, può permettersi di spendere senza troppi problemi.
    Capisci bene che con una situazione così anche chi è onesto ha paura, tanto che il mercato delle auto di lusso da due anni a questa parte ha subito una flessione del 40%, chi può non acquista beni di lusso per paura di essere "interrogato" e doversi prendere un costosissimo avvocato tributario per dimostrare di essere in regola.
    So che è anche colpa dell'italiano evasore, però ci rimettono anche gli onesti, e da qui il fatto di non usare troppo le carte di credito.
    Io poi ho un brutto rapporto con le banche, che a mio parere hanno troppo potere e hanno messo in ginocchio l'Europa, che fa fatica a riprendersi, non avendo un sistema di business dinamico come quello statunitense.
    Nonostante tutto uso la carta di debito tantissimo, ma non quella di credito, che uso più che altro all'estero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Machine Pistole, ti capisco.
      Quando parli di commissioni cosa intendi? Chi usa la credit card deve pagare commissioni in Italia? Non e' solo il commerciante a doverla pagare?
      Bisogna aspettare fine mese per saldare i debiti con le credit card? Qui in realta' puoi saldare i debiti quando vuoi, puoi andare sul tuo account online e pagare quello che c'e' da pagare ovvero il debito che si e' accumulato fino a quel momento. Cioe' se tu spendi 70 euro in tre giorni, il quarto puoi saldarlo e i tuoi debiti partono da zero. Poi spendi altri 100 dollari in due giorni, il terzo giorno saldi il debito che torna di nuovo a zero e cosi via. Almeno io faccio cosi' altrimenti accumulerei debiti troppo alti e non mi piace pensare di avere un tot sul conto in banca quando invece sono di meno perche' ho i debiti con la credit card. Percio' pago la credit card ogni pochi giorni e sono ok. Alla fine qui non ci sono costi per tenere viva la credit card, quindi perche' no? La uso e ho solo vantaggi.
      Il fisco italiano e' quello che e', concordo, ma e' marcio perche' sono marci molti italiani evasori e quindi come spiega anche Report quando poi trovano un piccolo evasore o anche una persona onesta che fa un errore poi se la prendono con lui e sono severissimi. Grazie anche a te per il tuo contributo. Ma ho una curiosita' ora, come si fa in Italia a dare garanzie quando si compra qualcosa a rate? Come fanno a capire se sei un debitore che sanda puntualmente i propri debiti se in Italia a quanto pare non esiste il concetto di storia di credito come in Usa?

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. bè ma alla fine per come la usi tu la credit card è poco diversa da una debit card, se appena fai le spese tempo 3-4 gg poi le copri subito attingendo dal tuo conto non è molto diverso da chi usa il bancomat per cui i soldi te li prendono immediatamente.

      non so io non vedo particolare avversione in Italia per i pagamenti digitali, chiaro non parlo degli anziani ma della nostra generazione diciamo. forse dipende dalle zone, in sardegna ho notato che molti posti, anche ristoranti o alberghi piccoli per dire, non hanno il pos, qui da me è inconcepibile.

      penso piuttosto che, quello sì, nella mentalità italiana rispetto a quella americana ci sia più la tendenza ad evitare i pagamenti rateali se possibile, e più in generale a evitare di "spendere soldi che non si hanno", cosa che mi pare gli americani facciano con maggiore disinvoltura. a me non sembra così un male per un certo verso, anche se dall'altro è chiaro che questo, soprattutto in un periodo di recessione come quello attuale, crea una riduzione dei consumi particolarmente pesante che va ovviamente ad incidere sull'economia del Paese: gli italiani se i soldi non ce li hanno non li spendono, più hanno paura di perder il lavoro, la casa ecc e più cercano di risparmiare all'osso e spendere ancora meno. Gli americani forse no, ipotizzo, o in minore misura.

      Non so se mi spiego. Io nel tuo comportamento (non è una critica eh, una mia analisi, capace che mi sbagli) vedo molto la mentalità italiana e molto poco quella americana: alla fine sì hai la credit card e la usi perché ti dà vantaggi e non ha spese, ma di fatto la usi come se fosse un bancomat italiano o quasi, ti mette a disagio spendere soldi che non hai e hai paura di perdere di vista le tue spese. Correggimi se sbaglio, non è un atteggiamento molto americano, da quel poco che ne so eh. Mi sembra molto italiano, perché è la stessa identica cosa che farei io ;-)

      Elimina
    4. Ciao Anna, hai perfettamente ragione...uso la credit card quasi come una debit card adoperando piu' la mia mentalita' italiana. :) Infatti la uso solo perche' usandola guadagno dei dollari e poi non mi costa niente usarla. Non mi piace indebitarmi e devo sempre avere il controllo di quanto ho realmente a disposizione per questo pago i miei debiti ogni 4-5 giorni. La tua e' un'analisi corretta. Gli Americani invece non si fanno troppi problemi a indebitarsi e spendere piu' di quello che possono e poi anche a pagare interessi molto alti sui loro debiti. In effetti questo da' vivacita' alla loro economia ma e' molto pericoloso per chi non sa gestirsi... Pero' se guardi il servizio di Report noterai che ci sono anche tanti altri motivi per cui molti italiani hanno paura di usare pos (i commercianti) e carte di credito, primi tra questi la possibilita' di evadere un po' di tasse.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    6. a me personalmente non ricordo sia mai capitato che mi dicessero "NO" alla mia domanda "posso pagare con bancomat?", però non ho dubbi che in alcuni casi possa accadere, forse in zone diverse o forse per importi alti che io non spendo :-D

      io non ho mai molto contante addosso e pago cash soltanto in posti davvero piccolini tipo i fruttivendoli, qui da me anche molti banchetti del mercato hanno il pos. la spesa al supermercato, per dire, è raro che la paghi cash, così come vestiti, scarpe ecc.

      io penso, o almeno avverto, che non c'è tanta avversione per il pagamento digitale quanto per le carte di credito, per i motivi che hai indicato anche tu.

      chiaro sicuramente per alcuni commercianti magari invece c'è l'avversione in generale per il pagamento digitale in quanto "tracciabile". qui da me in nessun negozio si "dimenticano lo scontrino", neppure dai cinesi, per cui che paghi cash o no non penso gli faccia differenza. magari in altri posti è diverso, non saprei.

      Elimina
    7. Probabilmente vivi in qualche zona buona d'Italia o l'Italia e' cambiata. Ditemi un po' voi. Al Sud dalle mie parti ricordo che non erano certo molti i commercianti che amano usare il Pos e i professionisti che amano accettare pagamenti tracciabili.

      Elimina
    8. Nella puntata di Report e' molto interessante ascoltare tutte quelle le persone e i commercianti intervistati che non amano i pagamenti tracciabili.

      Elimina
    9. In effetti Machine pistole ha detto una inesattezza.
      Le commissioni le pagano in Italia solo i commercianti e non i clienti.
      Una carta Visa costa 50 euro all'anno.
      Io nello stato dove vivo, uso solo una debit card e con quella ci faccio solo quello che voglio.
      Da Walmart mi hanno clonato per 2 volte su 2 la carta di credito e sono riusciti a "rubarmi" 350 dollari in una cittadina del Texas.
      Risultato nessun rimborso e tanti saluti.
      Perciò io uso solo la debot card e funziona benissimo.

      Per quanto riguarda gli evasori..
      La colpa dell'evasione non è degli italiani, ma del sistema politico.
      Quando le tasse sono al 65/70% sei obbligato ad evadere!
      Quando in Italia arriverà un politico che come prima cosa abbassa le tasse al 25/30% allora sono sicuro che tutti pagheranno le tasse e sono convinto che lo Stato incassserà di più di quello che incassa attualmente.
      Io sono scappato dall'Italia perchè è un paese morto ,senza futuro, dove i politici se ne fregano dello stato del Paese e dove gli italiano sono troppo pigri e lamentoni per poter fare qualcosa di concreto.
      Negli USA, con tutti i difetti che anche questo paese ha, almeno si respira un'aria di libertà e rispetto nei confronti del cittadino.
      Qui almeno i miei figli hanno un futuro e la meritocrazia conta qualcosa.

      Elimina
  6. Hey, torno a vivere in america l'hai fatta un po troppo facile. Le banche americane almeno qui in texas la carta di credito non la mollano se non hai un buon credito, e to bild the credit purtroppo serve la carta di credito. Anche se avevo dei soldi in banca, appena arrivato mi chiedevano: what is your income? Non avevo un lavoro (ora di lavori ne ho 2), quindi niente income e allora niente carta di credito, ma volentieri ti danno the debit card. Avevo cominciato a lavorare e la carta di credito non me l'hanno data lo stesso, nonostante il bonifico che arrivava regolarmente in banca. Ho dovuto aprire una secure credit card, che regolarmente carico tutti i mesi per tirare su il credito. Non ne parliamo se vuoi chidere una macchina a rate, proprio oggi mi hanno schiaffato una tassa d'interesse al 18% sotto la dicitura: first time buyer. Chiamavamo ladri chi in Italia ci faceva pagare 8.9% sulle rate della macchina, but those guys here have the cake..lol. Su una cosa sono daccordo, l'utilizzo della debit o credit (secure) card, anche per l'espresso mattutino al coffe bean del costo di 1.89$ in quanto del contante non ne possiedo quasi mai. Se succedesse anche in Italia, sarebbe molto più difficile ad evadere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Renato, infatti all'inizio e' difficile ottenere una credit card. Ne ho parlato in un altro post. Pero' e' essenziale cercare di averla per la credit history. Anche io quando arrivai qui 10 anni fa comprai una macchina e mi fecero pagare 9.9% di interessi sulle rate perche' non avevo storia di credito. Pochi mesi fa ne ho comprata un'altra e poiche' ho una storia di credito e un credit score buono questa volta gli interessi che mi hanno fatto sono attorno al 2%.

      Elimina
    2. Ciao renato , saluti da Follett,Tx .
      Io ho fatto i tuoi stessi passi .
      Aprire conto Bofa
      Secured credit card
      Lavorare
      Pagare tasse
      Et voilà alla chiusura dell' anno fiscale è apparso il mio primo score (727)
      L'autore di questo blog aveva già un credit score grazie alla sua passata esperienza di lavoro negli States ecco perché gli hanno subito dato la Rewards Credit Card di Costco .

      Alcune note tecniche :
      Ogni volta che richiedi una CC o un prodotto finanziario viene effettuato un Hard Inquiry sul tuo Score che viene abbassato di qualche punto.
      Anche se a buon fine (credito erogato) lo Score si abbassa.
      Circa 4 punti in meno per una Credit card e anche 20 punti in meno per un Loan
      Gli hard inquiry rimangono visibili sul tuo score per due anni anche se essendo virtuoso pagatore recuperi tutti i punti persi.
      Questo perché chi interroga il tuo credit score possa farsi una idea di te come pagatore dando uno sguardo al grafico storico del tuo score .

      Se utilizzi la carta di credito oltre il 80..90 % del credito disponibile e fai chiudere i conti portando un balance così alto (maxed out) il credit score si abbasserà ANCHE SE PAGHI IL BALANCE IN TEMPO.

      Invece un paio di giorni prima della cutting date devi pagare quasi tutto il debito facendo si che a chiusura conti ti risulti un balance non superiore al 20% del credito disponibile (400 Usd su una classica carta di credito da 2000 dollari).
      In questa maniera alle "tre sorelle" che si occupano dello score (Equifax , Experian , Transunion) non risulterà che stai "con l'acqua alla gola" e il tuo score aumenterà.

      Un piccolo e legale modo per avere sempre un credit score in salute.

      Ciao

      Elimina
    3. Tutto vero Claudio, grazie per i dettagli che possono essere utili o comunque interessanti per i lettori.

      Elimina
  7. Io vi riporto la mia esperienza di vita tra la costiera Amalfitana e Napoli e ho trovato molti esercizi commerciali di medie o piccole dimensioni che vogliono solo il contante. Inoltre ho avuto a che fare con una compagnia di noleggio auto di medie dimensioni che ci impone di far pagare i clienti solo con il contante ed utilizza il Pos solo in casi rari, lasciamo perdere....
    Massimiliano

    RispondiElimina
  8. Leggevo che la Amex Costco è gratis solo se sei membro Costco.
    Giusto?
    Quanto costa un membership Costco ?

    Interessante il sistema del cash rewards... ora che richiedo la CC per mia moglie valuterò le CC di quel tipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Claudio, la membership di Costco costa $55 l'anno e da molti vantaggi perche' Costco lavora con margini molto bassi, conta molto sulle membership annuali e quindi i prezzi dei prodotti riesce a tenerli piuttosto bassi rispetto a quelli degli altri negozi, almeno per molti prodotti e' cosi'. Ora non so cosa succede alla Amex se non rinnovi la membership Costco, forse non puo' essere piu' utilizzata o forse ti fanno pagare una fee all'anno. Ad ogni modo a me conviene lo stesso perche' anche se non faccio quasi mai spesa da Costco usando cmq la credit card in soli sei mesi ho accumulato $150 di reward, in un anno ne accumulo circa $300 e quindi i $55 della membership Costco sono ben ammortizzati anche se non facessi mai spesa da Costco. Cmq quella delle carte di credito e' un universo sconfinato. C'e' quella associata a un tipo di gestore di benzina che ti offre sconti solo sulla benzina, c'e' quella di Macy's che se non ricordo male ti offre sconto anche del 50% su tutta la tua spesa entro un paio di giorni dall'apertura della credit card, c'e' quella di Guitar Center che ti consente di acquistare strumenti costosi e pagarli a rate a interessi zero...devi solo trovare quella che fa per te e stare attento a pagare i debiti sempre in tempo ma da cio' che hai scritto sopra sai molto bene come funzionano e tutti i trucchetti per far aumentare o cmq non far abbassare troppo il credit score.

      Elimina
    2. Ragionamento che non fa una grinza , il tuo.
      Se vivessi in una grande città dove sono presenti questi negozi tipo Costco , Sears ... avrei fatto esattamente come hai fatto tu .
      Una bella CC cash rewards e via..

      Saluti

      Elimina